GPO IMOLESE TUBERTINI - LA POLISPORTIVA DELLA PESCA

 
 

Immagine
 Ianniciello Claudio al primo Meeting dell'amicizia 2012 laghi CSAA di Bentivoglio, Bologna... di Admin G.P.O.
 
"

CURIOSITA'

NEL G.P.O. IMOLESE TUBERTINI CONVIVONO
BEN 7 SPECIALITA' DELLA PESCA:

PESCA AL COLPO
CARP FISHING
SPINNING
TROTA IN LAGO
PESCA IN FIUME
PESCA IN MARE
ARCI PESCA


G.P.O. IMOLESE TUBERTINI
"
Seguici: 
Titolo
 
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 30/09/2012 @ 20:19:46, in CURIOSITA', linkato 8155 volte)
COSTRUIRE E MODIFICARE CANNE DA SPINNING E DA CASTING
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Non sempre troviamo la canna che fa per noi o la canna che troviamo non ci soddisfa appieno.
Di norma ci sono due grossi filoni:
1)    non troviamo proprio la canna che vogliamo
2)    la canna ci soddisfa ma ha difettucci per adattarsi a noi, al nostro modo di pescare
 
il caso (1) ha poche soluzioni, solo se sappiamo benissimo che fare e conosciamo i grezzi delle camme lo possiamo “risolvere”.
E sempre per canne abbastanza “standard”, avventurarsi in canne estreme e’ quasi impossibile salvo rischiare clamorosi insuccessi.
Si risolve comprando (in genere) negli USA un grezzo e nel montarselo o farselo montare.
Peccato che spesso ormai le spedizioni dagli USA costino piu’ della meta’ del costo del materiale.
Se decidiamo di fidarci di ottimi artigiani, o meglio artisti, come da Paolo del negozio l’Hobby di Faenza, montando componentistica abbastanza standard siamo certi che avremo un attrezzo pari a uno commerciale come qualita’ con le rifiniture e i colori che desideriamo.
Per esempio si fa se si cerca una canna molto simile a una nota non piu’ in produzione o non piu’ reperibile di cui si sia certi che il grezzo sia MOLTO simile.
In passato si comprava a prezzi bassi in USA (sito Mudhole su tutti) e talvolta certe canne conveniva addirittura comprarle con questo metodo.
Nulla vieta di comprare (con tutte le difficolta’ di interpretare le misure in pollici e gli ingombri “sulla carta”) anche la componentistica per avere canne completamente custom.
Qui spesso gli accessori, ovvero il complesso placca, manico, ornamenti e soprattutto gli anelli, costano ben piu’ della canna.
Anche qui esistono kit predefiniti che tolgono molti problemi e vie del tutto originali.
Anche qui ovviamente i passanti (gli anelli) vanno scelti in base a criteri noti (per es. il Fuji concept) e possibilmente omogenei.
Le differenze tra una stessa canna anellata in modo ottimale e anellata male o solo fantasiosamente sono abissali, si va da canne meravigliose a canne poco utilizzabili anche assumendo che la canna sia montata come richiesto quindi o “in spina” o “contro spina” scegliendo la parte della canna piu’ o meno rigida in base alla costruzione del grezzo stesso.
Ovvio che montaggi fuori spina di norma siano scadenti, salvo alcuni montaggi a spirale adottati in poche canne da casting.
Io fortunatamente possiedo una canna da salmoni (gia’ usata!!e con successo) montata a regola d’arte artigianalmente con manico in legno naturale e sughero superiore.
E’ il regalo di un amico e oltre a essere bellissima lavora meglio del corrispondente prodotto commerciale.
Altro caso e’ un cannino montato sempre dallo stesso amico, da pochi dollari, che con passanti  “standard” era poco reattivo e che l’intuito del mio amico ha reso eccellente montando un set di passanti leggerissimi, monoponte in titanio (non poco costosi… ma i passanti durano piu’ della canna).
A volta anche l’alleggerimento di pochi passanti si sente, mettendo in cima i passanti ultraleggeri.
A parte questi casi, non troppo comuni, restano le “personalizzazioni” di canne commerciali.
Ovvero la canna in se ci soddisfa ma ha:
1.    manico corto
2.    manico lungo
3.    manico grosso
4.    manico nel posto per noi sbagliato
5.    canna troppo lunga/corta/morbida
 
una canna troppo morbida, accettando qualche rischio, si indurisce (non sempre in modo perfetto) accorciandola in genere dalla cima ed eventualmente ritoccando la passantatura.
Con le moderne colle epossidiche spostare un manico e’ un’impresa che forse non vale piu’ la pena di affrontare, meglio giocare su allungare o accorciare il manico.
Anche il caso di manico grosso si affronta limando ad hoc l’esistente, e non e’ troppo difficile, , se il manico e’ troppo sottile in genere c’e’ poco da fare.
Accorciare il manico
Questo intervento serve spesso se siamo molto bassi (quindi il manico standard, che va bene a molti, ci risulta troppo lungo) o se l’attrezzo che ci piace e’ dimensionato in modo eccessivo, per veri giganti.
Certe canne americane sulla pezzatura da 7 piedi hanno manici grossi e lunghissimi, per persone over due metri sono adatte, per l’italiano medio un po meno.
L’operazione qui e’ concettualmente facile, si taglia un pezzo di manico (non con una sega da fare legna, meglio con una fresa da trapano ad alta velocita’ o una sega da ferro) , si rimette incollando con l’epossidica il tappo e ci siamo.
Che difficolta’ incontrero’? Che avro’ una canna con maggior peso in testa avendo tolto peso dal fondo, col mulinello piu’ indietro e con meno spazio per l’uso a due mani, quindi una bilanciatura differente.
Magari dovro’ bilanciare la canna con un mulinello differente, visto che a voler essere raffinati non si bilancia la canna ma il complesso canna piu’ mulinello.
Mulinelli estremamente validi passano da 200 a 330-400 grammi sulla stessa taglia (2500-3000) e la differenza non e’ da ridere per il bilanciamento.
Io amo e uso mulinelli leggerissimi e questo spesso complica non poco il bilanciamento di canne lunghe.
Allungare la canna
Questo capita quando abbiamo canne col calcio corto, di norma definite da belly o da barca…
Io credo che in questi casi prima di stravolgere la canna sia da chiedersi come mai sui e’ comprato quell’attrezzo se non ci soddisfa..
Io ho allungato due o tre canne, un paio comprate d’occasione e una perche’ non acquisibile se non con quel calcio.
Infatti molte case offrono diversi calci sulla stessa canna.
Per allungare il processo e’ un po piu’ complesso, si deve sempre segare la canna, infilare un perno all’interno della canna, incollare il tutto dopo aver costruito sul perno il nuovo fondo della canna, gestire i giochi e incollare.
Di norma il perno e’ un pezzo di legno duro cartato per portarlo conico o un pezzo di canna di scarto, infilato per qualche cm.
Il calcio in aggiunta si costruisce di solito con  tappi di sughero (che raccomando di ottima qualita’) forati nel centro, incollati con colla bicomponente e infine incollati  al manico esistente.
Il tutto con calma e fissando i pezzi per avere un manico perfettamente in asse.
Ovvio che questo alleggerira’ la punta della canna e bilancera’ verso il manico.
Si puo’ fare, ma personalmente non mi piacem, anche un bilanciamento piu’ estremo in caso di allungamento o accorciamento del manico mettendoci dei pesi ad hoc ma credo che questo renda la canna meno reattiva, magari piu’ bilanciata ma meno reattiva.
Do per scontato che cambiare i passanti sia piu’ comodo e con maggior resa estetica se fatto da competenti, tanto in negozio per comprare il passante bisogna andarci.
Ultimo intervento alla portata di molti, specie se dotati di pazienza, attaccare l’anellino portaesca dove manca nella canna.
Su internet si trovano facilmente le indicazioni e magari ci si accontenta di legarlo con ottimo cotone o uno spezzone di trecciato.
La differenza rispetto ai passanti e’ che si puo’ accettare per l’anellino porta esche una legatura non perfetta e magari non usare una resina bicomponente ma attack o verificatore per parquet.
Inoltre un errore di allineamento sarebbe accettabile mentre per i passanti non lo e’.
 
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
 

 
 
Titolo
STABILIMENTO ITTIOGENICO DI PANIGALE GESTITO DALLA FIPSAS, LIZZANO IN BELVEDERE, BOLOGNA
Le foto sono di Luciano Benassi, l’articolo e’ della Provincia di Bologna
 
Lo Stabilimento Ittiogenico di Panigale in Comune di Lizzano in Belvedere venne costruito
direttamente dalla Provincia di Bologna nella seconda metà degli anni ’60 con il preciso scopo di
sostituire nella produzione di novellame di trota fario la struttura demaniale presente in località Le
Fontane e ormai abbandonata dal Consorzio Obbligatorio Tutela Pesca (oggi gestita dalla S.P.S. il
Salmerino). A questo primo impianto si affiancò poi nel 1972 anche il laghetto di Porchia che venne
acquistato con il preciso intento di completare il ciclo produttivo dei salmonidi del polo ittiogenico
bolognese. Dal 1976 al 1989 la gestione degli stabilimenti di Porchia e di Panigale venne affidata
all’Azienda Regionale per il Riequilibrio Ittico e Faunistico (ARIS) che li sfruttò per la schiusa di uova embrionate acquistate sul mercato ed il primo accrescimento di novellame destinato alle Province di Bologna, Modena, Forlì e Ravenna.
Nel 1989 la Provincia di Bologna rinunciò al rinnovo del contratto di affitto con la Regione e
orientò l’attività dello Stabilimento Ittiogenico di Panigale verso la produzione a ciclo completo di
novellame di Trota fario di elevata qualità da destinare al ripopolamento delle acque bolognesi. La
struttura del laghetto di Porchia venne invece concessa in comodato d’uso al Comune di Lizzano in
Belvedere per finalità di pubblico interesse nel 1991; comodato poi successivamente rinnovato a favore del Parco Regionale del Corno alle Scale.
Fino al 2005 la gestione dell’impianto di Panigale è stata effettuata direttamente dal Servizio Tutela
e Sviluppo Fauna attraverso un vivaista-ittico che risiedeva all’interno della struttura. Con il
pensionamento di quella particolare figura professionale la conduzione dell’allevamento è stata
esternalizzata e affidata alla Federazione Italiana della Pesca Sportiva e Attività Subacquee (FIPSAS), mantenendo inalterato l’obiettivo della produzione di novellame rustico di Trota fario da destinare al ripopolamento delle acque pubbliche.
 
 
- Funzionamento dell’impianto
La scelta di puntare ad ottenere materiale di elevata qualità ed un alto livello di rusticità, condiziona fortemente le modalità di gestione dell’impianto. Le densità degli animali vengono mantenute a livelli bassi ed eventuali esuberi vengono tempestivamente sfoltiti attraverso piani straordinari di ripopolamento. Sono banditi i trattamenti antibiotici con mangimi medicati e anche le procedure di
disinfezione sono ridotte allo stretto indispensabile per contrastare situazioni di criticità. l’alimentazione artificiale viene somministrata manualmente per evitare sprechi e interferenze con la qualità dell’acqua. Lo Stabilimento è articolato in varie strutture che assolvono funzioni specifiche nelle varie fasi del ciclo produttivo. Nella parte alta (vasche A) si trova una struttura canalizzata, in cemento, che viene utilizzata come accumulo e carico per il rifornimento idrico dell’avannotteria. Al piano terreno dell’edificio si trova un locale avannotteria che ospita embrionatori, vasche di schiusa e di svezzamento che ricevono acqua
per caduta dalla struttura di carico. Uova,avannotti e trotelline durante la loro permanenza in avannotteria vengono sottoposti a blandi ma regolari interventi di disinfezione con prodotti a base di acqua ossigenata e acido acetico. A lato dell’edificio si trovano 3 vasche circolari (vasche B) e 5 vaschette di prima crescita (vasche C), all’interno delle quali vengono ospitate le trotelline dopo lo
svezzamento avvenuto in avannotteria. Queste strutture sono state utilizzate anche per attività di sperimentazione (es. riproduzione di cavedano e gambero) e annualmente ospitano materiale di provenienza certificata destinato all’attività agonistica primaverile delle Società Sportive della zona.
A valle dell’edificio si trovano le vasche di accrescimento e stoccaggio dei riproduttori. Si
tratta di una struttura formata da 2 grandi vasche rettangolari suddivise ciascuna in serie di 6 vasche consecutive che in condizioni di funzionalità normale vengono attivate ad anni alterni. L’alimentazione idrica di questa parte dell’impianto avviene attraverso una derivazione diretta di acqua dal Torrente Silla. Le quantità derivate variano stagionalmente in relazione alla portata del torrente ma comunque non eccedono mai i 15 l/sec. L’acqua passa in successione da una vasca all’altra e dall’ultima si riversa in un canale di scarico che la riporta direttamente nel torrente Silla. Le 6 vasche annualmente impegnate mantengono suddivisi individui di 1, 2, 3 anni e i riproduttori separati per sesso (2 vasche di femmine, 1 vasca di maschi). In queste fasi gli animali hanno solo raramente bisogno di interventi di disinfezione e il mangime è somministrato manualmente in modo da non creare depositi residui sul fondo.
 
Produzione
L’obiettivo dell’autosufficienza produttiva per la Provincia di Bologna in termini di novellame da
ripopolamento è stata raggiunta dallo Stabilimento di Panigale nel volgere di pochi anni dal 1989.
Il fabbisogno medio annuale è mediamente attestato sui seguenti quantitativi:
n. 50.000 uova embrionate distribuite in Marzo – Aprile;
n. 70.000 avannotti immessi in Aprile – Maggio;
n. 40.000 trotelline 4/6 cm immesse in Maggio – Giugno;
n. 2.000 trotelle 9/12 cm immesse in Ottobre – Novembre.
A questo materiale da ripopolamento si aggiungono normalmente 200/300 kg di riproduttori a fine
ciclo che vengono immessi nei laghi e nei bacini montani prima della riapertura annuale della pesca
(ultima domenica di Marzo). In annate particolarmente favorevoli la produzione dello Stabilimento ha permesso di eseguire interventi di ripopolamento autunnali con trotelle anche nei laghi e in acque
extra-provinciali di confine. Nelle annate 2008 e 2009 la produttività dell’impianto è stata contenuta sui livelli necessari per il soddisfacimento delle sole esigenze dell’alto Bacino del torrente Silla in attesa di acquisire per lo Stabilimento il riconoscimento comunitario di Impianto indenne da Setticemia Emorragica Virale (V.H.S.) e da Necrosi Ematopoietica Infettiva (I.H.N.). Tale procedura si è formalmente conclusa nel giugno 2009 con un riconoscimento che coinvolge il Bacino idrografico del torrente Silla e le strutture di produzione e gestione di salmonidi che vi ricadono (oltre allo Stabilimento di Panigale, il laghetto di pesca Agritur e l’allevamento del Salmerino s.s.). Assolta la procedura formale l’impianto ha ripreso una regolare funzionalità ed ora punta verso nuovi ambiziosi obiettivi come il miglioramento genetico del materiale prodotto.
3 - Gestione
Dal febbraio 2005 la gestione della struttura è affidata alla Federazione Italiana della Pesca Sportiva e Attività Subacquee (FIPSAS) che assicura il regolare funzionamento dell’impianto attraverso proprio personale ed il supporto di collaboratori volontari. Tutte le attività si svolgono in accordo e con la supervisione del personale tecnico del Servizio Tutela e Sviluppo Fauna.
L’Amministrazione Provinciale garantisce attraverso risorse proprie o regionali i necessari interventi di manutenzione straordinaria. In particolare negli ultimi anni è stato richiesto alla Regione di finanziare un progetto finalizzato triennale per circa € 300.000,00 con il quale si sta procedendo alla ristrutturazione delle parti impiantistiche più vetuste (impermeabilizzazione e stuccatura di vasche, rinnovo di paratoie di presa, potenziamento dell’avanotteria, ecc.). Parte delle risorse disponibili è destinata anche alla prevenzione della predazione da parte di aironi cenerini che ormai frequentano stabilmente l’allevamento.
Nell’estate 2010 la FIPSAS ha ritenuto di impegnarsi attivamente per il miglioramento genetico del
materiale da ripopolamento prodotto nell’impianto attivando un contratto di collaborazione con il
Dott. P. Gibertoni, ittiologo reggiano di fama internazionale, che dispone tra l’altro di un parco
riproduttori selezionato di Trota fario di ceppo mediterraneo tipico dell’Appennino Tosco-Emiliano.
Questo nuovo rapporto ha portato all’applicazione di nuovi protocolli che stanno fornendo eccellenti risultati.
 
 
 
  
 
  
 
 

 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 23/02/2012 @ 17:38:34, in CURIOSITA', linkato 2318 volte)
IL NUOVO SOCIO DEL GPO TUBERTINI:
UNA ROUBAISIENNE EVOLA 9000 A CHI INDOVINA CHI E'...
 
Non chiedetelo al webmaster perche' gli e' solo stato chiesto di pubblicare la foto ma non gli e' stato detto chi e' il proprietario dell'avambraccio : - )
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 18/01/2012 @ 22:04:55, in CURIOSITA', linkato 10366 volte)
NUOVO CANALE TELEVISIVO VIA SATELLITE SULLA PESCA, ITALIAN FISHING TV
 
“Diffondere e infondere” la passione per la pesca: questa è la mission di Italian Fishing TV, il NUOVO progetto editoriale che ha come cuore pulsante il canale televisivo, presente sul canale 839 della piattaforma SKY, e come altro mezzo di comunicazione il sito internet.
 
La pesca è una passione sana, uno sport che aiuta a concentrarsi, che da la possibilità di confrontarsi con un avversario da rispettare, senza sovrastarlo; un modo di riscoprire il proprio legame con la natura, e con il proprio io più profondo.
 
Il target a cui Italian Fishing TV si rivolge sono sì i pescatori (è proprio pensando alle esigenze di intrattenimento di questa fascia di utenza che nasce questo canale televisivo), ma l’obiettivo di questo progetto è acquisire un pubblico più vasto, con contenuti mirati a coinvolgere un raggio più ampio di telespettatori.
 
Perché questo scopo sia raggiunto sono necessarie le IDEE, ed è su queste idee che punta Italian Fishing TV, trasformandole in format studiati ad hoc, dove i protagonisti sono i più grandi campioni di pesca italiani che si rivolgono direttamente agli spettatori coinvolgendoli e spiegando loro tutto ciò che riguarda la vita del pescatore sportivo.
 
Le varie rubriche di approfondimento tratteranno l’argomento PESCA in tutti i suoi aspetti, da un punto di vista tecnico-sportivo, naturalistico e paesaggistico, enogastronomico, turistico. L’alta qualità delle immagini, nonché dei contenuti, grazie alla varietà del ricco palinsesto, fa di Italian Fishing TV il canale punto di riferimento per tutti gli appassionati di pesca e non solo.
  
 
   
FREQUENZE
Per poter vedere Italian Fishing TV sul tuo televisore è INDISPENSABILE disporre di una parabola e di un decoder.
 
Se hai un qualunque abbonamento a SKY, potrai vedere Italian Fishing TV al canale 841.
 
Se possiedi un decoder FREE potrai vedere Italian Fishing TV sul satellite HOT BIRD effettuando una ricerca per canale, oppure tramite ricerca manuale, inserendo i seguenti dati: FREQUENZA 11470 S/R 27500 POLARITA’: VERTICALE FEC 5/6
  
 

 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 26/12/2011 @ 23:30:58, in CURIOSITA', linkato 1973 volte)
Divertiamoci un po’ con Bill Dance
 
Chi e’ Bill Dance?
Bill Dance e’ un famoso pescatore americano di Spinning e Casting che conduce una trasmissione di successo negli Stati Uniti d’America e che si chiama “Bill Dance Outdoors”.
Bill è nato il 10 luglio del 1940 a Collierville nel Tennessee, e’ sposato con Dianne e ha 4 figli
Dance e’ anche uno scrittore di libri di successo sulla pesca e ha vinto parecchi titoli da professionista come pescatore di Bass, i suoi articoli sono pubblicati su alcune delle più importanti riviste americane del settore tipo :Bassmaster, Afield Field e Stream ecc. ecc.
Nella sua carriera, iniziata nel 1968, ha prodotto 36 video e 12 video didattici e, per un certo periodo, essendo, a volte, particolarmente imbranato durante le riprese ha prodotto una sorta di Candid Camera intitolata “Bill Dance Outdoor” che è stata trasmessa piu’ volte in molti paesi del mondo.
È anche proprietario di un sito, ovviamente intitolato a se stesso, molto frequentato dai pescatori made in USA
Il link è il seguente : http://www.billdanceoutdoors.com/
 
Di seguito alcuni suoi video trovati in rete…buon divertimento : - )
 
 
 
Il rapporto meraviglioso di Bill con gli animali ...
 
 
Ed infine una raccolta del "meglio" di Bill Dance : - )
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 11/11/2011 @ 23:19:34, in CURIOSITA', linkato 1642 volte)
SECONDA EDIZIONE DELL'ITALIAN MASTER, OSTELLATO 12 NOVEMBRE 2011.
IL G.P.O. IMOLESE HA PARTECIPATO CON BEN 16 COPPIE
ALLA FINE DELL'ARTICOLO C'E' IL LINK AI DUE ALBUM DA 300 FOTO OGNUNO
 
Sabato 12 novembre, sul noto campo di gara di Ostellato si svolgerà il secondo Italian Master ( gara internazionale di pesca al colpo a coppie e a squadre a tecnica libera ). La società di pesca sportiva agonistica G.P.O Imolese Tubertini sarà la compagine con il maggior numero di agonisti iscritti alla competizione con un totale di ben 16 coppie.
Di seguito il programma della manifestazione:
PROGRAMMA
GIOVEDI E VENERDI 10 E 11 NOVEMBRE:
ORE 7,00 17,00: PROVE LIBERE (CHI CE C'E') NEI LUOGHI ASSEGNATI DAL PRE SORTEGGIO;
SABATO 12 NOVEMBRE:
ORE 7,00: ARRIVO PARTECIPANTI PRESSO LUOGO DEL RADUNO (PALAZZETTO SPORT);
ORE 8,30: DISTRIBUZIONE BUSTE;
ORE 10,30 13,30 CIRCA: INIZIO E FINE GARA;
ORE 14,30: RITROVO PRESSO PALAZZETTO SPORT (LA PESCA IN PIAZZA);
ORE 15,00 ORE 16,00: LOTTERIA (GRATUITA) CON ESTRAZIONE PREMI PER I PRESENTI CON CARTELLINO GARA;
ORE 16,00: INIZIO PREMIAZIONI CON CONSEGNA DEI PREMI ASSOLUTI. I PREMI DI SETTORE SARANNO CONSEGNATI CUMULATIVAMENTE IN UNA UNICA BUSTA CHIAMANDO LA SOCIETA DI APPARTENENZA (PER VELOCIZZARE);
ORE 17,00: ASSEMBLEA NAZIONALE AGONISTI (CONFERMATA);
ORE 19,00: CHIUSURA ITALIAN MASTER E STAND AZIENDE (LA PESCA IN PIAZZA)
REGOLAMENTO PARTICOLARE ITALIAN MASTER
La gara aperta a tutti fino ad un massimo di 900 partecipanti (450 coppie) e le iscrizioni devono pervenire agli organizzatori entro e non oltre il 30 ottobre 2010.
Il raduno viene organizzato al palazzetto dello sport vicinissimo piazza Ostellato.
Raduno: Palazzetto Sport Ostellato ore 7
Inizio gara: ore 10,30 circa ( 3 ore ) ore 10,20 inizio 10 Minuti di pasturazione pesante
Zone campo gara: il campo gara sar suddiviso in tre zone: Ostellato vecchio due zone: da 0 a 300 (1 zona) da 301 a 600 (2 zona); Covato terza zona (altri 300 concorrenti)
Settori da 10 Coppie
Limiti ed esche consentite per concorrente:
17 litri tra pastura (bagnata e pronta all'uso), terra (anche asciutta), mais, brecciolino e canapa. 2 litri di bigattini compresi colorati e max 1/2 litro di fouilles (nei 2 litri).ver de vase 50 gr., lombrichi solo da innesco
Quota di Iscrizione: 60,00 per coppia. 120,00 per squadra
Premiazioni settori:
1 sett. 160,00;
2 sett. 100,00,
3 sett. 60,00
Assoluti di Squadra
1 sq ass. 1.000,00 + Trofeo Pesca In
2 sq ass. 600,00 + Trofeo Citt del Rubicone
3 sq ass. 300,00 + Trofeo Trofeo Bar Michela
4 sq ass. Trofeo Ostello e Ristoro C Anita
5 sq ass. targa Noi Pescatori
Assoluti di coppia:
Zona Covato:
1 coppia assoluta: 200,00
2 coppia assoluta: 100,00
1 Zona Valle lepri:
1 coppia assoluta: 200,00
2 coppia assoluta: 100,00
2 Zona Valle lepri:
1 coppia assoluta: 200,00
2 coppia assoluta: 100,00
CURIOSITA'
L'edizione 2010 dell'Italian Master fù vinta dalla squadra A della Lenza Emiliana Tubertini
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Altro articolo che potrebbe interessarti
 
PRIMA PARTE 307 FOTO SECONDA PARTE 312 FOTO
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 20/10/2011 @ 19:39:44, in CURIOSITA', linkato 2136 volte)
PARATA DI STELLE TUBERTINI
Articolo di Angelo Borgatti (Giornalista di: Pesca In, Noi Pescatori, Tubertini High Quality e agonista del G.P.O. Imolese Tubertini)
 
Terminata la grande kermesse dei Giochi Mondiali della Pesca, è tempo di bilanci. E per le donne e gli uomini sponsorizzati Tubertini il bilancio è certamente positivo, anzi strapositivo.
Tanti atleti della Lenza Emiliana Tubertini e di altri sodalizi abbinati al Marchio Tubertini sono saliti sui vari podi dei Campionati Mondiali delle varie categorie, tanto con i Titoli per nazioni che per le medaglie individuali.
Vediamoli nel dettaglio
Per giusto dovere di cavalleria, iniziamo dalle nostre “Canne Rosa”, tra le quali vi erano due atlete Tubertini: Simona Pollastri, della Lenza Emiliana Tubertini, e Veronica Visciglia dei Pescatori Padovani Tubertini.
Per “magic” Simona uno scorcio d’anno felicissimo, con il suo collo ed il suo palmares ornati di due importantissime medaglie: il Tricolore donne (il decimo!!!) ed il Titolo mondiale a squadre (anche questo non certo il primo…).
Entrambe le medaglie sono scaturite da prove disputate a Firenze, sul campo di gara del Terrapieno. A ricordo della grande prova d’orgoglio delle nostre ragazze azzurre e del guizzo finale di Simona, autrice della cattura di una splendida, determinante Carpa, la foto della “magic lady” della Pesca al Colpo italiana con la splendida regina catturata all’inglese con una delle sue fide Quartz 202.
Veronica Visciglia ha disputato un Mondiale difficile, come tutte le nostre ragazze, al cardiopalma fino alla fine, ed ha sempre dato il suo fondamentale contributo, tanto nella difficile pesca alle alborelle del venerdì che con la pesca a roubaisienne, il sabato. Anche per lei il vanto di uno splendido oro a squadre.
Sempre per la Pesca al Colpo, l’apoteosi azzurra di Ostellato ha visto tra i protagonisti altre due stelle della Lenza Emiliana, Ferruccio Gabba ed Umberto Ballabeni, oltre a Moreno Ravaglia del GPO Tubertini di Bologna, Campione Italiano in carica e componente della Squadra Azzurra campione del mondo.
Per “Ferro” anche la soddisfazione della medaglia di bronzo individuale, frutto di due sonanti primi di settore ottenuti con grande sicurezza e determinazione, qualità a cui ci ha abituato Gabbino da sempre. Umberto Ballabeni, sfortunato, si è visto sfuggire negli ultimi cinque minuti della seconda prova, il piacere di bissare il primo di settore conquistato il giorno precedente. Autore dello sgambetto al “grande” di Cinisello Balsamo, già campione del Mondo individuale a Parigi nel 2001, un grande veterano delle rassegne mondiali, il belga Guido Nullens, autore della cattura di una autentica “big carp” proprio sul finire della gara.
Ancora, tra gli Azzurri che hanno vinto una medaglia d’oro, ricordo Piero Palai, dell’APO Tubertini di Firenze, autentica riserva di lusso di quella Nazionale Master che, ancora in Arno a Firenze ma sul campo della Fonderia, ha letteralmente dominato in entrambe le giornate con la più italica delle tecniche, la pesca dell’alborella. Come esordio in Nazionale Master poter appendere la medaglia più bella nella propria bacheca personale direi proprio che non è male, Piero!
Chi invece di Titoli mondiali individuali ne ha la bacheca ben fornita è il formidabile Marco Volpi, il volto della Canna da Natante italiana nel mondo da qualche lustro. Per il livornese della Lenza Emiliana Tubertini Mare, oltre che l’oro a squadre, il quinto alloro mondiale individuale, strameritato e conquistato con tre assoluti consecutivi nelle tre frazioni del Mondiale. Ormai Marco ci ha abituato talmente bene che fa notizia… quando perde!
Per il compagno di Club e di Nazionale Paolo Volpini, Campione Italiano 2011 e pluri medagliato come il concittadino Volpi, la gioia dell’oro a squadre ed il rimpianto del quarto posto individuale, ad un soffio dal podio.
Tra gli esordienti nelle competizioni mondiali anche il neo Campione Italiano di Pesca ai predatori da riva, il moderno Spinning, Arno Hermann. Il giovanissimo campione dell’Angler’s Club Tubertini di Bolzano, cresciuto alla scuola del grande Andrea Ferro, suo compagno di Club e di Nazionale, e del Presidentissimo Luciano Innocenti, ex Azzurro, è un autentico, esplosivo talento naturale. Oltre a svariati Titoli italiani nella categoria Under 22, il ventiquattrenne altoatesino può annoverare nel suo palmares anche le vittorie 2011 del Club Azzurro di specialità, il Titolo italiano individuale seniores, il Titolo mondiale a squadre per nazioni e l’oro individuale in questo Mondiale disputato nella acque del fiume Nera, in Umbria. Il tutto alla sua prima esperienza iridata! Per l’altro grande Azzurro taggato Tubertini, Andrea Ferro, l’amaro in bocca del podio individuale mancato per poco, mitigato dalla soddisfazione dell’oro a squadre ottenuto con un distacco abissale.
 
Articolo di Angelo Borgatti (Giornalista di: Pesca In, Noi Pescatori, Tubertini High Quality e agonista del G.P.O. Imolese Tubertini)
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 15/09/2011 @ 23:34:55, in CURIOSITA', linkato 1448 volte)
LETTERA APERTA DEL PRESIDENTE DELLA F.I.P.S.A.S. UGO CLAUDIO MATTEOLI
IN MERITO AI RISULTATI DEI MONDIALI DI PESCA 2011. TRATTODAL SITO NAZIONALE DELLA F.I.P.S.A.S.
GRAZIE A TUTTI
A conclusione dei Mondiali di Pesca Sportiva 2011 lasciatemi dire un GRAZIE con tutto il
cuore a tutti coloro che hanno contribuito alla ottima riuscita della terza edizione di queste vere e proprie
Olimpiadi della pesca sportiva.
GRAZIE a tutti i membri del Comitato Organizzatore, ai componenti dei Comitati di Settore
interessati, ai Consiglieri Federali che hanno fattivamente contribuito, ai Comitati Regionali, alle Sezioni
Provinciali, ai Soci e a tutti coloro che si sono prodigati nellorganizzazione.
GRAZIE agli atleti, ai tecnici, a tutti i dirigenti per i meravigliosi risultati e, naturalmente,
GRAZIE a tutti i dipendenti federali per il loro notevole contributo che ha spesso travalicato i meri
compiti lavorativi.
GRAZIE A TUTTI.
GRAZIE per aver ancora una volta dimostrato che la nostra meravigliosa Federazione in grado
di vincere le sfide pi difficili uscendone non solo agonisticamente, ma anche organizzativamente a testa
molto alta.

Articoli che potrebbero interessarti:
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 07/09/2011 @ 22:20:26, in CURIOSITA', linkato 4035 volte)
SPECIALE PESCA AL COLPO, I MONDIALI IN CIFRE
Pubblicato per gentile concessione di Umberto Tarterini (Redattore Capo della rivista Noi Pescatori http://www.noipescatori.com)
 
La rassegna iridata, che vede la partecipazione di squadre nazionali, inizia a Dusseldorf nella, allora, Germania Federale nel 1954. Il debutto della nostra squadra nel Campionato Mondiale è positivo. La formazione guidata da Ezio Bellasio di Como, ottiene un bronzo. Questo è il primo risultato positivo di una lunga serie che ha visto, la squadra azzurra, sempre presente al mondiale, salire 33 volte sul podio nelle 57 edizioni fin’ora disputate, con 11 ori, 12 argenti, 10 bronzi. Con questi risultati la squadra italiana si pone tra le più forti nazionali in assoluto, dividendo questo “titolo” con Francia ed Inghilterra che vantano a loro volta un ottimo ruolino di marcia. La regina è ancora la Francia dall’alto dei suoi 38 podi: 15 ori, 13 argenti, 10 bronzi. Anche l’Inghilterra comunque non scherza. Vanta infatti 30 podi: 12 ori, 11 argenti, 7 bronzi. Queste sono le tre formazioni più forti in assoluto. La nostra squadra per ora vanta un record assoluto che consiste nell’aver centrato 17 podi consecutivi, dal 1985 al 2001. Una serie incredibile che si è interrotta nell’edizione mondiale 2002, serie che sarà sicuramente difficilmente ripetibile. In precedenza la miglior serie era della Francia con 14 podi dal 1962 al 1975. In tutte le edizioni del Mondiale, ad esclusione dell’edizione 2002 disputata a Coimbra in Portogallo, vale a dire per 56 volte, almeno una di queste tre nazionali è arrivata sul podio. Addirittura per ben nove volte il podio è stato monopolizzato, in vario ordine, da queste tre squadre. In questo ristretto “club dei grandi” ci potrebbe stare anche il Belgio che vanta 24 podi: 6 ori, 11 argenti, 7 bronzi. I suoi risultati più importanti però risalgono agli anni 60/70, negli ultimi venti anni, i belgi hanno raccolto solo tre argenti nel 1995, nel 2005 e nel 2007 e due bronzi nel 2002 e nel 2009. Complessivamente queste quattro nazionali hanno vinto 43 mondiali sui 57 disputati. Le altre quattordici vittorie sono andate, tre al Lussemburgo, due all’Olanda e alla Spagna, una a testa, a Romania, Galles, Germania Ovest, Germania Est, Ungheria, Slovacchia. Per quanto riguarda i titoli individuali sono gli inglesi a farla da padroni, con Alan Scotthorne che ha conquistato il titolo individuale per cinque volte, di cui tre consecutivamente negli anni 96-97-98. Robert Nudd quattro volte sul primo gradino del podio. Con tre titoli troviamo Rober Tesse (Francia). Il transalpino ha ottenuto inoltre anche un argento e tre bronzi risultando così, per ora, il concorrente più “medagliato” di tutta la storia dei mondiali, con i suoi sette podi individuali. Altri quattro atleti vantano due titoli iridati individuali e sono l’italiano Dino Bassi, il francese Jean Pierre Fougeat, il tedesco Rudgher Kremkus e l’ungherese Walter Tamas. Nella ipotetica classifica dei titoli individuali guida la fila l’Inghilterra con 17 titoli, seguono Francia con 11, Italia e Belgio con 7, Germania Ovest con 4, Olanda e Ungheria con 2. Con un titolo a testa seguono Irlanda, Galles, Australia, Spagna, Portogallo, Russia e Lussemburgo. Nel numero complessivo dei podi individuali sono gli inglesi i più medagliati vantano infatti 32 podi così ripartiti: 17 ori, 7 argenti, 8 bronzi. Per i francesi il totale è di 30 podi complessivi: 11 ori, 6 argenti. 13 bronzi. Gli azzurri vantano complessivamente 25 podi individuali: 7 ori, 11 argenti, 7 bronzi. Come per i podi a squadre, anche in quelli individuali, è il Belgio la quarta forza con 21 podi: 7 ori, 7 argenti, 7 bronzi. Per l’Italia oltre a Bassi (due volte iridato nel 71 e nel 76), il titolo è stato vinto anche da Vigarani nel 54, da Mandelli nel 57, da Tedesco nel 62. da Falsini nel 2000 e da Ballabeni nel 2001. Gli altri italiani saliti sul podio di un mondiale sono stati: Fugazza secondo nel 54 e terzo nel 57. De Angelis con due secondi posti nel 57 e nel 59. Vanelli due volte terzo nel 62 e 63. Ceppi medaglia d’argento nel 65. Argento anche per Alfieri nel 71. Pasinetti fu terzo nel 76. Trabucco vanta due argenti rispettivamente nel 78 e nel 85 ed un bronzo nel 1980. Colombo con due bronzi nel 88 e nel 96. Casini argento nel 89. Guicciardi vanta due argenti nel 92 e nel 96 e Sorti un secondo nel 1997. Il palmares più corposo, in fatto di maglie azzurre in rassegne iridate, lo detiene Roberto Trabucco che vanta ben 20 presenze in Nazionale: Il parmense ha ricoperto anche la carica di C.T. per due anni: 2004- 2005. Tra gli agonisti in attività, alle spalle del parmense, si trova Umberto Ballabeni con 19 maglie azzurre: Il milanese ha ottenuto queste presenze consecutivamente a partire dal 1992 al 2010. Unico agonista italiano ad essere stato sempre presente nelle ultime 19 edizioni del Campionato Mondiale. Seguono con 17 presenze Ferruccio Gabba; 16 le presenze di Gianluigi Sorti. Con 12 presenze il bolognese Gino Vigarani, scomparso da tempo. Inoltre Vigarani, nel 1968 ha partecipato al Modiale nel ruolo di C.T.. Quattordici sono le maglie azzurre per Jacopo Falsini. Giampiero Barbetta è a quota 11. Quattordici sono stati i Commissari Tecnici che si sono avvincendati sulla panchina azzurra, tra loro il più longevo è stato Carlo Chines che ha guidato la Nazionale Seniores per ben 24 volte consecutivamente, dal 1973 al 1996, ottenendo complessivamente 15 podi: 5 ori, 6 argenti, 4 bronzi. Questo l’elenco completo dei C.T.: Ezio Bellasio (Como) 4 presenze: 1 argento. Giulio Mandelli (Como) 2 presenze: 1 oro, 1 argento. Eliodoro Cicognani (Bologna) 3 presenze: 1 argento. Luigi Castellazzi (Milano) 1 presenza: 1 bronzo. Giuseppe Silla (Milano) 4 presenze: 1 oro, 1 bronzo. Luberto Frigeri (ReggioEmilia) 1 presenza. Gino Vigarani (Bologna) 1 presenza. Carlo Chines (Lucca) 24 presenze: 5 ori, 6 argenti, 4 bronzi. Adriano Fumagalli (Lecco) 7 presenze: 2 ori, 1 argento, 2 bronzi. Enrico Bonzio (Brescia) 5 presenze: 2 ori, 1 argento, 2 bronzi. Maurizio Gabba (ReggioEmilia) 1 presenza. Roberto Trabucco (Parma) 2 presenze. Paolo Melotti (Bologna) 4 presenze: 1 oro, 1 argento, 1 bronzo. Rodolfo Frigieri (Modena) 1 presenza: 1 argento.
 
ALBO D’ORO:
 
1954: DUSSELDORF Germania Federale)
1° INGHILTERRA
2° BELGIO
3° ITALIA
Sq. italiana: Albertazzi - Grisoni - Cavazutti - Fugazza - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
 
1° VIGARANI (Italia)
2° FUGAZZA (Italia)
3° ANDERS (Germania Federale)
 
1955: READING (Inghilterra)
1° LUSSEMBURGO
2° BELGIO
3° FRANCIA
Sq. italiana: Bulla - Corsi - Barbieri - Fugazza - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° MALLY (Francia)
2° DUFEYS (Belgio)
3° DUCRET (Francia)
 
1956: PARIGI (Francia)
1° FRANCIA
2° BELGIO
3° LUSSEMBURGO
Sq. italiana: Bulla - Cattafesta - Barbieri - Fugazza - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° CERFONTAINE (Belgio)
2° BELGIO
2° DUBUC (Francia)
3° LUSSEMBURGO
3° TESSE R. (Francia)
 
1957: BELGRADO (Jugoslavia)
1° ITALIA 1°
2° LUSSEMBURGO
3° FRANCIA
Sq. italiana: Mandelli - De Angelis - Barbieri - Fugazza -Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
 
1° MANDELLI (Italia)
2° DE ANGELIS (Italia)
3° FUGAZZA (Italia)
 
1958: HUY (Belgio)
1° BELGIO
2° FRANCIA
3° LUSSEMBURGO
Sq. italiana: Mandelli - De Angelis - Barbieri - Fugazza - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° GARROIT (Belgio)
2° CERFONTAINE (Belgio)
3° NEGRIGNAT (Francia)
 
1959: NEUFCHATEL (Svizzera)
1° FRANCIA
2° ITALIA
3° SVIZZERA
Sq. italiana: Mandelli - De Angelis - Ferrario - Galli - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
 
1° TESSE R. (Francia)
2° DE ANGELIS (Italia)
3° KNAPEN (Olanda)
 
1960: GDANSK (Polonia)
1° BELGIO
2° FRANCIA
3° GERMANIA FED.
Sq. italiana: Mandelli - De Angelis - Barbieri - Selva - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° TESSE R. (Francia)
2° FRANCIA
2° CERFONTAINE (Belgio)
3° GERMANIA FED.
3° SWENNEN (Belgio)
 
1961: MERSEBURG (Germania EST)
1° GERMANIA EST
2° BELGIO
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Mandelli - Vercellino - Flameti - Selva - Vigarani
C.T.: Ezio Bellasio (Como)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° LEGOUGEY (Francia)
2° SCHMIDT (Germania Federale)
3° TESSE R. (Francia)
 
1962: LAGO DI GARDA (Italia)
1° ITALIA
2° FRANCIA
3° BELGIO
Sq. italiana: Tedesco - De Angelis - Leone - Vanelli - Vigarani
C.T.: Giulio Mandelli (Como)
 
1° TEDESCO (Italia)
2° FONTANET (Francia)
3° VANELLI (Italia)
 
1963: WORMELDANGE (Lussemburgo)
1° FRANCIA
2° ITALIA
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Tedesco - De Angelis - Leone - Vanelli - Vigarani
C.T.: Giulio Mandelli (Como)
 
1° LANE (Inghilterra)
2° TESSE R. (Francia)
3° VANELLI (Italia)
 
1964: ISOLA PESCAROLI (Italia)
1° FRANCIA
2° ITALIA
3° AUSTRIA
Sq. italiana: Bocconi - Ceppi - Giovannini - Vanelli - Vigarani
C.T.: Eliodoro Cicognani (Bologna)
 
1° FONTANET (Francia)
2° DESPRES (Francia)
3° TESSE R. (Francia)
 
1965: GALATI (Romania)
1° ROMANIA
2° POLONIA
3° FRANCIA
Sq. italiana: Ceppi - Galbiati - Giovannini -Vanelli - Vigarani
C.T.: Eliodoro Cicognani (Bologna)
Piazzamento squadra italiana: 7^
 
1° TESSE R. (Francia)
2° CEPPI (Italia)
3° BURCH (Inghilterra)
 
1966: RIVER THUME (Inghilterra)
1° FRANCIA
2° BELGIO
3° ITALIA
Sq. italiana: Ceppi - Galbiati - Giovannini - De Paoli - Roasio
C.T.: Luigi Castellazzi (Milano)
 
1° GUIHENEUF (Francia)
2° BAUDOT (Belgio)
3° ROELANDT (Belgio)
 
1967: DUNAJVAROS (Ungheria)
1° BELGIO
2° FRANCIA
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Ceppi - Carpana - Dido - Pondrelli - Passarini
C.T.: Eliodoro Cicognani (Bologna)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° ISENBAERT (Belgio)
2° HANAT (Germania Federale)
3° DETRY (Belgio)
 
1968: FERMOY (Irlanda)
1° FRANCIA
2° GERMANIA FED.
3° ROMANIA
Sq. italiana: Ceppi - Carpana - Casadio - Giovannini - Tampelloni
C.T.: Giuseppe Silla (MI)-Gino Vigarani (BO)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° GEBENSTEIN (Germania Federale)
2° PANA (Romania)
3° SHERWOOD (Inghilterra)
 
1969: BAD OLDESLOE (Germania Federale)
1° OLANDA
2° BELGIO
3° FRANCIA
Sq. italiana: Ceppi - Carpana - Roasio - Fumagalli - Tampelloni
C.T.: Giuseppe Silla (Milano)
Piazzamento squadra italiana: 7^
 
1° HARRIS (Inghilterra)
2° LEYRER (Austria)
3° VERMEULEN (Belgio)
 
1970: GERG (Olanda)
1° BELGIO
2° OLANDA
3° FRANCIA
Sq. italiana: Baia - Vallio - Roncaglia - Garuti - Roda
C.T.: Luberto Frigeri (Reggio Emilia)
Piazzamento squadra italiana: 10^
 
1° VAN DEN EYNDE (Belgio)
2° MICHELIS (Belgio)
3° PAQUET (Belgio)
 
1971: POZZOLO (Italia)
1° ITALIA
2° BELGIO
3° FRANCIA
Sq. italiana: Bassi - Alfieri - Baia - Zani - Mannori
C.T.: Giuseppe Silla (Milano)
 
1° BASSI (Italia)
2° ALFIERI (Italia)
3° ZIMMER (Germania Federale)
 
1972: PRAGA (Cecoslovacchia)
1° FRANCIA
2° INGHILTERRA
3° ITALIA
Sq. italiana: Pagani - Alfieri - Carpanese - Tubertini - Galaverni
C.T.: Giuseppe Silla (Milano)
 
1° LEVEIS (Olanda)
2° THOMMA (Lussemburgo)
3° TESSE J. (Francia)
 
1973: CHALON-SUR-SAONE (Francia)
1° BELGIO
2° FRANCIA
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Rasia - Bonacini - Franchini - Tubertini - Lombardi - Casadio
C.T.: Calo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° MICHIELS (Belgio)
2° VAN DEN EYNDE (Belgio)
3° HERBERT (Francia)
 
1974: GENT (Belgio)
1° FRANCIA
2° ITALIA
3° OLANDA
Sq. italiana: Baia - Ascani - Botti - Rinaldi - Baiotti
C.T.: Calo Chines (Lucca)
 
1° RICHTER (Germania Federale)
2° MENDEZ GOMEZ (Spagna)
3° FOUGEAT (Francia)
 
1975: BYDGOSZC (Polonia)
1° FRANCIA
2° INGHILTERRA
3° BELGIO
Sq. italiana: Orsucci - Ascani - Ferraroni - Rocchetta - Ragonesi
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 11^
 
1° HEAPS (Inghilterra)
2° TESSE J. (Francia)
3° DE BIAGI (Rep. San Marino)
 
1976: VARNA (Bulgaria)
1° ITALIA
2° BULGARIA
3° AUSTRIA
Sq. italiana: Bassi - Pasinetti - Franchi - Franchini - Cavagna
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° BASSI (Italia)
2° MARKS (Inghilterra)
3° PASINETTI (Italia)
 
1977: EHNEN (Lussemburgo)
1° LUSSEMBURGO
2° BELGIO
3° FRANCIA
Sq. italiana: Pasinetti - Bolognesi - Roasio - Tubertini - Camporese
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 9^
 
1° MAINIL (Belgio)
2° POTH (Lussemburgo)
3° QUINET (Belgio)
 
1978: VIENNA (Austria)
1° FRANCIA
2° ITALIA
3° CECOSLOVACCHIA
Sq. italiana: Zanetti - Trabucco - Fumagalli - Bonsi - Zurlini
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° FOUGEAT (Francia)
2° TRABUCCO (Italia)
3° BIRNBAUM (Lussemburgo)
 
1979: SARAGOZZA (Spagna)
1° FRANCIA
2° OLANDA
3° PORTOGALLO
Sq: italiana: Innocenti - Bonsi - Parisi - Fumagalli - Tubertini
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 6^
 
1° HEULARD (Francia)
2° EKHOUT (Olanda)
3° DUROZIER (Francia)
 
1980: MANNHEIM (Germania Federale)
1° GERMANIA FED.
2° INGHILTERRA
3° BELGIO
Sq. italiana: Trabucco - Monti - Franchini - Bassi - Galliani
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° KREMKUS (Germania Federale)
2° WESSEL (Germania Federale)
3° TRABUCCO (Italia)
 
1981: LUDDINGTON (Inghilterra)
1° FRANCIA
2° INGHILTERRA
3° GALLES
Sq. italiana: Prandi - Baldi - Faccioli - Galliani - Barbetta
C.T. Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° THOMAS (Inghilterra)
2° SANTOS (Portogallo)
3° LECOCQ (Belgio)
 
1982: NEWRY (Irlanda)
1° OLANDA
2° FRANCIA
3° INGHILTERRA
Sq. Italiana: Bonsi - Bagarello - Agnoli - Grisenti - Prandi - Casaglia
C.T. Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 9^
 
1° ASHURST (Inghilterra)
2° THILL (U.S.A.)
3° BARTOLAS (Belgio)
 
1983: AMERSFOORT (Olanda)
1° BELGIO
2° INGHILTERRA
3° OLANDA
Sq. italiana: Barbetta - Bagarello - Agnoli - Trabucco - Prandi
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 8^
 
1° KREMKUS (Germania Federale)
2° KOHN (Lussemburgo)
3° VAN GOOL (Olanda)
 
1984: YVERDON (Svizzera)
1° LUSSEMBURGO
2° INGHILTERRA
3° BELGIO
Sq. italiana: Colombo - Bagarello - Ragonesi - Grisenti - Guerra -Prandi
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
Piazzamento squadra italiana: 4^
 
1° SMITHERS (Irlanda)
2° STEPHAN (Scozia)
3° BROUWER (Olanda)
 
1985: FIRENZE (Italia)
1° INGHILTERRA
2° ITALIA
3° BELGIO
Sq. italiana: Colombo - Gabba M. - Casaglia - Trabucco - Guerra - Casini
C.T. Carlo Chines (Lucca)
 
1° ROPER (Inghilterra)
2° TRABUCCO (Italia)
3° DAVID (Galles)
 
1986: STRASBURGO (Francia)
1° ITALIA
2° GERMANIA FED.
3° AUSTRIA
Sq. italiana: Colombo - Gabba M. - Franchini- Trabucco - Tinarelli - Innocenti R.
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° WEVER (Olanda)
2° BRANSON (Galles)
3° VAN NEER (Olanda)
 
1987: COIMBRA (Portogallo)
1° INGHILTERRA
2° ITALIA
3° AUSTRIA
Sq. Italiana: Colombo - Gabba M. - Trabucco - Barbetta - Galliani - Bonsi
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° BRANSON (Galles)
2° ASHURST (Inghilterra)
3° WHITE (Inghilterra)
 
1988: DAMME (Belgio)
1° INGHILTERRA
2° ITALIA
3° FRANCIA
Sq. italiana: Colombo - Gabba M. - Trabucco - Barbetta - Casini - Galliani
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° FOUGEAT (Francia)
2° GARDENER (Inghilterra)
3° COLOMBO (Italia)
 
1989: PLODVIV (Bulgaria)
1° GALLES
2° ITALIA
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Forni - Gabba M. - Trabucco - Barbetta - Casini- Fumagalli
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° PICKERING (Inghilterra)
2° CASINI (Italia)
3° BENTON (Galles)
 
1990: MARIBOR (Jugoslavia)
1° FRANCIA
2° INGHILTERRA
3° ITALIA
Sq. italiana: Forni - Gabba M. - Trabucco - Barbetta - Setti - Melotti
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° NUDD (Inghilterra)
2° ASHURST (Inghilterra)
3° KOENIG (Lussemburgo)
 
1991: SZEGED (Ungheria)
1° INGHILTERRA
2° FRANCIA
3° ITALIA
Sq. italiana: Colombo - Trabucco - Barbetta - Gabba M. - Pagliari - Setti
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° NUDD (Inghilterra)
2° ASHURST (Inghilterra)
3° VAN SCHENDEL (Olanda)
 
1992: ENNISKILLIEN (Irlanda del Nord)
1° ITALIA
2° FRANCIA
3° ISOLE DEL CANALE
Sq. italiana: Trabucco - Guicciardi - Colombo - Barbetta - Galliani - Ballabeni
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° WESSON (Australia)
2° GUICCIARDI (Italia)
3° THILL (U.S.A.)
 
1993: CORUCHE (Portogallo)
1° ITALIA
2° FRANCIA
3° AUSTRIA
Sq. italiana: Trabucco - Barbetta - Sorti - Gabba F. - Ballabeni - Pabi
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° BARROS (Portogallo)
2° SAVELHOUL (Olanda)
3° BODINEAU (Francia)
 
1994: NOTTINGHAM (Inghilterra)
1° INGHILTERRA
2° FRANCIA
3° ITALIA
Sq. italiana: Trabucco - Barbetta - Ballabeni - Gabba F. - Sorti - Forni
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° NUDD (Inghilterra)
2° STRONCK (Lussemburgo)
3° CHAUMET (Francia)
 
1995: LAPPEENRANTA (Finlandia)
1° FRANCIA
2° BELGIO
3° ITALIA
Sq. italiana: Gabba F. - Sorti - Guicciardi - Ballabeni - Colombo - Ardenti
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° JEAN (Francia)
2° WILMART (Belgio)
3° DESQUE’ (Francia)
 
1996: PESCHIERA DEL GARDA (Italia)
1° ITALIA
2° INGHILTERRA
3° AUSTRIA
Sq. italiana: Guicciardi - Trabucco - Ferrari - Ballabeni - Colombo - Falsini
C.T.: Carlo Chines (Lucca)
 
1° SCOTTHORNE (Inghilterra)
2° GUICCIARDI (Italia)
3° COLOMBO (Italia)
 
1997: VELENCE (Ungheria)
1° ITALIA
2° INGHILTERRA
3° FRANCIA
Sq. italiana: Trabucco - Casini - Gabba F. - Sorti - Ballabeni - Falsini
C.T.: Adriano Fumagalli (MI) - Enrico Bonzio (BS)
 
1° SCOTTHORNE (Inghilterra)
2° SORTI (Italia)
3° MILSON (Inghilterra)
 
1998: ZAGABRIA (Croazia)
1° INGHILTERRA
2° FRANCIA
3° ITALIA
Sq. italiana: Casini - Trabucco - Ballabeni - Sorti - Barbetta - Gabba F.
C.T.: Adriano Fumagalli (MI) - Enrico Bonzio (BS)
 
1° SCOTTHORNE (Inghilterra)
2° CARROYER (Belgio)
3° BARROS (Portogallo)
 
1999: TOLEDO (Spagna)
1° SPAGNA
2° ITALIA
3° INGHILTERRA
Sq. italiana: Casini - Trabucco - Ballabeni - Sorti - Falsini - Gabba F.
C.T.: Adriano Fumagalli (MI) - Enrico Bonzio (BS)
 
1° NUDD (Inghilterra)
2° BLASCO (Spagna)
3° XAREZ (Portogallo)
 
2000 - FIRENZE (ITALIA)
1° ITALIA
2° INGHILTERRA
3° UNGHERIA
Sq. italiana: Casini - Falsini -Trabucco - Ballabeni - Sorti - Gabba F.
C.T.: Adriano Fumagalli (MI) - Enrico Bonzio (BS)
 
1° FALSINI (Italia)
2° RAISON (Inghilterra)
3° FOUGEAT (Francia)
 
2001 - PARIGI (FRANCIA)
1° INGHILTERRA
2° FRANCIA
3° ITALIA
Sq. italiana: Falsini -Trabucco - Ballabeni - Sorti - Gabba F. - Carraro
C.T.: - Enrico Bonzio (BS) - Adriano Fumagalli (MI)
 
1° BALLABENI (Italia)
2° LORENC (Polonia)
3° DA SILVA (Francia)
 
2002 - COIMBRA (PORTOGALLO)
1° SPAGNA
2° PORTOGALLO
3° BELGIO
Sq. Italiana: Falsini - Trabucco - Ballabeni - Sorti - Gabba F. - Frigeri
CT.: Adriano Fumagalli (MI) - Maurizio Gabba (RE)
Piazzamento squadra italiana: 6^
 
1° BLASCO (Spagna)
2° DURAN (Spagna)
3° CONROY (Inghilterra)
 
2003 - PIESTANY - (SLOVACCHIA)
1° UNGHERIA
2° POLONIA
3° FRANCIA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni - Sorti - Friggieri - Botti A. - Naro
CT.: Adriano Fumagalli (MI)
Piazzamento squadra italiana: 8^
 
1° SCOTTHORNE (Inghilterra)
2° SCHATER (Ungheria)
3° BEDNARSKI (Polonia)
 
2004 - WILLEBROEK - (BELGIO)
1° FRANCIA
2° INGHILTERRA
3° UNGHERIA
Sq. Italiana: Falsini - Ballabeni - Sorti - Gabba F. - Defendi - Vezzalini
CT.: Roberto Trabucco (Parma)
Piazzamento squadra italiana: 9^
 
1° TAMAS (Ungheria)
2° V.D. HOOGEN (Olanda)
3° TIMOR (Ungheria)
 
2005 - LAPPERANTA - (Finlandia)
1° INGHILTERRA
2° BELGIO
3° UNGHERIA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. - Carraro - Defendi - Bosi
CT.: Roberto Trabucco (Parma)
Piazzamento squadra italiana: 5^
 
1° NULLENS (Belgio)
2° POTTELET (Francia)
3° RAISON (Inghilterra)
 
2006 - MONTEMOR-O-VELO - (Portogallo)
1° INGHILTERRA
2° ITALIA
3° UNGHERIA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. -Defendi - Sorti - Premoli
CT.: Paolo Melotti (Bologna)
 
1° TAMAS (Ungheria)
2° BIORDI (Rep. S. Marino)
3° ASHBY (Inghilterra)
 
2007 - VELENCE - UNGHERIA
1° ITALIA
2° BELGIO
3° UNGHERIA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. -Defendi - Sorti - Carraro
CT.: Paolo Melotti (Bologna)
 
1° SCOTTHORNE (Inghilterra)
2° GRABOVSKIS (Lettonia)
3° EDUARDS (Galles)
 
2008 SPINADESCO (CR) - ITALIA
1° INGHILTERRA
2° REP. SAN MARINO
3° ITALIA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. -Defendi - Sorti - Bosi
CT.: Paolo Melotti (Bologna)
 
1° RAISON (Inghilterra)
2° WHEELER (Irlanda)
3° GARDENER (Inghilterra)
 
2009 ALMERE - OLANDA
1° SLOVACCHIA
2° FRANCIA
3° BELGIO
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. -Defendi - Sorti - Fini
CT.: Paolo Melotti (Bologna)
Piazzamento squadra italiana: 8^
 
1° POTAPOV (Russia)
2° RAISON (Inghilterra)
3° JENSEN (Danimarca)
 
2010 MERIDA - SPAGNA
1° INGHILTERRA
2° ITALIA
3° OLANDA
Sq. Italiana: Falsini -Ballabeni -Gabba F. -Defendi - Sorti - Fini
CT.: Rodolfo Frigieri (Modena)
 
1° MEIS (Lussemburgo)
2° HUGHES (Irlanda)
3° VITKOV (Bulgaria)
 
PRESENZE IN NAZIONALE
 
20 Trabucco
19 Ballabeni
17 Gabba F.
16 Sorti
14 Falsini
12 Vigarani
11 Barbetta
9 Colombo
7 Gabba M., Defendi
6 De Angelis, Ceppi, Casini
5 Fugazza, Barbieri, Mandelli
4 Vanelli, Giovannini, Tubertini, Franchini, Galliani
3 Roasio, Fumagalli, Baia, Bassi, Carpana -Bonsi, Prandi, Bagarello, Guicciardi, Forni, Carraro
2 Bulla, Selva, Tedesco, Leone, Galbiati, Bonacini, Tampelloni, Alfieri, Ascani, Ragonesi, Pasinetti, Agnoli, Guerra, Casaglia, Setti, Friggieri, Bosi, Fini, Casadio
1 Albertazzi, Grisoni, Cavazzutti, Corsi, Cattafesta, Ferrario, Galli, Vercellino, Flameti, Bocconi, De Paoli, Dido, Pondrelli, Passarini, Vallio, Roncaglio, Garuti, Roda, Zani, Mannori, Pagani, Carpanese, Galaverni, Rasia, Lombardi, Botti B, Rinaldi, Baiotti, Orsucci, Ferraroni, Rocchetta, Franchi, Cavagna, Bolognesi, Camporese, Zanetti, Zurlini, Innocenti R, Parisi, Monti, Baldi, Faccioli, Giberti, Grisenti, Tinarelli, Pabi, Pagliari, Ferrari, Botti A, Naro, Vezzalini, Premoli.
 
articolo di Umberto Tarterini
Pubblicato per gentile concessione di Umberto Tarterini (Redattore Capo della rivista Noi Pescatori http://www.noipescatori.com)
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 26/08/2011 @ 06:12:37, in CURIOSITA', linkato 2264 volte)
A TUTTO SPORT, ECCO IL FRANCOBOLLO DEI GIOCHI MONDIALI DELLA PESCA
Dal sito nazionale della F.I.P.S.A.S
 
Giornata intensa quella prevista per sabato 27 agosto. Come si sapeva, il Bel Paese arriverà con ben quattro francobolli, tutti inseriti nella serie “Lo sport italiano”. 
Oltre al doppio tributo per il calcio, con l'omaggio per Milan ed Inter, il 27 agosto verranno ricordati tiro con l'arco di campagna e Pesca Sportiva.
 
Quello riguardante la nostra disciplina verrà trasformato in esemplare autoadesivo.
Un 60 centesimi prodotto in duemilioni e settecentomila esemplari (i fogli sono da quarantacinque), riguarda i Campionati mondiali della pesca sportiva. La vignetta di Tiziana Trinca raffigura, in primo piano a sinistra, le sagome di due pescatori; sullo sfondo sono rappresentati alcuni elementi figurativi tipici e, in basso, il logo della manifestazione, che i promotori preferiscono definire complessivamente “Giochi mondiali della pesca”.
Questi si svolgeranno dal 28 agosto al 4 settembre in numerose località dell'Italia Centro-Settentrionale, con la cerimonia di apertura a Firenze, dove -presso lo sportello filatelico- il dentello verrà tenuto a battesimo.
 
Sarà distribuito anche un bollettino illustrativo predisposto e curato dal presidente della Federazione italiana pesca sportiva ed attività subacquee, Prof. Ugo Claudio Matteoli.
 
 
 
 
COMUNICATO STAMPA DELLE POSTE ITALIANE RELATIVO ALL’EMMISSIONE DEL FRANCOBOLLO DEDICATO AI CAMPIONATI MONDIALI DELLA PESCA SPORTIVA
 
Poste Italiane comunica l’emissione, per il giorno 27 agosto 2011, di un francobollo
ordinario appartenente alla serie tematica “Lo sport italiano” dedicato ai Campionati
Mondiali della Pesca Sportiva, nel valore di € 0,60.
Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in
rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente;
grammatura: 90 g/mq; supporto: carta bianca, autoadesiva Kraft monosiliconata da 60
g/mq; adesivo: tipo acrilico ad acqua, distribuito in quantità di 20 g/mq (secco); formato
carta: mm 40 x 30; formato stampa: mm 36 x 26; formato tracciatura: mm 46 x 36;
dentellatura: 11 effettuata con fustellatura; colori: cinque; tiratura: due milioni e
settecentomila esemplari; foglio: formato cm 33 x 30, contenente quarantacinque
esemplari fustellati recanti tracciature orizzontali e verticali per il distacco facilitato di ogni
francobollo dal proprio supporto siliconato; sul lato superiore è riportata la scritta “IL
FOGLIO DI QUARANTACINQUE FRANCOBOLLI VALE € 27,00”.
La vignetta raffigura, in primo piano a sinistra, le sagome di due pescatori; sullo sfondo
sono rappresentati, in grafica stilizzata, alcuni elementi figurativi tipici della pesca. In
basso a destra è riprodotto il logo dei Campionati Mondiali della Pesca Sportiva.
Completano il francobollo la leggenda “CAMPIONATI MONDIALI DELLA PESCA
SPORTIVA”, la scritta “ITALIA” e il valore “ 0,60”.
Bozzettista: Tiziana Trinca.
A commento dell’emissione verrà posto in vendita il bollettino illustrativo con articolo a
firma del Prof. Ugo Claudio Matteoli, Presidente della Federazione Italiana Pesca
Sportiva ed Attività Subacquee – FIPSAS.
Lo Sportello Filatelico dell’Ufficio Postale di Firenze V.R. utilizzerà, il giorno di emissione,
l’annullo speciale realizzato a cura della Filatelia di Poste Italiane.
Il francobollo e i prodotti filatelici saranno posti in vendita presso gli Uffici Postali, gli
Sportelli Filatelici del territorio nazionale, gli “Spazio Filatelia” di Roma, Milano, Venezia,
Napoli, Trieste, Torino e sul sito internet www.poste.it.
 
Pagine: 1 2

Benvenuto 
Ci sono 275 Utenti collegati


Form Object


< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

RICORDATI DI CONDIVIDERE QUESTA PAGINA CON I TUOI MIGLIORI AMICI SU:



Titolo
ARCI PESCA (31)
ATTIVITA' SOCIALI E RICREATIVE (7)
CAMPIONATI MONDIALI (7)
CARPFISHING (29)
CURIOSITA' (20)
DOCUMENTI (9)
EVENTI (24)
FIUMI ITALIANI (2)
GARE AD INVITO (20)
ITINERARI (19)
LEDGERING FEEDER (6)
NEWS G.P.O. (9)
PASTURE e ATTREZZATURA (10)
PERSONAGGI (2)
PESCA A MOSCA (1)
PESCA AL COLPO (73)
PESCA IN FIUME (5)
PESCA IN MARE (6)
REGOLAMENTI (1)
SCRIVONO DI NOI (16)
SPECIE ITTICHE (30)
SPINNING (60)
TECNICHE (5)
TEMATICHE AMBIENTALI (25)
TROTA IN LAGO (12)

Catalogati per mese:
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli articoli piu' cliccati

Titolo

VIDEO GPO CHANNEL IN PRIMO PIANO


 


Titolo
VI PIACCIONO I NOSTRI ARTICOLI?

 NON POSSO STARNE SENZA!
 MOLTISSIMO
 MOLTO
 ABBASTANZA
 COSI' COSI'
 NON MI ESPRIMO
 POCO
 POCHISSIMO
 LI ODIO!





21/11/2018 @ 16:07:32
script eseguito in 147 ms


Ambiente e natura



 

Segnalato da
Web Directory Gratuita

Segnalato da:
www.aggiungisito.it

Googlerank, pagerank di Google

Segnalato su: Aristotele, motore di ricerca Italiano

Click Web

METEO DA 3BMETEO.COM