GPO IMOLESE TUBERTINI - LA POLISPORTIVA DELLA PESCA

 
 

Immagine
 La squadra della Lenza Emiliana Tubertini vincitrice dell'8 Trofeo AIL che si e' svolto il 14 aprile... di Admin G.P.O.
 
"
La natura non fa nulla di inutile

Aristotele
"
Seguici: 
Titolo
 
DI SEGUITO TUTTI GLI ARTICOLI DELLA SEZIONE RICHIESTA E PUBBLICATI SUL SITO IN ORDINE CRONOLOGICO
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 08/05/2011 @ 23:03:42, in PESCA AL COLPO, linkato 2252 volte)

 

2a PROVA CAMPIONATO ECCELLENZA NORD CANALE BRIAN 8 MAGGIO 2011

Oggi nel canale veneto Brian si è svolta la seconda prova del Trofeo Eccellenza Nord che ha visto sui tre gradini del podio 3 squadre Maver :

1a Aglianese Maver,

2a Fratelli Campana Maver

3a Lenza Parmense Maver

Di seguito è visualizzata la classifica progressiva a squadre, per scaricare la classifica completa cliccate sul link a fondo pagina

Cl.
Società
Prov.
Sq
Tot.Pen
Pen.Eff
 
Piazz.Effettivi
Tot.Punt
Punt.Eff.
 
 
 
 
Effettive
 
 
 
Effettivo
 
1
Polisportiva Oltrarno (Colmic)
FI
(A)
23
7
 
1 2  2 2
33.110
20.490
 
 
 
 
 
16
 
3 3 4 6
 
12.620
2
A.D.S. Lenza Parmense (Maver)
PR
(B)
27
11
 
2 3 3 3
26.480
16.760
 
 
 
 
 
16
 
2 4 5 5
 
9.720
3
A.S.S. Amo Santarcangiolese (Colmic)
FO
(A)
28
15
 
1 3 4 7
30.260
15.560
 
 
 
 
 
13
 
1 2 3 7
 
14.700
4
S.P.S. Ravanelli (Trabucco)
CR
(A)
29
15
 
1 1 6 7
32.040
19.870
 
 
 
 
 
14
 
1 1 6 6
 
12.170
5
Polisportiva Oltrarno (Colmic)
FI
(B)
29,5
13½
 
1 3 3½ 6
33.990
22.420
 
 
 
 
 
16
 
1 2 4 9
 
11.570
6
Lenza Emiliana (Tubertini)
BO
(A)
31
15
 
1 2 5 7
27.210
15.310
 
 
 
 
 
16
 
2 2 2 10
 
11.900
7
Cannisti Castelmaggiore (Hydra)
BO
(A)
32
16
 
2 3 5 6
25.820
17.740
 
 
 
 
 
16
 
1 2 4 9
 
8.080
8
A.D.S. Lenza Parmense (Maver)
PR
(A)
33
22
 
4 4 6 8
28.500
15.560
 
 
 
 
 
11
 
2 2 3 4
 
12.940
9
Cannisti Club Team Master (Trabucco)
PR
(A)
33
13
 
1 2 4 6
30.240
19.840
 
 
 
 
 
20
 
1 3 7 9
 
10.400
10
Lenza Emiliana (Tubertini)
BO
(B)
33
17
 
1 2 4 10
26.710
19.880
 
 
 
 
 
16
 
1 1 5 9
 
6.830
11
A.P.P.S. Lenza Aglianese (Maver)
PT
(A)
33,5
24½
 
4 4 7 9½
26.150
10.540
 
 
 
 
 
9
 
2 2 2 3
 
15.610
12
Team Sarfix Crevalcore
BO
(A)
34
21
 
3 5 5 8
25.790
15.000
 
 
 
 
 
13
 
1 2 5 5
 
10.790
13
S.P.S. Longobardi (Milo)
MI
(A)
34
14
 
1 4 4 5
28.710
20.510
 
 
 
 
 
20
 
1 4 7 8
 
8.200
14
Cannisti Club Vicenza (Maver)
PD
(A)
34
17
 
1 3 6 7
21.850
14.680
 
 
 
 
 
17
 
3 3 5 6
 
7.170
15
S.P.S. Pasquino (Colmic)
RE
(A)
34,5
17½
 
1 3 4 9½
27.870
17.320
 
 
 
 
 
17
 
3 4 4 6
 
10.550
16
S.P.S. Bagnacavallese (Colmic)
RA
(A)
35
20
 
1 4 6 9
23.850
12.910
 
 
 
 
 
15
 
1 3 4 7
 
10.940
17
A.P.S. Borghigiana Pellicano (Maver Tiger)
FI
(A)
36
10
 
1 1 2 6
23.950
16.880
 
 
 
 
 
26
 
5 5 8 8
 
7.070
18
Alto Panaro (Sensas Stonfo)
MO
(A)
36
19
 
2 5 5 7
25.020
13.670
 
 
 
 
 
17
 
1 1 6 9
 
11.350
19
S.P.S. Ravanelli (Trabucco)
CR
(B)
37
21
 
2 5 6 8
34.400
19.410
 
 
 
 
 
16
 
1 3 3 9
 
14.990
20
S.P.S. Longobardi (Milo)
MI
(B)
38
21
 
2 5 5 9
23.910
18.200
 
 
 
 
 
17
 
1 5 5 6
 
5.710
21
S.P.S. F.lli Campana (Maver)
MI
(B)
39
29
 
4 6 9 10
23.590
11.770
 
 
 
 
 
10
 
1 1 3 5
 
11.820
22
S.P.S. F.lli Campana (Maver)
MI
(A)
39
14
 
1 1 4 8
25.670
20.820
 
 
 
 
 
25
 
4 6 7 8
 
4.850
23
T.C.A. Firenze (Maver Stonfo)
FI
(A)
39
24
 
2 6 6 10
25.960
17.720
 
 
 
 
 
15
 
2 3 4 6
 
8.240
24
A.S.D. Città Del Rubicone (Daiwa)
FO
(A)
42
23
 
3 4 7 9
23.120
14.820
 
 
 
 
 
19
 
2 2 5 10
 
8.300
25
ASD G.P.O. Imolese (Tubertini)
BO
(A)
43
20
 
2 3 7 8
26.510
16.290
 
 
 
 
 
23
 
1 5 7 10
 
10.220
26
Alto Panaro (Sensas Stonfo)
MO
(B)
43
20
 
2 3 7 8
27.560
17.500
 
 
 
 
 
23
 
3 4 6 10
 
10.060
27
S.P.S. Team Vicenza (YUKI-Venturieri)
VI
(A)
45
17
 
3 3½ 5 5½
22.700
14.160
 
 
 
 
 
28
 
3 5 10 10
 
8.540
28
A.D.P.S. Aurora Parma (Maver)
PR
(A)
45
24
 
2 6 8 8
21.860
13.150
 
 
 
 
 
21
 
1 4 7 9
 
8.710
29
S.P.D. Tritium (Tubertini)
MI
(A)
45
24
 
2 6 7 9
20.130
12.660
 
 
 
 
 
21
 
3 4 6 8
 
7.470
30
Cral 1° Maggio Asolana Dil. (Daiwa)
MN
(A)
46,5
26½
 
5 6 7½ 8
22.820
15.140
 
 
 
 
 
20
 
1 2 8 9
 
7.680
31
SPSD Vasca Azzurra Pappiana (Tubertini)
PI
(B)
46,5
23½
 
4 5 7 7½
22.190
16.110
 
 
 
 
 
23
 
4 5 6 8
 
6.080
32
A.P.S. Le Aquile (Colmic)
FO
(A)
47
25
 
1 6 8 10
16.950
8.690
 
 
 
 
 
22
 
2 4 6 10
 
8.260
33
A.P.D. Lonatesi (Tubertini Ballabeni)
VA
(A)
47
22
 
2 4 8 8
15.870
11.700
 
 
 
 
 
25
 
2 4 9 10
 
4.170
34
Lenza Emiliana (Tubertini)
BO
(C)
48
23
 
3 5 5½ 9½
21.620
16.330
 
 
 
 
 
25
 
4 6 6 9
 
5.290
35
ASD Pescatori Dany Club (Hydra)
VA
(A)
49
23
 
3 5 6 9
19.340
11.230
 
 
 
 
 
26
 
5 7 7 7
 
8.110
36
L.S. Team Sandonà (Fly)
VE
(B)
49
26
 
4 4 8 10
16.740
8.280
 
 
 
 
 
23
 
4 5 7 7
 
8.460
37
S.P.S. Il Gambero Milords (Maver)
RE
(A)
50
17
 
2 3 5 7
19.730
15.820
 
 
 
 
 
33
 
6 8 9 10
 
3.910
38
S.P.S. Il Vairone (Maver)
RE
(A)
51
25
 
2 4 9 10
14.510
9.540
 
 
 
 
 
26
 
3 5 9 9
 
4.970
39
S.P.S. Le Groane (Milo)
MI
(A)
53
27
 
3 5 9 10
18.600
12.680
 
 
 
 
 
26
 
3 7 7 9
 
5.920
40
SPSD Vasca Azzurra Pappiana (Tubertini)
PI
(C)
54
28
 
1 8 9 10
15.210
6.930
 
 
 
 
 
26
 
2 6 8 10
 
8.280
41
S.P.S. Il Vairone (Maver)
RE
(B)
56
26
 
1 7 8 10
19.570
15.070
 
 
 
 
 
30
 
5 7 8 10
 
4.500
42
Nuova L. Montecatinese (Madras Maver)
PT
(A)
57,5
24½
 
1 7 7 9½
16.981
13.671
 
 
 
 
 
33
 
6 8 9 10
 
3.310
43
S.P.S. Angelo Bruni (Milo)
CR
(A)
59
28
 
5 5 8 10
12.180
5.790
 
 
 
 
 
31
 
7 8 8 8
 
6.390
44
SPSD Vasca Azzurra Pappiana (Tubertini)
PI
(A)
60
28
 
3 6 9 10
17.150
12.540
 
 
 
 
 
32
 
6 8 8 10
 
4.610
45
Lenza Aretina Fin-Tes (Maver)
AR
(A)
61
35
 
7 9 9 10
15.210
10.390
 
 
 
 
 
26
 
3 7 8 8
 
4.820
46
L.S. Team Sandonà (Fly)
VE
(A)
61
35
 
6 9 10 10
11.000
4.040
 
 
 
 
 
26
 
4 6 7 9
 
6.960
47
Pilastroni (Trabucco)
BS
(A)
62,5
29½
 
3 8 9 9½
13.400
8.420
 
 
 
 
 
33
 
7 8 9 9
 
4.980
48
Team Fuego (Tubertini)
VA
(A)
70
37
 
9 9 9 10
12.460
8.160
 
 
 
 
 
33
 
5 8 10 10
 
4.300
49
A.P.S. Treviglio
BG
(A)
70,5
32½
 
7 7 9 9½
15.470
13.010
 
 
 
 
 
38
 
9 9 10 10
 
2.460
50
S.P.S. Dil. I Diavoli (Maver)
TO
(A)
71
34
 
7 8 9 10
11.220
9.330
 
 
 
 
 
37
 
7 10 10 10
 
1.890

Per scaricare la classifica completa in formato xls cliccate su questa scritta

 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 07/05/2011 @ 11:01:47, in ITINERARI, linkato 4532 volte)
 
LAGHI SA.PA.BA. BOLOGNA
 
Descrizione:
Impianto composto da due laghi di cui uno è utilizzato solo per la pesca in vivo per gare ed un altro è utilizzato dai pescatori tesserati F.I.P.S.A.S. Lago 1
Adibito alla libera pesca per i soli tesserati FIPSAS, esclusivamente Catch & Release. La pesca è consentita con una sola canna, fatta eccezione per Carp Fishing e Siluro per le quali sono consentite 2 canne.
Fiore all’occhiello per la pesca a Spinning e Belly Boat (Bass e Lucci), nel lago 1 sono previste diverse manifestazioni per questo settore.
Per le manifestazioni di pesca a Carp Fishing, con Belly Boat o da riva, il lago è stato diviso in 4 zone che devono essere prenotate presso la Sezione Provinciale (minimo 5 per zona).
Il costo per ogni zona è di € 15,00 (spesa fissa) + € 2,50 per ogni partecipante.
Lago 2
Adibito esclusivamente alle gare di pesca al colpo da marzo a ottobre, ed alle gare di trota lago da ottobre a marzo.
Il lago è prenotabile per manifestazioni dalle società affiliate al costo di € 3,00 per ogni concorrente. Potranno partecipare alle gare nel lago 2 solo tesserati FIPSAS.
Nel periodo ottobre/marzo la pesca alla trota è consentita tutti i giorni escluso il sabato pomeriggio (per ripopolamenti) e la domenica mattina riservata alle gare.
Il biglietto per la pesca alla trota è di € 10,00 e si possono trattenere un massimo di 10 trote.
 
Filmato girato durante la prova del provinciale di Bologna con tecnica carpfishing che si è svolto ai laghi SA.PA.BA. il 25/04/2010 Filmato girato il 15/11/2009 durante la prova del regionale trota in lago svoltasi ai laghi SA.PA.BA. di Bologna 
   
 
Regolamento interno:
 
Regolamenti particolari:
Vigono i regolamenti regionali / provinciali
 
 
 
Rilascio Permessi:
Sezione Provinciale di Bologna convenzionata F.I.P.S.A.S. presso
strada Dall’Ara - via Andrea Costa 174
40134 BOLOGNA
tel. 051 6143836 - fax 051 6145502 - email bologna@fipsas.it 
Lunghezza corso d'acqua o superficie lago:
Lago 1: metri 1490 - Lago 2: metri 505
 
 
Qui sotto la cartina di Google Maps (se non dovesse funzionare cliccate sul link seguente per visualizzarla in un altra pagina):

Visualizzazione ingrandita della mappa
 
Negozi di articoli da pesca (nelle vicinanze):
 
ESCA
tel.051 6750330
RIGHETTI
tel.051 846673
DE FRANCESCHI
tel.051 63008
2B
tel.051 846673
MINELLI
tel.051 6142473
RENO
tel.333 6475954

NOVITA’ AL SAPABA

 

Fino a dicembre 2011 è aperto il lago 2 a pagamento.

 

Per un periodo sperimentale i tesserati, praticanti la pesca al colpo e lo spinning, potranno utilizzare il Lago 2.

 

Per poter pescare al Lago2 è indispensabile munirsi del permesso di pesca reperibile presso la Sezione Provinciale, nei negozi autorizzati o direttamente presso i Laghi SaPaBa.

 

Il premesso giornaliero ha un costo di € 5,00, l’abbonamento per 10 giornate costa € 40,00.

 

Per l’utilizzo del permesso di pesca è stato emesso un regolamento particolare di cui si prega prendere visione.

 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 06/05/2011 @ 20:01:23, in CURIOSITA', linkato 1584 volte)
 
LA STORIA DELLA FEDERAZIONE F.I.P.S.A.S.
 
La Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee nasce nel 1942 con il fine dichiarato di promuovere la pesca sportiva dilettantistica.
 
Nel corso degli anni il campo di azione si è esteso ad altri ambiti. Oggi le attività, agonistiche e a carattere promozionale, nazionale e internazionale, vengono gestite da cinque specifici settori: Acque Interne, Acque Marittime, Attività Subacquee, Nuoto Pinnato e Didattica Subacquea.
 
Affiancano i cinque settori alcune strutture operative, tra cui: la Commissione Federale Acque e Impianti (CFAI), la Commissione Giudici di Gara, la Commissione Giovani, la Commissione Didattica e Formazione e la Commissione Tesseramento.
 
In campo internazionale, la Federazione è membro fondatore della CIPS (Confederazione Internazionale Pesca Sportiva) e della CMAS (Confederazione Mondiale Attività Subacquee).
 
UN PO' STORIA
Che la pesca fosse praticata in Italia fin dall'antichità è cosa certa. Così come è certo che fin dai tempi dei romani fossero note avanzate tecniche di piscicoltura, che poco o nulla avevano da invidiare a quelle moderne. Si trattava comunque di pesca a scopo alimentare.
E' solo nel 1920 che si hanno in Italia le prime notizie certe di una attività per diletto, con le prime società che acquisiscono dai Consorzi di Tutela Pesca, che allora gestivano le acque pubbliche, i diritti di pesca per organizzare competizioni tra i loro soci.
 
Il primo disposto di legge che, anche se non in modo esclusivo, interessa la pesca per diletto è il T.U. 8/10/1931 e successive modifiche, con cui venne regolata la materia della pesca in acque interne.
Nel 1931 la pesca dilettantistica presentava aspetti molto diversi da quelli attuali. L'ambito in cui poteva operare il pescatore dilettante negli anni trenta era molto più circoscritto dell'attuale, che vede il singolo sportivo spostarsi da un capo all'altro del paese. Neppure le condizioni ambientali erano quelle attuali, sussistendo ancora ampie zone umide, prima che costose e talora non sempre utili bonifiche le eliminassero.
 
In questo contesto tra il 1931 e il 1942 la pesca dilettantistica andò assumendo un carattere sempre più marcatamente sportivo, creando i presupposti per l'istituzione di un ente nazionale destinato a raccogliere intorno a sé le tante iniziative sorte un po' dappertutto.
Il 1942 avrebbe dovuto essere anno di olimpiadi, fatto che portò alla nascita frettolosa di alcune strutture sportive, anche sull'onda di manifestazioni a carattere propagandistico a fini bellici, all'epoca frequenti. La Federazione Italiana Pesca Sportiva (F.I.P.S.), che non riguardava sport da olimpiade, fu uno di tali esempi.
La data di nascita ufficiale della F.I.P.S., quale risulta dall' art. 1 del suo Statuto, è il 27 giugno 1942, ed il provvedimento che le dette origine è una delibera Presidenziale emanata dal C.O.N.I. per la facoltà concessagli dall'art. 5 comma 2 della legge 16/2/1942 n.426. In detto articolo si precisa però che, per l'organizzazione, occorre rifarsi alle norme del già citato T.U. 8/10/1931 n.1604 e successive modifiche.
 
La fine del secondo conflitto mondiale trovò le acque pubbliche e il patrimonio ittico disastrati, per molte ragioni. Durante la guerra, e per non breve tempo nel dopoguerra, i mezzi preferiti per la pesca in acque interne e marine furono il cloro e gli esplosivi. Al degrado prodotto da tali sistemi si aggiungevano le pretese di una miriade di soggetti vantanti diritti di esclusiva, veri o falsi, sulle acque interne. Questa situazione, che ostacolava pesantemente il normale esercizio della pesca sportiva, ormai praticata da un numero crescente di appassionati, finì per provocare soprattutto al nord la creazione di sodalizi tra gli sportivi interessati a porre un argine alla dilagante anarchia esistente nella pesca. Il 12/2/1946 si tenne a Monza una riunione in cui, denunciato pubblicamente il grave stato di disordine delle acque interne, si votò un O.d.G. che chiamava in causa le autorità responsabili centrali e periferiche affinché intervenissero a far cessare gli abusi e a restituire efficacia alle leggi. Il Ministero dell'Agricoltura e Foreste convocò a Roma i responsabili della Federazione e della Sezione Provinciale di Milano e affidò quindi alla F.I.P.S. l'incarico di provvedere al riordinamento e all'organizzazione del settore che era di sua competenza per debito d'istituto, concedendole una quota sui versamenti delle licenze governative e una sopratassa.
 
Da qui nacquero anche i presupposti per quello che venne chiamato il Congresso Costituente della F.I.P.S., una riunione di rappresentanti che si tenne a Bologna il 17 e 18 novembre 1947. Da quell'assemblea sortì il primo Statuto Federale, contenente la base della sua struttura e delle sue articolazioni.
L'opera venne completata a Firenze nell'aprile del 1948 con la prima Assemblea Nazionale dei delegati, che approvò lo Statuto, elesse il Consiglio Federale e nominò Presidente il Comm. Aldo Clozza di Lecco.
Da questo momento la F.I.P.S. iniziò la sua attività regolare, e già un paio di anni dopo emergono i primi dati di un certo rilievo: nel 1950 la Federazione conta 1250 federati per 221 società. Da allora inizia un incremento esponenziale: il numero degli iscritti aumenta di sette volte nel quinquennio '50-'55, si raddoppia nel quinquennio successivo, per crescere fino alla punta massima di 638.882 unità nel 1972.
 
Nel corso degli anni la F.I.P.S., nata originariamente per promuovere la pesca dilettantistica nelle acque interne e in mare, allarga il proprio campo di azione.
Nel 1949, gli Sports Subacquei entrano a far parte dalla F.I.P.S.. Da subito ne vengono incoraggiati lo sviluppo e la penetrazione in ogni regione e strato sociale, anche attraverso la creazione di una serie di commissioni sportive, tecniche, scientifiche e mediche. In particolare la pratica della pesca subacquea si diffonde rapidamente, dando luogo ad un movimento sportivo che in pochi anni riesce a coinvolgere altre nazioni al punto di consentire di organizzare nel 1957 il primo Campionato del Mondo, a Lussimpiccolo. L'agonismo subacqueo è andato arricchendosi di altre specialità. Tra queste, in particolare: fotosub, caccia fotosub, videosub, tiro subacqueo, hockey subacqueo, rugby subacqueo e apnea.
 
Accanto alla organizzazione delle attività agonistiche, fin dalle origini la F.I.P.S. comprese la necessità di dar vita ad una struttura didattica tesa ad insegnare allo sportivo le cognizioni teoriche e scientifiche della subacquea. Corsi non federali, ma che già prefiguravano la struttura futura, avvennero a Milano nel '52, organizzati dal Goggler Club Milano I primi corsi federali con vero e proprio programma didattico a brevetto iniziarono nell'aprile '57 a Torino e successivamente a Genova, Bologna e Milano. Nel '59 venne istituita a Nervi (GE) la Scuola Nazionale di Immersione che, sotto la guida di Duilio Marcante, organizza dal 1959 al 1984 un centinaio di corsi che brevettano istruttori oltre 1500 partecipanti.
Da svariati anni ha sancito ufficialmente, con l'approvazione di una modifica statutaria, il cambiamento della propria denominazione da Federazione Italiana Pesca Sportiva, in quella attuale di Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee (F.I.P.S.A.S.)
 
Il percorso che porterà il nuoto pinnato a diventare una disciplina autonoma all'interno della F.I.P.S. inizia nel 1955.
In quell'anno viene inviata ai circoli subacquei una circolare in cui la F.I.P.S. "…nell'intento di favorire con ogni mezzo il diffondersi della pesca subacquea … preso accordi con la competente Federazione Italiana Nuoto…" si assume "la piena rappresentanza e tutela di questa specifica attività sportiva", proponendo " l'organizzazione di gare di un certo rilievo, di cui si gradirebbe dare notizia alla stampa". Col passare degli anni questa disciplina sportiva si è via via andata affrancando dalla subacquea, fino a vedere riconoscere la propria identità e autonomia gestionale nel 1984, anno in cui il Nuoto Pinnato diviene settore autonomo.
 
LA FEDERAZIONE OGGI
Con l'emanazione del D. Lgs. 242/99 (meglio conosciuto, dal nome del Ministro proponente, come Decreto Melandri), la Federazione perde la propria natura di organo del Coni ed acquista, al pari di tutte le altre Federazioni nazionali, natura di Associazione con personalità giuridica di diritto privato, cui è riconosciuta autonomia tecnica, organizzativa e di gestione, sotto la vigilanza del C.O.N.I.
 
Essa è costituita da Tesserati singoli e Società, Associazioni ed Organismi sportivi affiliati che hanno per fine la pratica della pesca sportiva nelle acque interne e nel mare, del lancio sia tecnico che di potenza effettuato con attrezzi da pesca, delle attività subacquee e delle attività di superficie che prevedono l'uso di pinne o di monopinna, sia in forma agonistica che amatoriale.
 
La FIPSAS è stata riconosciuta inoltre "Associazione di protezione ambientale"
 
Il Ministero dell' Ambiente e della Tutela del Territorio ha comunicato, con nota 28 ottobre 2004, che la Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee è stata riconosciuta "Associazione di protezione ambientale"di cui all'art. 13 della legge 8/7/1986, n. 349, e successive modificazioni.
 
 
Gli Organi della Federazione sono:
 
A) Organi Federali Centrali:
   a) l'Assemblea Nazionale;
   b) il Presidente Federale;
   c) il Consiglio Federale;
   d) la Giunta Esecutiva;
   e) il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti.
 
B) Organi Federali Territoriali:
   a) le Assemblee Regionali;
   b) i Presidenti Regionali;
   c) i Comitati Regionali;
   d) i Delegati Regionali;
   e) i Delegati Provinciali.
 
C) Organi di Giustizia Sportiva Federale:
   a) il Procuratore Federale;
   b) il Giudice Sportivo Regionale;
   c) il Giudice Unico;
   d) il Giudice Sportivo Nazionale;
   e) la Commissione d'Appello Federale.
 
D) Organo Tecnico e Consultivo:
   a) la Consulta Federale.
 
E) Segreteria Federale
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 03/05/2011 @ 20:46:33, in SPINNING, linkato 2329 volte)
 
PRIMA GARA PROVINCIALE DI BOLOGNA A BELLY BOAT LAGHI SAPABA 1 MAGGIO 2011
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Il primo maggio si è svolta la prima gara del campionato provinciale dal belly ai laghi SAPABA.
L’esito della gara è stato ampiamente soddisfacente con quasi la totalità dei componenti che ha pesato i 3 pesci ammessi.
La gara, iniziata con tempo dubbio e freddo, si è conclusa sotto il sole con temperatura ideale.
I laghi, ripopolati con bass di varia taglia, si presentavano velati ma con acqua ampiamente accettabile, specie per chi, come i bolognesi, di norma non può usare in zona il belly.
Quindi l’occasione era attesa, la macchina organizzativa alle 6,30 era già a pieno regime.
Siamo stati accolti, fatti parcheggiare ordinatamente, aiutati a scendere in acqua e a trasportare belly stracarichi di canne e materiali più vari cui si sommava il lunch pack.
L’organizzazione curata dal BASS e dalla FIPSAS, nelle persone di Corrado e Fabrizio, con come giudice il grande Negrini con un gommone bianco, ha esordito attendendo i ritardatari, facendo un breve ma efficace briefing e ricordando regole e doveri di lealtà e sportività
Tra i concorrenti due grandi celebrità Debbi e Ruggi, che poco praticano il belly, alcuni amici arrivati da province limitrofe, campioni consolidati, giovani emergenti e vecchi leoni.
Al via le solite (poche) gare di velocità e ognuno diretto verso gli spot che credeva propizi, con le esche che credeva efficaci.
In partenza molti hanno provato esche rigide (spinner e cranck) dando poi maggior peso alla gomma
Durante la gara è prevalsa una grande cortesia e affabilità, salvo i soliti pianti sui pochi e piccoli pesci nella nassa, tanto che a un certo punto a sentire parecchi pianti mi pareva di essere tra i qualificati J… cosa ovviamente smentita a fine gara
La gara si è svolta anche tra un belly che si sgonfiava, assistito dalla pompa sul belly e dal natante di Debbi che gradualmente si strappava affondando sempre di più il concorrente che ha finito la gara pescando davanti al punto di alaggio in acqua bassa visto che il mezzo tecnico era agli estremi.
C’è chi si è fatto più volte il lago, chi (come me) ha scelto un’area più ristretta provando a copiare dai più bravi.
In campo gara giungeva voce che uno dei ragazzi di Modena avesse in nassa un bass oltre 1,3 kg e di altre belle prese, cosa verificata al peso.
Verso le 13 con lieve anticipo, stante anche un vistoso calo di catture, ci si avvicinava all’alaggio, di nuovo assistiti a puntino dall’organizzazione, che sapevamo rifocillatasi durante la gara, complici alcuni fil di fumo e odori dalle braci.
Infatti risaliti in parecchi ci siamo avvicinati al banco dell’organizzazione, divorando le residue costoline, salumi e salsiccia che l’organizzazione si è affrettata generosamente a ricuocere, abbondando con vino, birre e bibite a disposizione.
Richiamati all’ordine abbiamo pesato, riempiendo la piscina di bass bellissimi con alcuni esemplari non di semina decisamente eccellenti e in buona salute.
Rimesso il pescato nel lago è arrivato un quantitativo impressionante di pizzette, crescenti e salsiccia appena cotta.
Passata la fame si è proceduto alla premiazione che ha visto una classifica “corta” stante la taglia media abbastanza simile dei molti pesci di recente semina
 
CLASSIFICA DI GIORNATA
cl concorrente società n pesci

peso

big

pen
1 Casotti Simone SBS 3 2.692

1.380

1
2 Guazzi Francesco SBS 3 2.288   2
3 Bongiovanni Michele BBA 3 2.112   3
4 Manaresi Flavio Magilla Bass 3 2.100   4
5 Bozzoli Gianluca SBS 3 2.048   5
6 Nannetti Stefano Bass & Pike 3 1.974   6
7 Debbi Alessandro SBS 3 1.972   7
8 Venturi Luca Le Lontre 3 1.888   8
9 Ruggi Stefano SBS 3 1.876   9
10 Brini Alessandro ABC 3 1.854   10
11 Migliori Mas. Bass & Pike 3 1.830   11
12 Prodomo Diego BBA 3 1.816   12
13 Nanetti Matteo Magilla Bass 3 1.750   13
14 Grassi Mauro Le Lontre 3 1.740   14
15 BonettiniAlberto SBS 3 1.718   15
16 Gulmini Pierluigi Magilla Bass 3 1.700   16
17 Ferretti Roberto SBS 3 1.598   17
18 Maccagnani Mauro GPO-Imolese 3 1.570   18
19 Turrini Marco Magilla Bass 3 1.474   19
20 Catellani Cristian SBS 3 1.456   20
21 Bellonci Fabrizio SBS 3 1.136   21
22 Monea Alessio Magilla Bass 2 708   22
23 Secchiaroli Andrea Magilla Bass 1 602   23
24 Monea Nazzareno Magilla Bass 1 236   24
25 Cavazzoli Daniele SBS 0 0   25
26 Cervignani Luca SBS 0 assente   27
27 Fara Paolo Magilla Bass 0 squalificato   28
 
La gara ha visto come vincitore Simone Casotti, che è riuscito a catturare il big bass da 1 chilo e 380 grammi. Secondo posto per Francesco Guazzi, quindi Michele Bongiovanni, Flavio Manaresi e Gianluca Bozzoli.
Molti modenesi ai primi posti
La classifica porta alcune novità, Brini (tra i favoriti) arriva “solo” decimo preceduto da parecchi, a sorpresa in alcuni casi.
COMMENTI.
Tra l’altro i pezzi più rilevanti sono usciti da punti ben specifici, o da “punte” su alberi o zone specifiche.
I più esperti hanno alternato le esche differenziandole tra il caso in cui passassero per primi su rive a esche diverse in caso di passaggi su sponde battute, altri hanno stazionato a lungo su zone specifiche in cui contavano.
La mia gara
Io ho puntato, diversamente da anno scorso, su punti precisi (un po dovuto a un ginocchio malmesso e un po per scelta tecnica) rinunciando a sprint iniziali
Ho preso il primo bel pesce su una creatura su un ciuffo al secondo passaggio, al primo lo avevo sbagliato..
Un secondo pesce a crank, medio come peso che non sarà seguito da altri nonostante molti tentativi
Purtroppo il terzo pesce preso nella seconda parte della gara era decisamente piccolo, adatto al vermetto usato.
Ho sbagliato dei pesci a gomma, che visti prendevano in bocca la codina di un 3,5 pollici..
Ho sbagliato (poche) mangiate….
MA NON SONO ULTIMO!!!! (come l’anno sorso)
Raggiungo un diciottesimo posto (1570 grammi) a 3 etti – circa - dal decimo posto, quest’anno mi è mancato un pesce bello da cambiare il piccolo…
Però gara bella, divertente.. concorrenti correttissimi che mi hanno pure suggerito qualcosa, clima amichevole
E soprattutto un’organizzazione perfetta, da ringraziare
E non mollo, anno prossimo punto a migliorare la classifica, non so ancora come ma c’è un anno da pensarci.
 
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 01/05/2011 @ 21:31:28, in SPECIE ITTICHE, linkato 5272 volte)
 
STORIONE COMUNE - ACIPENSER STURIO
 
Lo Storione comune (Acipenser sturio) è il più grande pesce d'acqua dolce e salmastra diffuso in Europa. Famoso per offrire carni pregiate e caviale.
 
Distribuzione e habitat
In Italia la specie è autoctona. Oggi la presenza dello storione in acque interne è piuttosto scarsa, anche in luoghi un tempo ricchi di questo pesce. Nel corso degli anni tuttavia ne è stata segnalata la presenza in tutti i principali immissari del mar Adriatico e del mar Tirreno. È stato segnalato in tutti i mari anche se la presenza è rilevante unicamente nel mare Adriatico e nel Po. Nel 1892 era localizzato fino a Torino. A causa degli sbarramenti la risalita è di fatto impedita.
Fino a metà del XX secolo viveva nel Golfo di Palermo e deponeva le proprie uova lungo il corso del fiume Oreto, ma oggi del tutto estinto dall'intera regione siciliana.
 
Gli habitat sono vari:
In mare predilige fondali sabbiosi e profondi 40–150 m.
In acque interne frequenta fiumi a grande portata con correnti lente e profonde, fondali melmosi, ghiaiosi o sabbiosi. Predilige le buche più profonde dei fiumi.
 
Descrizione
La bocca nettamente infera, protrattile e tubiforme. Ha sul davanti 4 barbigli cilindriformi che rivolti all'indietro non raggiungono il labbro superiore. Il muso è molto allungato tanto che la sua lunghezza è pari a quasi la metà del corpo. Sul corpo sono presenti 9-14 scudi dorsali, 24-36 scudi laterali e 8-14 scudi ventrali. La coda è eterocerca, con il lobo superiore molto allungato.
La pinna dorsale ha 31-43 raggi, quella anale 22-27. La pinna dorsale, la pinna anale e le pinne ventrali sono posizionate nella parte posteriore del corpo. Il primo raggio delle pinne pettorali è ossificato.
La livrea prevede dorso grigio-grigio-bruno o verdastro, più chiaro lungo i fianchi, mentre il ventre è giallo-biancastro.
 
Dimensioni e accrescimento
In Italia gli esemplari non superano i 150 cm. Anche se, come specie, può arrivare a 100 anni di età, 500 cm di lunghezza ed un peso di 300 kg. La femmina è più grande del maschio
 
Età
Lunghezza
Peso
5 anni
70 cm
1,2 kg
20 anni
175 cm
30 kg
40 anni
255 cm
96 kg
60 anni
295 cm
165 kg
 
Riproduzione
Entra nei fiumi a gennaio-febbraio nonostante la fregola non abbia inizio che due mesi dopo. All'alba o al tramonto lo si può osservare mentre compie dei grandi balzi fuori dall'acqua.
La risalita, che i maschi compiono prima delle femmine, si arresta a valle dei corsi d'acqua ove la temperatura non sia troppo bassa e la portata troppo scarsa e ove manchino fondali profondi e tranquilli. Le uova (in numero di 20.000 circa per Kg di peso, di colore bruno e del diametro di 3 mm circa) sono deposte in acqua corrente ad una profondità variabile tra i 2 e i 10 m Esse aderiscono ai ciottoli ed al substrato del fondo e dopo 3-7 giorni si schiudono. Gli avannotti sono lunghi 10 mm circa. Nel giro di 1-3 anni i giovani storioni scendono al mare, rimanendovi fino all'età riproduttiva intorno ai 7-14 anni.
 
Alimentazione
Crostacei, molluschi, pesci. In acque interne, pesci vivi o morti, molluschi, crostacei e vermi. Gli animali più anziani si alimentano prevalentemente di notte.
 
Pesca
Essendo una specie protetta ne è vietata sia la pesca sportiva che la pesca professionale. Si praticava con lenza a fondo adeguata alle dimensioni della preda. Come esche si utilizzano lombrichi a fiocco, pesci vivi o morti, pezzi di carne.
 
Allevamento
L'importanza economica degli storioni è notevole, sia per la prelibatezza delle carni che delle uova da cui si ricava il rinomato caviale. Molti di essi rientrano tra le specie ittiche allevate, sebbene il ciclo di produzione sia variabile con la specie, è comunque piuttosto lungo , da tre a cinque anni per la carne, da sette a quindici anni per le uova. Lo storione comune è stato riprodotto artificialmente in Francia da alcuni esemplari selvatici pescati nella Gironda.
 
Acquariofilia
Alcune specie di storioni sono state allevate e riprodotte con successo in grandissimi acquari. A causa delle sue dimensioni è adatto soltanto all'allevamento in strutture pubbliche.
 
Stato di conservazione
Le principali minacce sono costituite dalla pesca professionale e, in misura minore, sportiva (vietate entrambe da alcuni anni), dagli sbarramenti che impediscono le migrazioni riproduttive e dall'inquinamento delle acque fluviali.
 
Storione gigante
Lo storione piu' grande mai pescato e con i dati del peso e della lunghezza accertati e' sicuramente uno storione femmina della razza Beluga pescato alle foci del Volga nel 1827 dal peso di 1571 Kg (3.460lb) e con una lunghezza di ben 7,2m (27ft)
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 30/04/2011 @ 12:20:34, in DOCUMENTI, linkato 2845 volte)
 
CENSIMENTO OBBLIGATORIO PESCA SPORTIVA IN MARE
 
Il 31 gennaio di quest’anno è stato pubblicato il decreto sul censimento dei pescatori sportivi sulla Gazzetta Ufficiale che andrà in vigore dal 1° maggio 2011. Dal 1° maggio quindi scatteranno “i controlli”. Se si verrà pizzicati senza licenza si avranno comunque 10 giorni di tempo per registrarsi ed evitare la multa.
 
Potete registrarvi anche online sul sito del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali per il censimento della pesca sportiva.
 
Ecco il link: CENSIMENTO PESCA SPORTIVA
 
Procedura:
Effettuare la registrazione fornendo: nome e cognome del pescatore o del referente dell’associazione, email (casella di posta elettronica) a cui inviare la conferma della registrazione, password di identificazione e, per i soli referenti delle associazioni, il nome dell’associazione a cui fanno capo.
Viene presentata una prima pagina in cui inserire le generalità del pescatore, e una seconda per le informazioni specifiche sul tipo di pesca praticata. A conferma della corretta conclusione delle operazioni sarà possibile stampare l’attestato dell’avvenuta comunicazione.
Qualora il pescatore o l’associazione desiderino ristampare l’attestato, sarà sufficiente riaccedere al sito del Ministero, identificarsi e fornire nuovamente le generalità del pescatore interessato.
Il decreto Mipaaf del 6 dicembre 2010 è finalizzato a promuovere la rilevazione della consistenza della pesca sportiva e ricreativa in mare.
La comunicazione, anche attraverso l'ausilio delle associazioni di pesca sportiva e ricreativa e le associazioni di pesca professionale, prevede di fornire alcune informazioni molto semplici, le generalità, il tipo di pesca praticato, le Regioni in cui si pratica questa attività.
 
L'attestato della avvenuta comunicazione funzionerà da titolo per l'esercizio della pesca.
 
Chi non avrà fatto la comunicazione, se soggetto a controlli, dovrà svolgere gli adempimenti previsti entro dieci giorni per non incorrere in sanzioni.
Il servizio consente, al pescatore di fornire i propri dati e di produrre l'attestato, alle associazioni di operare per conto di tutti i pescatori che ne fanno richiesta.
 
Di seguito viene spiegata la procedura di registrazione per l'utilizzo del servizio.
 
Procedura
Effettuare la registrazione fornendo: nome e cognome del pescatore o del referente dell'associazione, email (casella di posta elettronica), password di identificazione e, per i soli referenti delle associazioni, il nome dell'associazione a cui fanno capo.
 
Per completare la registrazione attendere la mail di conferma che il sistema invierà alla casella di posta elettronica fornita e cliccare sul primo link riportato. Qualora il client di posta non lo consenta, cliccare o copiare il secondo link nel browser attendere la risposta e digitare Email e codice di attivazione sempre riportati nella mail ricevuta.
 
Viene presentata una prima pagina in cui inserire le generalità del pescatore, e una seconda per le informazioni specifiche sul tipo di pesca praticata. A conferma della corretta conclusione delle operazioni sarà possibile stampare l'attestato dell'avvenuta comunicazione.
 
Qualora il pescatore o l'associazione desiderino ristampare l'attestato, sarà sufficiente riaccedere al sito del Ministero, identificarsi e fornire nuovamente le generalità del pescatore interessato.
 
Per problemi nell'utilizzo dell'applicazione o nell'inserimento delle informazioni scrivere all'indirizzo di posta elettronica: censimentopescasportiva@politicheagricole.gov.it riportando oltre al problema riscontrato: nome, cognome e codice fiscale del soggetto interessato e, se non si riesce ad effettuare l'attivazione, la mail di conferma ricevuta.
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 29/04/2011 @ 22:53:08, in CAMPIONATI MONDIALI, linkato 2619 volte)
SFWC 2011
CAMPIONATI MONDIALI DELLA PESCA 2011
3rd EDITION SPORT FISHING WORLD CHAMPIONSHIPS
28 AGOSTO - 4 SETTEMBRE 2011
Si svolta venerd 1 aprile, presso il Salone dOnore del Coni, la conferenza stampa di presentazione ufficiale dei Campionati Mondiali di Pesca Sportiva che si svolgeranno dal 28 agosto al 4 settembre prossimi.
Presenti il presidente del Coni, Giovanni Petrucci, i vicepresidenti del Coni Riccardo Agabio e Luca Pancalli,il Presidente della Confederazione Internazionale Pesca Sportiva Marcel Ordan, il Presidente della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attivit Subacquee Ugo Claudio Matteoli, l Assessore allo Sport della Regione Umbria Roberto Bertini, il Consigliere Delegato allo Sport di Roma Capitale On. Alessandro Cochi e Paolo Banti, dirigente Regione Toscana.
Ad aprire la conferenza il padrone di casa, il presidente del Coni, Giovanni Petrucci: I miei complimenti vanno alla Federazione della pesca sportiva per lorganizzazione di questi Campionati Mondiali. Il Presidente Matteoli uno dei presidenti pi attivi e sicuramente questo evento sar un grande successo. Il Salone dOnore del Coni che oggi ci ospita una sede molto prestigiosa ed proprio da qui che prende il via questo grande evento. Saranno campionati molto seguiti perch la FIPSAS una federazione dai grandi numeri. Caro Presidente sono sicuro che questa manifestazione avr il meritato successo. A tutti un grande in bocca al lupo.
Alle sue parole sono seguite quelle del Presidente della Confederazione Internazionale di Pesca Sportiva, Marcel Ordan: E per noi un onore e un piacere essere qui ospiti in questa meravigliosa sede. I Campionati Mondiali saranno una meravigliosa occasione di incontro e di scambio tra gli atleti provenienti da tutto il mondo e siamo certi che i risultati saranno grandi.
Anche lAssessore allo sport della Regione Umbria Roberto Bertini ha portato il suo saluto: La federazione riuscita a dar vita a questa manifestazione coinvolgendo anche la nostra meravigliosa regione e questo per noi un grande onore. Portare un evento internazionale in Umbria ci riempie di gioia.
Roma una citt meravigliosa ed per noi un onore ospitare una manifestazione cos importante. Stiamo cercando di riportare in Italia i Giochi Olimpici del 2020 e questo potrebbe essere un banco di prova per testimoniare al mondo le nostre grandi capacit organizzative. In questi ultimi dieci anni si sono realizzate opere pubbliche di livello che accrescono il prestigio del nostro paese. Agli atleti, alle famiglie, agli organizzatori un grande in bocca al lupo e un benvenuto in questa meravigliosa citt. Ha dichiarato lOn. Alessandro Cochi, delegato allo Sport Roma Capitale.
E intervenuto poi Paolo Banti, Dirigente Regione Toscana, una delle sei regioni ospitante i Mondiali: La Toscana una regione molto vicina alla pesca sportiva e parteciperemo a questi campionati con grandissimo impegno. Speriamo di portare a casa buoni risultati.
A chiudere la conferenza il Presidente della Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attivit Subacquee, Ugo Claudio Matteoli: Questi campionati, alla loro terza edizione, ritornano in Italia dopo dieci anni. Non facile organizzare un evento cos imponente. 26 discipline per ben 26 titoli mondiali da assegnare. LItalia ha la caratteristica di avere mari, fiumi e laghi idonei ad essere campi di gara ed stato per noi un duro compito fare una scelta tra le numerose localit. Abbiamo cercato le regioni tra loro pi vicine per agevolare gli spostamenti degli atleti e di tutta la macchina organizzativa dei campionati. Laltra grande caratteristica dei nostri Campionati - prosegue il Presidente- sta nel rispetto della natura: CATCH and RELEASE cio in tutte le discipline previste i pesci, una volta pescati, vengono rimessi in acqua. Unaltra particolarit risiede nel fatto che per la pesca al tonno non previsto solo il rilascio in mare della preda ma anche la sua marchiatura per monitorare in collaborazione con il Ministero dellAmbiente il flusso dei tonni nelle nostre acque.
Grande lattesa per questo evento quindi che vedr coinvolte ben sei Regioni italiane (Lazio, Toscana, Emilia Romagna, Umbria, Liguria e Trentino Alto Adige) per un evento unico nel suo genere che vedr ben ventisei (26) competizioni discipline, divise per acque interne (fiumi e laghi) e in mare.
Saranno inoltre impegnati pi di 2.500 atleti, 1.100 tra tecnici e accompagnatori, 1500 tra commissari e giudici di gara per un totale di circa oltre 5.100 partecipanti di 66 Nazioni di tutto il Mondo e oltre 130 Federazioni Sportive Nazionali. Sar unesperienza di sport, ecologia e avventura senza eguali in Italia.

 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 28/04/2011 @ 15:05:07, in SPECIE ITTICHE, linkato 4180 volte)
 
TROTA - SALMO TRUTTA
 
La trota (Salmo trutta) è un pesce di acqua dolce e marina appartenente alla famiglia dei Salmonidi dell'ordine dei Salmoniformes.
 
Distribuzione e habitat
Questa specie è presente naturalmente con varie sottospecie e specie vicarianti, la cui tassonomia è poco chiara, nell'intera Europa, comprese le isole mediterranee e l'Islanda, oltre che in Africa settentrionale (Marocco, Algeria e Tunisia), in Asia minore e nell'Asia centrale. È stata introdotta in tutto il mondo, nelle Americhe, in Australia, in Sudafrica, ecc., spesso con danni estremamente gravi sull'ittiofauna autoctona (tanto che è stata inserita nell'Elenco delle 100 specie aliene più dannose del mondo). La trota di mare (con varie sottospecie e varietà) vive nel mar Nero, nel mar Caspio e nell'Oceano Atlantico settentrionale a sud fino alla Spagna, è assente nel mar Mediterraneo anche se, soprattutto in Adriatico occasionalmente qualche trota arriva al mare dove assume ben presto la colorazione della vera trota di mare.
È una specie molto adattabile ed ecologicamente plastica che si può trovare sia in mare che nelle acque dolci, sia correnti (fiumi) che ferme (laghi). I principali limiti alla sua diffusione sono posti dall'ossigenazione dell'acqua, che deve essere abbondante, dalla sua temperatura, che sebbene possa essere anche molto bassa non deve salire oltre determinati valori, e dall'inquinamento, verso il quale la specie ha una tolleranza molto limitata. La sua diffusione in mare può avvenire solo in acque a salinità modesta. Il suo ambiente ideale sono i fiumi a corrente veloce, con acque fredde ed ossigenate ed abbondanti prede.
 
Descrizione
Simile al salmone, rispetto al quale è assai più tozza, ed agli altri salmonidi, ha corpo fusiforme leggermente compresso ai lati, con bocca grande (più piccola che nel salmone), pinna adiposa presente, pinne ventrali arretrate, pinna caudale a bordo diritto, ecc. La livrea cambia molto a seconda dell'ambiente in cui il pesce vive. Gli esemplari marini (trota di mare) sono argentei con poche macchiette scure a forma di X, simili a salmoni, così come gli esemplari di lago (trota di lago), i pesci di fiumi e torrenti, soprattutto montani (varietà fario), hanno invece colorazione molto più vivace, bruno verdastra od oliva, con numerosi punti neri, violacei, arancio e rossi e sfumature dorate, talvolta arancioni o gialle molto vistose, sui fianchi.
La trota di mare e quella di lago raggiungono e superano il metro di lunghezza mentre una fario di 50 cm è già molto rara.
Spesso si sente parlare di trota salmonata. Non si tratta di una sottospecie, ma solamente di trote il cui colore rosato della carne ricorda quello del salmone. Il colore dipende dalla dieta ricca di carotenoidi che, negli allevamenti, è spesso somministrata proprio per ottenere la colorazione rosata delle carni.
 
Alimentazione
Esemplare della forma fario
La trota è un predatore voracissimo e si può dire che mangia qualunque animale che possa inghiottire, dagli insetti ai crostacei, ai pesci, anche trote più piccole, ai topi ed alle rane.
 
Riproduzione
Nelle forme d'acqua dolce avviene durante i mesi invernali in un ambiente con fondi ghiaiosi in cui viene scavata una buchetta dove avviene la deposizione. La trota di mare, che è anadroma, compie una migrazione simile a quella del salmone ma, in genere, più breve e più spesso sopravvive alla deposizione.
 
Pesca
Si cattura con tutte le tecniche di pesca sportiva ed è in genere la più ambita preda dei pescatori di tutta Europa. La cattura di trote selvatiche non ha comunque nessun significato economico. Le carni sono squisite.
 
 Trota di mare
Tassonomia, sottospecie e specie affini Il quadro classicoLa sistematica del gruppo Salmo trutta è ancora in fase di aggiornamento dato che per molti anni è stata riconosciuta solo la specie Salmo trutta con un certo numero di sottospecie; di alcune di tali sottospecie (Salmo trutta "lacustris", Salmo trutta "fario" e Salmo trutta "trutta") è stata dimostrata l'invalidità dato che se ad una trota di mare (Salmo trutta "trutta") viene impedito il ritorno al mare si trasformerà in una trota di torrente (Salmo trutta "fario"); in altri, numerosi, casi, queste sottospecie sono state elevate al rango di specie valide.
 
 Le nuove specie
Di seguito un elenco delle nuove specie riconosciute per l'Europa:
 
Salmo ferox endemica delle isole Britanniche
Salmo nigripinnis endemica dell'Irlanda
Salmo stomachicus endemica dell'Irlanda
Salmo trutta limitata ai tributari dei mari del nord e baltico e dell'Oceano Atlantico
Salmo carpio endemica del lago di Garda
Salmo cenerinus endemica dell'Italia settentrionale
Salmo cettii endemica dell'Italia centromeridionale, della Sardegna, della Sicilia, della Corsica e forse di altre zone mediterranee
Salmo fibreni endemica del lago di Posta Fibreno
Salmo marmoratus endemica dell'Italia settentrionale e della Slovenia
Salmo rhodanensis endemica del fiume Rodano e dei suoi tributari
Salmo dentex presente nella regione balcanica occidentale
Salmo farioides presente nella regione balcanica occidentale
Salmo macedonicus endemica del bacino del fiume Vardar in Macedonia e Grecia
Salmo montenegrinus endemica dei bacini dei fiumi Neretva e Moraèa, in Bosnia Erzegovina e Montenegro
Salmo obtusirostris endemica delle acque di Croazia, Bosnia Erzegovina e Montenegro
Salmo ohridanus endemica del lago di Ocrida, molto affine alla specie precedente e nettamente distinta dalle altre specie di trote presenti nel lago
Salmo pelagonicus endemica delle acque di Macedonia e Grecia
Salmo peristericus endemica del lago di Prespa
Salmo taleri endemica di alcuni fiumi del Montenegro
Salmo ciscaucasicus presente nei fiumi Volga, Ural e Terek
Salmo ezenami endemica del lago Kazenoi-am, nel Daghestan
Salmo labrax endemica dei tributari del mar Nero, compreso il Danubio ed i suoi affluenti
Salmo schiefermuelleri endemica di alcuni laghi delle Alpi austriache, questa specie si considera attualmente estinta
 
Inoltre abbiamo 4 specie endemiche del lago di Ocrida non ben definite e la cui ripartizione non è nota, soprattutto per l'ibridazione tra i vari gruppi avvenuta in seguito ai ripopolamenti:
 
Salmo aphelios
Salmo balcanicus
Salmo letnica
Salmo lumi
Un'altra specie, non strettamente imparentata, Oncorhynchus mykiss è conosciuta come trota iridea.
 
 Le ipotesi più recenti
Recenti ricerche di zoogeografia, corroborate da studi di tassonomia molecolare (soprattutto riguardanti il DNA mitocondriale) hanno dimostrato che gran parte delle specie di trota europee (eccetto alcuni endemismi lacustri come le trote del lago di Ocrida) sono ascrivibili a 3 sole specie, una stirpe mediterranea ribattezzata S. mediterraneus, un ceppo atlantico a cui verrebbe riservato il binomio S. trutta e un ceppo originario della zona caspica (S. caspius). Secondo questa ipotesi tutte le trote italiane (comprese dunque Salmo marmoratus, Salmo carpio, Salmo cettii e Salmo fibreni) apparterrebbero alla specie Salmo mediterraneus e solo la marmorata ed i carpioni del Garda e del Fibreno avrebbero rango sottospecifico mentre le altre rientrerebbero nella variabilità di S. mediterraneus mediterraneus. Peraltro sia la trota fario del nord Italia che la trota sarda o "macrostigma" del centro sud apparterrebbero alla stessa specie e sarebbero geneticamente identiche mostrando come la livrea sia un carattere acquisito e non geneticamente determinato[4][5].
 
 Caratteristiche nutrizionali
Quando si parla di trota da un punto di vista culinario, va notato che quasi mai si trova in commercio la "vera" trota autoctona, la Trota Fario, in quanto molto più difficile da allevare della Trota Iridea , di origine americana, che vive anche in laghi con acque fangose e acque debolmente ossigenate. Per questo motivo sulle trote acquistate al mercato non troverete le macchie rosse tipiche della Trota Fario.
 
Ecco alcuni dati che possono essere utili quando si sceglie di mangiare la trota:
 
Carboidrati: 0;
Proteine: 14,7;
Grassi: 3;
Acqua: 80,5;
Calorie: 86.
Parte edibile: 55;
Calorie al lordo: 47.
(per 100 g)
 
 Curiosità
In un parco di Adaminaby, nel Nuovo Galles del Sud (Australia) esiste una scultura di 10 metri di altezza denominata The Big Trout ("La grande trota").
  
 
 
 
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 22/04/2011 @ 16:26:20, in SPECIE ITTICHE, linkato 3251 volte)
 
LUCIOPERCA - SANDER LUCIOPERCA
 
Il Sander lucioperca, conosciuto comunemente come lucioperca, luccioperca o sandra, è un pesce d'acqua dolce della famiglia Percidae.
 
Distribuzione e habitat
Originario dell'Europa centro-settentrionale e di quella orientale (Svezia, Finlandia, Germania, Polonia ed ex URSS) nonché dell'Asia occidentale, è stato introdotto in molti paesi europei agli inizi del XIX secolo, con notevoli conseguenze ambientali.
 
In Italia fu introdotto tra il 1902 e il 1908 nei laghi di Comabbio e Pusiano ed in seguito in tutto il nord Italia, ma oggi sembra sia diffuso solamente in alcuni laghi (Lugano, Comabbio, Maggiore, Corbara, da cui si è poi diffuso nell'intero corso del Tevere fino alla città di Roma), e lungo il corso del fiume Chienti. Una grossa popolazione è presente anche nel fiume Po nonché in gran parte delle acque del piano della Pianura Padana. Vive nei tratti inferiori dei fiumi e nei laghi a grandi e medie dimensioni, con acque ben ossigenate.
 
Descrizione
Ha corpo snello ed affusolato, la pinna dorsale anteriore ha 13-15 raggi spinosi. La bocca è provvista di piccoli denti e qualcuno più grande sparso. Il maschio presenta una concavità nel dorso, fra la testa e la pinna dorsale anteriore; nella femmina questo punto è invece convesso.
 
La livrea presenta una colorazione bruno verdastra su testa, dorso e fianchi, più chiara sul ventre. Alcune strisce verticali nere scendono dal dorso fino ai fianchi. Le pinne sono verdastre chiazzate di nero.
 
I soggetti più longevi raggiungono l'età di 20 anni, 130 cm di lunghezza per un peso di 15 kg.
 
Come nel persico si conoscono casi di popolazioni nane, dovute alla scarsità di cibo e alla grandezza dello specchio d'acqua.
 
Comportamento
Questa specie ha tendenze prevalentemente notturne. Quando si tratta di piccole dimensioni vive in piccoli branchi, mentre quando diventa adulto diventa solitario.
 
Riproduzione
La deposizione avviene a circa 12 °C tra aprile e giugno su fondali sassosi o coperti da radici di piante.
 
Alimentazione
Le sue prede sono alborelle, scardole, persici sole e cobiti. L'alimentazione è ridotta durante l'inverno.
 
Pesca
Considerato un pesce pregiato sia per la pesca sportiva sia per la squisitezza delle sue carni, il lucioperca viene pescato con esche artificiali (tecnica dello spinning), verme, piccoli pesci, ma soprattutto con la tecnica del morto manovrato.
 
Effetti biologici
L'introduzione di questo forte predatore alloctono nelle acque italiane sembra abbia causato non pochi problemi alle specie autoctone di pesci comprese estinzioni locali di specie endemiche.
 
 
Titolo
 
GIORNATA DELLA TERRA ONU IL 22 APRILE: RICOSTRUIRE I POLMONI VERDI PERDUTI
 
La Giornata della Terra il prossimo 22 aprile festeggia 41 anni e per l’occasione a mobilitarsi saranno 114 paesi, Usa e India in prima fila. Nello stesso giorno del 1970, 20 milioni di cittadini americani avevano risposto ad un appello del senatore democratico Gaylord Nelson, partecipando ad una storica manifestazione a difesa del Pianeta.
 
A tenere le fila dell’evento mondiale e’ l’Earth Day Network, che con l’edizione 2011 ha fissato un obiettivo ambizioso: raccogliere un miliardo di ‘’azioni verdi’’ prima del summit Onu sollo sviluppo sostenibile previsto a Rio de Janeiro nel 2012. C’e’ chi ha deciso di fare a meno dell’acqua in bottiglia e chi ha abbandonato l’auto per la bicicletta, mentre altri hanno cambiato le vecchie lampadine e deciso di fare la spesa portando una capiente borsa di tela da casa. Per tutti la parola d’ordine e’ compiere un gesto a vantaggio della salute del Pianeta. A partecipare al tam tam via internet sono singoli cittadini, aziende, organizzazioni non governative e amministrazioni locali: il contatore ha gia’ superato quota 85 milioni e continua ad avanzare.
 
Fra le novita’ di quest’anno, che l’Onu ha voluto dedicare alle foreste, c’e’ anche il ‘’Canopy project’’, che punta ricostruire i polmoni verdi andati perduti ai quattro angoli del globo. Ciascun albero piantato verra’ contato nella campagna del miliardo di azioni verdi. Un’altra iniziativa e’ quella che cerca di coinvolgere le donne leader di governi, imprese, ong, in una campagna che aggreghi il potere al femminile per promuovere la nuova economia verde a livello nazionale, ma anche mondiale, in occasione del vertice di Rio del 2012. L’iniziativa ‘’rosa’’ si chiama Wage (Women and green economy) e ha gia’ ‘’arruolato’’ alcune donne del calibro della stilista Donna Karan, della presidente della Fondazione della Virgin, Jean Oelwang e della presidente della BP per le energie alternative, Katrina Landis.
 
Ogni giorno si puo’ dare il proprio contributo alla salute del Pianeta, con scelte sostenibili. A fornire alcuni eco-consigli e’ il sito web di earthdayitalia.com, che rilancia cosi’ l’obiettivo della Giornata della Terra, il prossimo 22 aprile. Ecco alcune regole d’oro, anche in vista del concertone romano: - L’AUTO ‘CONDIVISA’: Ogni veicolo emette da 120 a 400 grammi di CO2 per chilometro. Per spostarsi, meglio allora condividere l’auto con altri passeggeri, risparmiando benzina e CO2. Questo sistema si chiama car-pooling.
- MEZZI PUBBLICI: Il 46 % delle emissioni di CO2 dei trasporti viene da auto private. Per andare al concerto romano, in citta’ meglio usare i mezzi pubblici, la bicicletta o la metropolitana. Iinquinano meno e non hanno problemi di parcheggio.
- RICICLO: Dopo l’acquisto di bottigliette d’acqua minerale o bibite in lattina, fare la raccolta differenziata. Riciclando 150 lattine, ad esempio, si puo’ realizzare una bicicletta da corsa.
- BATTERIE: Per macchinette fotografiche o un filmato, evitare le batterie usa e getta. Per produrle si consuma 200 volte l’energia che contengono, nell’80% dei casi finiscono nella spazzatura normale contaminandola e comunque non sono riciclabili in alcun modo. Meglio le batterie ricaricabili, che durano da 500 a 1.000 volte di piu’.
- BIOLOGICO: Meglio scegliere prodotti biologici e di stagione, che non inquinano l’ambiente coi pesticidi e hanno bisogno di meno energia per crescere.
- FAZZOLETTI: Stop a tovaglioli e fazzoletti di carta non riciclata. Con i prodotti riciclati si evita di abbattere alberi attraverso un processo produttivo a basso impatto ambientale e privo di sostanze nocive, certificato.
- ELETTRONICA: Rispetto ad un SMS, un’email usa piu’ di trenta volte l’energia elettrica necessaria per ogni messaggio.
Greenpeace ha messo a punto una guida di acquisti ‘’verdi’’ hi-tech, player mp3, telefonino, stereo, autoradio, televisore, consolle per videogame. L’Ecoguida e’ su www.greenpeace.org.
 
 

Benvenuto 
Ci sono 1174 Utenti collegati


Form Object


< giugno 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

RICORDATI DI CONDIVIDERE QUESTA PAGINA CON I TUOI MIGLIORI AMICI SU:



Titolo
ARCI PESCA (31)
ATTIVITA' SOCIALI E RICREATIVE (7)
CAMPIONATI MONDIALI (7)
CARPFISHING (29)
CURIOSITA' (20)
DOCUMENTI (9)
EVENTI (24)
FIUMI ITALIANI (2)
GARE AD INVITO (20)
ITINERARI (19)
LEDGERING FEEDER (6)
NEWS G.P.O. (9)
PASTURE e ATTREZZATURA (10)
PERSONAGGI (2)
PESCA A MOSCA (1)
PESCA AL COLPO (73)
PESCA IN FIUME (5)
PESCA IN MARE (6)
REGOLAMENTI (1)
SCRIVONO DI NOI (16)
SPECIE ITTICHE (30)
SPINNING (60)
TECNICHE (5)
TEMATICHE AMBIENTALI (25)
TROTA IN LAGO (12)

Catalogati per mese:
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019

Gli articoli piu' cliccati

Titolo

VIDEO GPO CHANNEL IN PRIMO PIANO


 


Titolo
VI PIACCIONO I NOSTRI ARTICOLI?

 NON POSSO STARNE SENZA!
 MOLTISSIMO
 MOLTO
 ABBASTANZA
 COSI' COSI'
 NON MI ESPRIMO
 POCO
 POCHISSIMO
 LI ODIO!





20/06/2019 @ 04:18:43
script eseguito in 208 ms


Ambiente e natura



 

Segnalato da
Web Directory Gratuita

Segnalato da:
www.aggiungisito.it

Googlerank, pagerank di Google

Segnalato su: Aristotele, motore di ricerca Italiano

Click Web

METEO DA 3BMETEO.COM