GPO IMOLESE TUBERTINI - LA POLISPORTIVA DELLA PESCA

 
 

Immagine
 Roncassaglia Marco in azione di pesca al Winter Cup 2012... di Admin G.P.O.
 
"
I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione.

Muhammad Ali
"
Seguici: 
Titolo
 
\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine cronologico)
DI SEGUITO TUTTI GLI ARTICOLI DELLA SEZIONE RICHIESTA E PUBBLICATI SUL SITO IN ORDINE CRONOLOGICO
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 31/10/2011 @ 15:47:50, in EVENTI, linkato 2126 volte)
ALLUVIONE, LUNIGIANA, LA F.I.P.S.A.S. SI MOBILITA
Dal sito nazionale della F.I.P.S.A.S.
 
E’ Aulla (Massa Carrara), il centro della Lunigiana, la zona più colpita dal maltempo della Toscana. Il bilancio è tragico, 7 morti e 300 sfollati. Nel cuore della Lunigiana non c’è acqua, gas ed elettricità. Interrotte tutte le forme di comunicazione. Per acquistare generi alimentari bisogna spostarsi nei paesi limitrofi, quelli che non sono stati colpiti dal maltempo.
Lo spirito è di forte solidarietà, squadre di volontari si apprestano a spalare fango dalle strade e dalle abitazioni. In alcune zone i Vigili del Fuoco si muovono ancora in motoscafo ma a mettere la Lunigiana in ginocchio non è stato solo il temporale di mercoledì scorso, la situazione è precipitata quando le amministrazioni locali sono state costrette ad aprire la diga di Teglia.
 
L’Associazione CROCE VERDE MARINA DI MASSA ONLUS ha promosso un’ azione umanitaria di assistenza e protezione della popolazione della Lunigiana successiva all’evento catastrofico.
Tutto ciò in collaborazione con: CNA Provinciale, Associazione Riviera Apuana, Associazione Campeggi, Ageparc e la FIPSAS di Massa Carrara.
Sono stati istituiti punti di raccolta presso:
-La sede dell’Associazione Croce Verde Marina di Massa sita in Marina di Massa, Via Casamicciola n. 20 tutti i giorni dalle 08/30 alle 18.00
-CNA sede di Avenza orario di ufficio
-CNA sede di Massa orario di ufficio
-FIPSAS Marina di Carrara Via Galileo Galilei (c/o Carabinieri Marina di Carrara) orario di ufficio
-Bagno Sara Marina di Massa, Bagno Oliviero Marina di Massa, Bagno Beppe Marina di Massa nei seguenti orari dalle 12.30 alle 14.30
Lo scopo è quello di raccogliere forniture massicce di beni indispensabili a garantire la sopravvivenza della popolazione, soprattutto per garantire il dopo, oltre che il presente.
L’azione umanitaria si sviluppa con gli aiuti in natura di derrate alimentari come (acqua, latte, cibi liofilizzati, scatolame, biscotti, insomma generi a lunga conservazione, materiale per l'igiene intima, prodotti sanitari coperte torce pile, ecc...), guanti da lavoro, pale per scavare, tira acqua, elmetti da protezione, occhiali protettivi, guanti monouso, indumenti e tutto ciò che può essere immediatamente utilizzato dai destinatari.
Tutto ciò che sarà raccolto verrà portato e distribuito alla popolazione dai volontari la prossima settimana in collaborazione con le autorità preposte in loco (Protezione Civile).
Certi di una grande collaborazione e solidarietà si ringraziano tutti coloro che vorranno aiutarci e che già ci stanno aiutando in questa raccolta che inizierà a partire da oggi Sabato 29 ottobre e terminerà il 10 novembre con la consegna in loco di quanto raccolto.
Per chi volesse essere d'aiuto economicamente, le Associazioni stanno raccogliendo fondi per le prime necessità e per la successiva ricostruzione.
La FIPSAS Sezione provinciale di Massa Carrara che si è mobilitata sin dalle prime ore ha messo a disposizione anche un c/c per la raccolta di contributi.
 
Eventuali offerte: CodiceIBAN:IT35 D0760113600000042655373 – C/C Postale n. 42655373 - Intestato a: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE FIPSAS MASSA CARRARA. Causale: EMERGENZA LUNIGIANA.
 
La tragicità dell'evento è sotto gli occhi di tutti. In questi primi momenti non pensiamo a chi addossare le colpe, ma aiutiamo con la nostra solidarietà e civile senso umanitario questa povera gente che ha perso tutto in 24 ore.
 
link al portale F.I.P.S.A.S.
 
 
Titolo
Di sipadan (del 27/10/2011 @ 22:42:23, in TEMATICHE AMBIENTALI, linkato 2849 volte)
IL CATCH AND RELEASE
N.B. alla fine dell'articolo è presente una integrazione di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Il Catch & Release (catturare e rilasciare) una pratica di pesca per la quale non si uccide il pesce pescato, qualsiasi sia la tecnica di pesca utilizzata, ma si rilancia in acqua vivo e possibilmente senza arrecargli danni.
Non ci sono notizie certe sull'origine di questo comportamento, ma possiamo dare per certo che abbia avuto inizio negli Stati Uniti negli ambienti della pesca con la mosca e della pesca a spinning al black bass o persico trota. Queste due tecniche di pesca, la pesca a mosca e lo spinning, sono tuttora le discipline alieutiche che supportano maggiormente e praticano il Catch & Release, ma questo comportamento si sta diffondendo sempre di pi anche nelle altre tecniche di pesca. Studi scientifici di varie facolt di ittiologia nazionali ed internazionali e la marcatura dei pesci catturati, hanno dimostrato senza ombra di dubbio che i pesci liberati non solo sopravvivono a lungo, ma possono essere ricatturati. L'impatto ambientale dei pescatori che praticano questa tecnica nullo o quasi nullo dato che la popolazione ittica di una determinata area non viene in questo modo intaccata da un prelievo indiscriminato.
Rilasciare il pesce pescato, per chi condivide, attua e diffonde la pratica del catch and release, non solo segno di civilt e rispetto ambientale, ma rappresenta una vera filosofia e approccio alla pesca, dove alla gioia della cattura si aggiunge la felicit del vedere l'animale appena catturato di nuovo libero.
LE 6 REGOLE DEL CATCH AND RELEASE
La tecnica del Catch & Release, che consente di rilasciare i pesci catturati recando loro pochi danni e permettendone la successiva sopravvivenza, consiste in alcune regole basilari:
1 Usare ami singoli e senza ardiglione: gli ami multipli (ancorette) e gli ami con ardiglione provocano al pesce ferite gravi che ne mettono in pericolo la sopravvivenza. Usando ami singoli e privi dell'ardiglione potremo slamare pi facilmente il pesce e senza provocargli danni. Normalmente l'amo senza ardiglione non aumenta in modo significativo la percentuale di slamature durante il ricupero del pesce.
2 Recuperare e slamare il pesce velocemente: il pesce durante il recupero lotta strenuamente per liberarsi. Questa lotta impari provoca uno stress grave con rilascio di un livello eccessivo di acido lattico. Sintomo di questo stress eccessivo causato da un ricupero lento la posizione che il pesce assume dopo esser stato rilasciato: sta fermo a lungo e, nei casi pi gravi, si abbandona in posizione orizzontale alla corrente. Ugualmente importante la slamatura veloce favorita dall'assenza dell'ardiglione sull'amo. Il pesce pu sopravvivere fuori dell'acqua solo per pochi minuti ed opportuno ridurre questo tempo a pochi secondi.
3 Tenere il pesce in acqua: se nel recupero portiamo il pesce sin sopra riva, specie se sabbiosa o sassosa, ci gli cagioner altre ferite causate dagli urti o dallo sfregamento su di una superficie ruvida. Rammentiamo che la pelle del pesce ricoperta da un muco protetivo e che la perdita di questo muco causata dallo strusciamento sul terreno pu determinare infezioni da parassiti. Il pesce va quindi rilasciato mentre ancora in acqua.
4 Maneggiare delicatamente il pesce con le mani bagnate: essenziale non toccare il pesce con le mani asciutte: subisce un shock termico dovuto alla differente temperatura del nostro corpo (36) rispetto a quella del suo corpo che coincide con quella dell'acqua in cui vive. Bagnarsi le mani riduce abbastanza lo shock termico ed evita anche l'asportazione del muco superficiale. La delicatezza e l'attenzione nel maneggiarlo altrettanto importante: bisogna evitare di stressare particolarmente le branchie e di stringerlo con forza. Il retino, se ha una rete senza nodi, pu essere d'aiuto purch si stia attenti a non far impigliare le maglie della rete con le branchie.
5 La slamatura: oltre a fare tutto ci delicatamente e velocemente mantenendo il pesce in acqua, opportuno utilizzare delle pinze (come le pinze emostatiche). Il pesce allamato profondamente (ovvero il pesce al quale l'amo si aggrappato all'esofago e non alla bocca) non deve essere slamato. In questo caso la slamatura provoca ferite assai gravi in parti vitali: meglio tagliare la lenza. Come valida alternativa al taglio della lenza, esiste da poco tempo (da Ottobre 2006) uno slamatore (Larchy) in grado di localizzare l'amo, liberarne l'ardiglione ed invertirne la posizione anche nel pi profondo dell'esofago ed estrarlo senza il pericolo del riaggancio sul percorso verso l'esterno, cosicch le ferite di cui sopra sono ridotte al minimo. Poich il tutto si svolge in modo automatico, l'operazione svolta in maniera rapida, sicura, mentre il pesce rimane in acqua e senza la necessit di afferrarlo.
6 La rianimazione: se il pesce esausto non va lasciato andare immediatamente: occorre mantenerlo in acqua tenendolo con le mani e contro corrente. Muovendolo un poco in avanti ed indietro si fa entrare l'acqua e quindi l'ossigeno nelle sue branchie e lo si rilascia solo quando inizia a muoversi da solo cercando di liberarsi.
LINK UTILI IN TEMA CATCH AND RELEASE
UNIVERSITY OF FLORIDA
 
 
Integrazione all’articolo C&R di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Il C&R nasce dall’ambiente dei pescatori a mosca, i primi ad avere avuto questa sensibilità.
E nasce dalle esperienze della pesca a mosca “secca” quindi con ami piccoli (anche se le trote americane sono belle grosse) e in genere a fil di bocca.
Su lucci e black bass credo che l’Europa sia più avanti degli Stati Uniti come C&R….. specie per i bass.
Premesso che dove i regolamenti e le leggi impongano una certa armatura dell’esca si debbano rigorosamente rispettare, salvo contestarli nelle sedi opportune con opportune argomentazioni.
Infatti il concetto americano espresso nei 6 punti è corretto, utile per il pesce e per la natura , ma credo che possa essere integrato sull’esperienza della pesca in Italia.
In Italia, spesso in Appennino, abbiamo trote piccole cui spesso gli ami singoli senza ardiglione, se troppo grossi sono estremamente rischiosi, consentendo di raggiungere l’occhio o perforare il cranio.
Infatti si tende per es. a cambiare un’ancoretta del numero 8 con un amo singolo del numero 2.
Che di norma è lungo, molto lungo rispetto l’ancoretta e in molti casi sta in orizzontale che non è la posizione corretta e resta più pericolosa.
Altra differenza con la pesca a mosca, qui l’amo è libero in cima alla lenza, da noi per lo spinning va attaccato ad un’esca….
 
Allora o usiamo ami adatti come gli eccellenti Owner/Tubertini st75BLM e st 55 BLM per minnow
 
 
Che sono “corti” e molto aperti e hanno pure un ottimo occhiello, e sono disponibili con occhiello in asse o ruotato di 90 gradi, quindi adattabili a tutte le esche…
Io con l’1/0 ho passato da parte a parte la mandibola di una steel head.. e anche saltando non si è slamata, ma l’ho potuta rilasciare molto facilmente.
Si potrebbe ovviare con un doppio split ring che gira l’amo di 90 gradi, ma lo allunga, molto meglio gli ami di quel tipo specifico, tra l’altro meravigliosi come robustezza e affilatura
Oppure
Usiamo, come giustamente impone in acque da trote (Categoria “D”) la Provincia di Bologna, ancorette senza ardiglione.
I vantaggi?
Su trote piccole riduce la possibilità di ingoio dell’esca, spesso letale nelle trote piccole, su tutte le trote riduce di molto la penetrazione che su un punto solo molto affilato porta spesso a passare da parte a parte la testa.
E la lingua dei pesci è molto sensibile se perforata.
Se si ha la manualità necessaria si slama bene come l’amo singolo, usando una piccola pinza senza neppure toccare il pesce, e in caso di dover “forzare” un pesce si fa forza su 3 punti e non su uno.
Io ho molti amici che pescano anche a spinning ad amo singolo ma se talvolta è vero che ci sono poche differenze talvolta si perdono molti più attacchi, con forti differenze per es. tra cavedani e trote e anche tra questi tra i più grossi e i più piccoli, di solito i piccoli si slamano o non si allamano molto di più.
Ovvio che se si vuole tutelare al massimi trote, persici e cavedani è sempre meglio usare un solo amo o una sola ancoretta senza ardiglione.
Questa nota è sul punto (1), e poco ho da dire su tutti gli altri punti, validissimi anche per la pesca al colpo, che io pratico barbless (senza ardiglione) da almeno 15 anni, e qui la differenza è veramente poca.
 
Passiamo a casi un po diversi che riguardano più lo spinning.
Sugli aspi, che sono un caso a parte, c’è sempre una forte possibilità di errore nell’inlamata e una forza del pesce davvero esplosiva in certi istanti, e il pesce non ha denti.. quindi schiaccia la preda.
Con questo pesce spesso l’amo singolo risulta inefficace e spesso anche le ancorette non delle più spesse vengono schiacciate e deformate
Passiamo ai lucci
Qui sono certo dei gravi danni che possono infliggere ami singoli.
Infatti in tante zone no kill non vi è l’obbligo di amo singolo
Per i lucci a volte si attaccano pesci di 50 cm, a volte di 120 cm, un amo singolo dell’11/0 è adatto e forse piccolo per i secondi ma un vero pericolo per i primi.
E inoltre se si pesca a gomma l’assenza dell’ardiglione non consente una adeguata gestione e trattenimento dell’esca, cui si può solo in parte ovviare con accorgimenti empirici.
Inoltre già dal 4/0 è possibile attraversare il cranio senza fatica, mentre anche solo un minimo ardiglione in genere lo blocca.
Anche per i bass vale lo stesso principio e lo stesso ragionamento, io dove obbligatorio nei laghetti in viva uso ami con ardiglione limato, ma spesso attraverso qualche testa.
Se invece mi limito a schiacciare l’ardiglione pentra un po meno e si slama quasi altrettanto bene, tanto che esistono negli USA ami e ancorette con una curva invece che l’ardiglione.
Su questi pesci devo dire che vantaggi e svantaggi si bilanciano, il barbless se non ben piantato è deficitario nei salti del pesce (problema vivo anche tra i pescatori a mosca) ma molto più efficace (perché più affilato)  in caso di mangiate molto difficili.
Il vantaggio, parlando in termini anche di tutela personale, è se ci si allama incidentalmente, estrarre ami o ancorette senza ardiglione è facile ma doloroso, in caso di ami da passata del 18 è molto doloroso se c’è l’ardiglione, pensate con una ancoretta 4/0 L.
 
Ultima raccomandazione per bass grossi e lucci, in caso di difficoltà il procedimento corretto (vedi per es il sito di esox Italia, www.esoxitalia.it; http://esoxitalia.blogspot.com/ ) è:
1 - tagliare con un trancino l’ancoretta ramo per ramo
2 - se possibile togliere facendo ruotare a favore di eventuale ardiglione il pezzo troncato dell’ancoretta
3 – nel dubbio lasciare il ramo troncato di ancoretta o amo in sede senza forzare
Spessissimo il pesce riesce ad espellerlo e tanto più facilmente se senza ardiglione.
Concludendo
Un sincero plauso a chi ha avviato, diffuso e diffonde il catch e release, pescatori a mosca in testa
Facciamolo sempre anche noi ma con un minimo di adattamento ai nostri pesci, alle nostre esche e alle nostre acque.
Non credo che molti bassman siano entusiasti di togliere l’ardiglione a uno spinner, che magari costa 20 euro, ed è un’esca che di norma fa veramente pochi danni.
Mentre in acque da tutelare io pesco molto spesso ad ancoretta singola senza ardiglione magari togliendone una da un crank o minnow e so che tanti altri lo fanno spontaneamente.
E solo perché sono convinto che l’amo singolo farebbe più danno in quei casi.
 
Integrazione di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 27/10/2011 @ 22:00:11, in TEMATICHE AMBIENTALI, linkato 1156 volte)
F.I.P.S.A.S. Dipartimento Ambiente e Tutela del Mare e delle Acque Dolci
 
Nata come Federazione Sportiva, F.I.P.S.A.S., nel corso degli anni, ha dedicato sempre maggiore attenzione ai problemi relativi alla conoscenza, allo studio e alla salvaguardia dell'ambiente, soprattutto quello acquatico: lacustre e marino. Per questo suo impegno stata riconosciuta, nel 2004,come Associazione di Protezione Ambientale e da allora, attraverso la creazione di un Dipartimento specifico, impegnata a promuovere i principi della sostenibilità ambientale, in particolare nelle scuole e nell'ambito delle proprie attività. Inoltre, oggi lavora alla realizzazione di diversi progetti che hanno come obiettivo la conservazione della natura e la difesa della biodiversità.
Il Mare può essere un potente strumento di educazione e crescita per le giovani generazioni, di incontro, un modo per ampliare i propri orizzonti e accogliere la diversità.
Da diversi anni ormai l'Associazione impegnata nello sviluppo e promozione dell'attività della pesca sportiva orientata verso il Catch and Release, del connubio pesca sostenibile/turismo ambientale per dare continuità di risorse, lavoro e produrre ricchezza nelle varie zone italiane, costiere e non, anche fuori stagione; contribuire alla valorizzazione delle aree marine protette e contribuendo ad una pesca sportiva sostenibile, regolamentata ed eticamente corretta. Le ampie zone costiere, infatti, sono la sede naturale per la sperimentazione di un nuovo tipo di pesca sportiva sostenibile e turistica, teso a ridurre al minimo l'impatto sull'ambiente e a valorizzare le risorse locali favorendo lo sviluppo dei territori.
L'impegno per il futuro sarà avvicinare le nuove generazioni alle tematiche ambientali, favorendo un atteggiamento di apertura per il prossimo e di rispetto per il mondo naturale. Un appello rivolto a tutti, ragazzi e adulti, perchè non è mai troppo presto e, per fortuna, non ancora troppo tardi. Soprattutto, non è mai inutile impegnarsi, ognuno nel proprio piccolo, per fare della Terra un posto migliore in cui vivere.
FIPSAS è riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare come associazione nazionale di protezione ambientale; associazione riconosciuta dal Dipartimento di Protezione Civile; ente con finalità assistenziali;fa parte del Consiglio Nazionale dell'Ambiente, collabora attivamente con ICCAT (The International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas ).
 
FIPSAS Dipartimento Ambiente e Tutela del Mare e delle Acque Dolci
Viale Tiziano , 70 (00196) Roma
tel: 06/36858365-8238
fax: 06/36858109
 
 
LINK UTILI
PORTALE F.I.P.S.A.S. (FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA ED ATTIVITA SUBACQUEE)
 
ICCAT (THE INTERNATIONAL COMMISSION FOR THE CONSERVATION OF ATLANTIC TUNAS)
 
MINISTERO DELLAMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE
 
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE
 
 
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 27/10/2011 @ 00:12:01, in EVENTI, linkato 1218 volte)
LA F.I.P.S.A.S. AD ANTEPRIMA 2012
La F.I.P.S.A.S. sarà presente con uno stand ad "Anteprima 2012", esposizione dedicata a roubasienne, panieri, pasture e accessori, che si terrà ad Ostellato (FE) nei giorni 12 e 13 novembre 2011.
I visitatori si potranno cimentare con il simulatore di pesca e Sabato pomeriggio si terrà l'Assemblea Nazionale degli agonisti del Settore Acque Interne, aperta ai tesserati F.I.P.S.A.S..
Nell'ambito della manifestazione si svolgeranno
- il "2 Italian Master", gara internazionale di Pesca al Colpo (Sabato 12 novembre);
- il "1 Trofeo Italian Master Feeder", Città del Rubicone Day, Coppa Colmic, Trabucco Day, Tubertini Day (Domenica 13 novembre).
Articoli e album fotografici che potrebbero interessarti
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 22/10/2011 @ 22:39:46, in TEMATICHE AMBIENTALI, linkato 4668 volte)
GOLETTA DEI LAGHI 2011, LA SITUAZIONE DEI LAGHI ITALIANI
di Legambiente.it
 
I LAGHI
Quando le acque meteoriche e quelle che sgorgano dal sottosuolo si raccolgono in una depressione si forma un lago. A seconda della cavità originaria, può essere di diversa conformazione e più o meno esteso o profondo. La principale classificazione viene fatta in base al tipo di evento geologico responsabile della loro genesi: si distinguono allora in tettonici, carsici, vulcanici, glaciali, costieri. Su scala geologica hanno vita breve: la loro evoluzione è legata all’azione dei corsi d’acqua, che tendono a colmarli depositando i sedimenti trasportati. Sono solitamente alimentati da fiumi (immissari), sorgenti o ghiacciai, mentre l’acqua defluisce tramite emissari ed evaporazione. La principale fonte di calore cui sono sottoposti è la radiazione solare, ma solo lo strato superficiale è influenzato dalla temperatura esterna.
 
I laghi rappresentano un ambiente ricco di biodiversità e sono un’importante riserva di acqua potabile, di risorse idriche per irrigare i campi e per produrre energia elettrica. Lo scadimento della qualità delle acque lacustri è principalmente determinato da tre cause: eutrofizzazione, acidificazione e presenza di sostanze tossiche legate agli scarichi urbani.
 
I LAGHI ITALIANI IN NUMERI
69 i laghi naturali in Italia con una superficie maggiore di 0,5 Km2
500 circa quelli con superficie maggiore di 0,2 Km2
183 i laghi artificiali con una superficie pari a 1 km2 o un volume di 5 milioni di m3
4000 gli specchi d’acqua di dimensioni più piccole, nel solo arco alpino
5 i principali laghi italiani: Garda, Maggiore, Como (di origine glaciale) Trasimeno (tettonica) e Bolsena (vulcanica)
148 i punti di campionamento di acqua lacustre analizzati (nel 2008) dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra)
3 i punti risultati di qualità ottima (2,03%)                         
62 i punti risultati di qualità buona (41,89%)
43 i punti risultati di qualità sufficiente (24,32%)
36 i punti risultati di qualità scarsa (24,32%)
4 i punti risultati di qualità pessima (2,70%)
65 le aree critiche individuate da Legambiente su 14 laghi monitorati da Goletta dei laghi (2009), (di cui:30 punti inquinati, 35 gravemente inquinati)
 
SI CONCLUDE IL TOUR DELLA GOLETTA DEI LAGHI 2011 CHE PRESENTA IL BILANCIO FINALE DEL SUO VIAGGIO.
NEL LAGO DI COMO RISCONTRATE LE SITUAZIONI PIU’ CRITICHE
ESTRATTO DAL SITO DI LEGAMBIENTE.IT
 
9 laghi italiani, tra i più grandi e vissuti, 200 comuni coinvolti, più di 100 campionamenti per difendere un patrimonio troppo spesso minacciato dall'inquinamento e da tantissime forme di illegalità. Un tesoro nascosto che ha bisogno di essere riscoperto e tutelato dagli attacchi di speculazioni edilizie, scarichi abusivi, da tentativi di privatizzazione e captazioni eccessive.
 
Nel 2006 la Goletta dei Laghi ha iniziato il suo viaggio ponendosi come obiettivo quello di costruire insieme a cittadini e amministrazioni una grande campagna itinerante in difesa dell’ecosistema lacustre per informare, sensibilizzare, incentivare le buone pratiche di gestione ecocompatibile delle strutture ricettive, per promuovere politiche di salvaguardia delle coste e della biodiversità.
 
Grazie a un attento monitoraggio scientifico dei laghi nei suoi punti critici, Goletta ha acceso in questi anni i riflettori sulla mancata e insufficiente depurazione, analizzando centinaia di campioni d’acqua, denunciando forme di sfruttamento del territorio e premiando i casi virtuosi di buona gestione.
 
IL MONITORAGGIO SCIENTIFICO
I prelievi vengono eseguiti dalla squadra di tecnici che effettuano le analisi chimiche direttamente in sito con l’ausilio di strumentazione da campo. I campioni per le analisi microbiologi che sono prelevati in barattoli sterili e conservati in frigorifero, fino al momento dell'analisi, che avviene nei laboratori mobili lo stesso giorno di campionamento o comunque entro le 24 ore dal prelievo.
I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, escherichia coli) e chimico-fisici (temperatura dell’acqua, pH, ossigeno disciolto, conducibilità / salinità).
 
COMUNICATI STAMPA DI GOLETTA DEI LAGHI 2011 SULLA SITUAZIONE DEI LAGHI ITALIANI
 
LAGO D’ISEO FIUMI OGLIO E BORLEZZA
Trovati 5 punti inquinati sull’Iseo
Imputati principali ancora una volta i fiumi Oglio e Borlezza
 
Continuano ad arrivare dalle foci di fiumi e torrenti e dai depuratori mal funzionanti o assenti i pro-blemi per il Sebino. Dalle analisi condotte dai tecnici della Goletta dei laghi sono risultati 5 punti cri-tici sul lago d’Iseo, dei quali 4 nell’alto Sebino.
In particolare nel bergamasco sono risultati fortemente inquinati i campioni prelevati a Sarnico all’altezza dello scarico di Via Predore 26 e a Castro, alla foce del torrente Borlezza. Acque inquina-te anche a Costa Volpino, alla foce del fiume Oglio e a Tavernola alla foce del torrente Rino.
Sulla sponda bresciana invece è risultato fortemente inquinato il prelievo effettuato a Pisogne alla foce del canale industriale.
I risultati del monitoraggio della quinta tappa della Goletta dei Laghi, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati), sono stati presentati questa mattina in conferenza stampa a Castro, presso FestAmbiente Laghi, alla presenza di Gianna Le Donne, responsabile Goletta dei laghi, Barbara Meggetto, portavoce Goletta dei Laghi, Dario Balotta, presidente del circolo di Le-gambiente Basso Sebino, Massimo Rota, presidente del circolo di Legambiente Alto Sebino e Max Barro, direttore del porto turistico di Lovere.
“Passano gli anni ma la situazione sul Sebino non cambia, nonostante la nuova normativa sulla bal-neazione sia meno restrittiva rispetto alla precedente – commenta Barbara Meggetto, portavoce della Goletta dei laghi -. Per l’ennesima volta i nostri monitoraggi hanno rilevato un forte inquina-mento alle foci di fiumi e torrenti e in alcuni casi nei pressi di scarichi diretti a lago. Principali im-putati i fiumi Oglio e Borlezza che continuano a scaricare a valle i reflui non depurati. Una vergo-gna che continuerà a ripetersi finché non verranno realizzati adeguati sistemi di fognatura e depura-zione, soprattutto per i comuni a monte. Quanto ancora dovremo aspettare per nuotare finalmente in acque più limpide?”.
Meritata quindi la Bandiera Nera assegnata quest’anno dalla Goletta dei laghi alla Valcamonica: con il passare degli anni, nonostante le ripetute segnalazioni e la presa di coscienza di cittadini e amministratori, la situazione non è ancora cambiata.
 
LAGO MAGGIORE E CERESIO
In Piemonte 2 punti fortemente inquinati nella parte sud del lago
Due punti fortemente inquinati nella parte piemontese del Verbano scovati dalla Goletta dei Laghi di
Legambiente, la campagna nazionale d’informazione scientifica sullo stato di salute dei bacini
lacustri, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati). I dati del
monitoraggio sono stati presentati questa mattina in conferenza stampa a Varese alla presenza di Gianna Le Donne, responsabile della Goletta dei Laghi di Legambiente e Franco Borghetti, presidente del circolo di Legambiente “Il brutto anatroccolo”. I tecnici di Legambiente anche quest’anno hanno dato la caccia alle situazioni critiche che minacciano la salute dei laghi italiani, puntando il dito contro il sistema di depurazione che ancora oggi rivela una grande falla nel sistema di gestione delle acque reflue. Dalle analisi effettuate sul laboratorio mobile di Legambiente, sono risultati inquinati 2 prelievi tra i campionamenti effettuati sulla sponda piemontese del lago Maggiore: risulta fortemente inquinata le foce del torrente Vevera ad Arona e lo scarico del depuratore di Dormelletto. “I dati emersi dalle analisi dei tecnici di Legambiente rivelano una situazione critica per la parte sud del lago – commenta Gianna Le Donne, responsabile della Goletta dei laghi –. Ancora una volta lo scarico di Dormelletto rivela brutte sorprese, per cui chiediamo agli enti competenti di verificare al più presto l’efficacia del depuratore e risolvere il problema. Vorremmo il prossimo anno, dopo il passaggio della Goletta dei laghi, non essere costretti, a causa della mancanza di interventi davvero risolutivi, alla consegna della Bandiera Nera, il poco ambito riconoscimento che Legambiente assegna a quelle amministrazioni che continuano a non risolvere fino in fondo i problemi ambientali”. “Anche i cittadini della parte sud del lago hanno diritto a nuotare in acque pulite – dichiarano i circoli di
Legambiente del Verbano -, considerando che la stagione estiva è iniziata da poco e che la pressione
antropica farà crescere ancora gli inquinanti a lago, chiediamo che vengano presi provvedimenti al più presto”.
 
LAGO DI COMO
Dodici i punti inquinati sul lago di Como, 7 fortemente inquinati sulla sponda lecchese,
1 punto inquinato e 4 fortemente inquinati sulla sponda comasca
Principali responsabili le foci dei fiumi e gli scarichi dei depuratori
Urgenti gli investimenti nei comuni a monte”
 
Ancora una volta le brutte notizie per il Lario arrivano dalle foci dei fiumi e dai depuratori mal funzionanti o
inesistenti. Nonostante i parametri più permissivi dovuti all’entrata in vigore della nuova normativa sulla
balneazione, il D.Lgs 116/2008, i punti inquinati restano ancora molti.
È questo il risultato del monitoraggio della tappa sul Lario della Goletta dei Laghi di Legambiente, la
campagna nazionale d’informazione scientifica sullo stato di salute dei bacini lacustri, realizzata con il
contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati). I tecnici di Legambiente anche quest’anno hanno
dato la caccia le situazioni critiche che minacciano la salute dei laghi italiani, puntando il dito contro il
sistema di depurazione che ancora oggi rivela una grande falla nel sistema di gestione delle acque reflue.
Dalle analisi effettuate sul laboratorio mobile di Legambiente, sono risultati inquinati ben 12 punti sul lago
di Como tra la sponda lecchese e quella comasca. Sulla sponda lecchese sono risultati fortemente inquinati 7
campioni: la foce del torrente Pioverna a Bellano, la foce del fiume Adda e il torrente Inganna a Colico, il
campione prelevato nei pressi della spiaggia del depuratore di Dorio, la foce del torrente MerIa a Mandello
del Lario, il campione prelevato nei pressi del parco comunale zona Malpensata di Garlate e la foce del
torrente Esino a Perledo.
Sul versante comasco sono 4 i punti fortemente inquinati: la foce dei torrente Senagra a Menaggio, Telo
ad Argegno, la foce del torrente nei pressi della spiaggia libera della località Bagnana del comune di
Lezzeno e la foce del torrente Sorico nel comune omonimo. Risulta inquinato il campione prelevato a Como
nei pressi del Tempio Voltiano.
“Si riconferma il dato del preoccupante deficit di depurazione dei comuni dell’entroterra che rischia di
compromettere gli sforzi, seppur ancora insoddisfacenti, che i comuni costieri stanno faticosamente mettendo
in campo. - commenta Barbara Meggetto, portavoce della Goletta dei Laghi di Legambiente -. Per questo
occorre sempre di più ragionare a livello di bacino se si vogliono risolvere davvero i problemi del lago di
Como! Non è solo urgente continuare ad investire nell’adeguamento degli impianti di depurazione esistenti e
nel completamento della rete fognaria circumlacuale ma anche dotare di infrastrutture fognarie i comuni o le
frazioni dei comuni costieri che si estendono nell’entroterra. In questa situazione, il passaggio degli Aato alle
Province rischia di allungare immotivatamente i tempi del risanamento del lago di Como”.
Ad appesantire il carico inquinante delle acque del lago contribuisce il fiume Adda che raccoglie i i reflui
della Valtellina. Una situazione simile e comune ad altri importanti fiumi lombardi che rischia di far pagare
alla Lombardia una multa di centinaia di milioni di euro per l’avvio della procedura di infrazione proprio per
la mancata depurazione dei corsi d’acqua e che potrebbero essere spesi in investimenti.
Imbarazzante infine, la situazione di alcuni depuratori. Non è solo il caso dei grandi depuratori che servono le
città capoluogo, come nel caso dell’impianto lecchese il cui adeguamento continua a spostarsi nel tempo a
causa di ritardi anche di natura burocratica, ma anche dei piccoli impianti che, come nel caso di Dorio
continuano da quasi ormai un decennio a riversare nel lago acque non completamente depurate.
Le minacce per il Lario però non si fermano alla depurazione.
“Oltre ai problemi legati alla qualità delle acque, al consumo di suolo e al paesaggio, merita una
puntualizzazione la questione della gestione del demanio della navigazione – aggiunge Pierfranco Mastalli,
presidente del circolo di Valmadrera-Lecco -. Diventa essenziale ed urgente che le due province, con il
Consorzio del Lario e i laghi minori, predispongano un piano sostenibile di settore del demanio della
navigazione, introducendo una moratoria sugli interventi nelle aree demaniali. Anche i problemi della
navigazione pubblica sul Lario, possono essere affrontati dando responsabilità ad un’autorità provinciale
partecipata dai comuni dove ridiscutere anche gli investimenti degli introiti da concessioni demaniali”
 
LAGO DI GARDA
7 punti fuorilegge sulla sponda lombarda del Garda. Le foci dei torrenti ancora una volta tra i punti più critici. Investimenti e infrastrutture urgenti per eliminare tutti gli scarichi a lago.
 
Sette i punti critici individuati sulla sponda lombarda del lago di Garda nell’ultima tappa della Goletta dei laghi, la campagna di Legambiente per il monitoraggio e l’informazione dei bacini lacustri realizzata in collaborazione con il COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati). Nonostante l’entrata in vigore della nuova legge sulla balneazione che ha introdotto criteri molto più permissivi rispetto al precedente DPR del 1982, le analisi hanno rilevato una concentrazione di batteri fecali (Enterococchi Intestinali e Escherichia Coli) al di sopra dei limiti di legge quasi tutti concentrati alle foci dei torrenti.
 
Sono risultati fortemente inquinati i campioni prelevati alle foci San Giovanni a Limone del Garda, del torrente Toscolano a Toscolano Maderno, Barbarano a Salò, il torrente nei pressi del porto di Padenghe, e sulla spiaggia di Via Agello in località Rivoltella e lo scarico sul lungolago Via Cesare Battisti Desenzano del Garda. Infine è risultato inquinato il rio della Garbella a Sirmione.
Meno preoccupante appare la situazione sulla sponda veneta; sono risultati infatti inquinati 4 punti alle foci dei torrenti.
 
I dati del monitoraggio sono stati resi noti oggi in conferenza stampa a Sirmione da Barbara Meggetto, portavoce della Goletta dei Laghi, Paolo Bonsignori del circolo di Legambiente “per il Garda” di Sirmione, alla conferenza hanno partecipato il sindaco Alessandro Mattinzoli; l’assessore all’ambiente del Comune Maurizio Ferrari e Vincenzo Grieco Pullè, coordinatore della rete di raccolta del COOU.
 
“Ancora una volta sono le foci dei torrenti ad apportare il maggior carico inquinante nel Benaco – dichiara Barbara Meggetto, portavoce della Goletta dei Laghi di Legambiente –. Una situazione non nuova per Goletta dei Laghi che da anni monitora questi corsi d’acqua senza alcun evidente miglioramento. Appare quanto mai urgente, a questo punto, intercettare gli scarichi ancora non collettati e avviare un serio piano di investimenti che elimini anche queste criticità. Pressione urbanistica e turistica: una combinazione fatale anche per un lago come il Garda dalle dimensioni importanti. Per questo, se non si trovano urgentemente soluzioni per mettere a regime tutti gli scarichi e soprattutto per adeguare il depuratore a trattare le acque reflue durante i periodi di alta stagione turistica, si rischia di vanificare tutto il lavoro svolto in questi anni. Infine, rimangono irrisolte alcune questioni fondamentali: il collettore sub-lacuale di difficile gestione soprattutto per quanto riguarda la manutenzione, l’inadeguatezza ormai evidente del depuratore di Peschiera e l’annoso problema degli sfioratori di piena. A quando una nuova soluzione?”
 
Il passaggio della Goletta dei Laghi sul Garda è stato anche l'occasione per mettere in luce altre criticità del territorio. Gli attivisti di Legambiente, in questi giorni, hanno voluto accendere i riflettori anche sui problemi legati alla biodiversità e alla diminuzione dell’ittiofauna di cui soffre il Benaco, nonché sul crescente problema del consumo di territorio.
 
“Sulla sponda lombarda del Benaco si è costruito più che su tutti i laghi lombardi messi insieme. Ben 5.419 ettari dal 1999 al 2007, pari al 13,9% del territorio gardesano – dichiara Paolo Bonsignori, presidente del circolo del Garda –. Regine del cemento risultano essere Desenzano del Garda e Lonato che continuano nella loro azione di “corsa al mattone” senza preoccuparsi del pesante impatto che ciò avrà in futuro anche sulla qualità delle acque del basso Garda. Per questo abbiamo dato la Bandiera Nera al comune di Lonato, dove, ad uno stillicidio di progetti che disseminano cubature ovunque, non ci è parso di intravede lo stesso impegno a tutela delle aree naturali e dei boschi ad esempio della splendida area della Valsorda minacciata anch’essa dalle costruzioni.”
 
LAGO TRASIMENO E LAGO DI PIEDILUCO
Un lago malato cronico a causa dell'eutrofizzazione. Legambiente: la salvezza di Piediluco sta nel tenere insieme ambiente, paesaggio ed economia.
 
Domani appuntamento a Magione per la promozione della qualità ambientale.
 
Piediluco malato cronico a causa dell'eutrofizzazione delle sue acque. La causa principale è il carico di nutrienti provenienti dai numerosi impianti di troticolture presenti nell'Alta Valnerina e che arrivano al lago attraverso il canale del Medio Nera. L'altra fonte di inquinamento gli scarichi civili e le attività agricole della valle del Velino. Vale la pena ricordare che le acque di Piediluco sono ritornate balneabili dopo molti anni nell'estate del 2008 e soltanto grazie al decreto legislativo 94/2007 che non valuta il parametro ossigeno disciolto ai fini dell’attribuzione dell’idoneità alla balneazione e il decreto legislativo del 31 marzo 2010 che ha alzato i limiti di legge degli inquinanti. Anche la pesca solo recentemente è stata riaperta ad alcune specie.
 
E' quanto ribadito nel corso della conferenza stampa della sesta tappa della Goletta dei Laghi, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati), alla presenza di Alessandra Paciotto, presidente di Legambiente Umbria; Miro Virili, vicepresidente del Circolo Legambiente di Terni e Gianna Le Donne, responsabile della Goletta dei Laghi.
 
“Passano gli anni ma la situazione di Piediluco non cambia – dichiara Alessandra Paciotto, presidente di Legambiente Umbria – Il grado raggiunto dal lago è quello di ipereutrofia che costituisce la condizione peggiore. Occorre passare dalle tante parole ai fatti e intervenire con urgenza e determinazione sui carichi inquinanti rendendoli gradualmente compatibili con le capacità di autodepurazione del lago. In mancanza di interventi di abbattimento e contenimento dei carichi inquinanti la situazione rimane molto grave, con il rischio di compromettere irreversibilmente la vita acquatica. E questo è un problema non solo per la perdita di biodiversità, ma anche per tutta l'economia locale, a cominciare dalla pesca professionale che andrebbe invece rilanciata incentivando l’ingresso di giovani pescatori e per il turismo che deve essere ripensato per portare benefici diffusi a tutti gli operatori grandi e piccoli.”
 
L'area di Pediluco è una area di grande pregio naturalistico e paesaggistico, tanto che vi insistono ben tre siti di protezione ambientale: il sito di interesse comunitario Lago di Piediluco Monte Caperno (SIC IT 5220018), la zona di protezione speciale Lago di Piediluco Monte Maro (ZPS IT 5220026) e la zona di elevata diversità floristica-vegetazionale. Nonostante questo quando la Regione nel 1995 ha istituito il Parco Fluviale del Nera il lago di Piediluco è rimasto fuori dalla perimetrazione.
 
Altra caratteristica di rilevante importanza è la centralità del Lago di Piediluco rispetto ad una delle aree più ricche di acque superficiali e sotterranee del nostro Paese e probabilmente al mondo. Infatti nel giro di pochi km si trovano, il fiume Nera e il torrente Serra, il Velino che precipita nella cascata delle Marmore, le sorgenti del Peschiera della straordinaria abbondanza d'acqua convogliate fino a Roma, e quelle del Santa Susanna, il lago di Recentino e quello di San Liberato a Narni, le sorgenti di Stifone e le Gole del Nera sempre a Narni, il lago di Ripasottile, il lago Lungo ed il lago di Ventina, il lago di Fogliano della valle di Rieti.
 
“L'unica possibilità di salvezza per il lago di Piediluco – commenta Miro Virili, vice presidente del circolo Legambiente di Terni – è tenere insieme la salvaguardia degli elementi naturali e del paesaggio e il risanamento delle acque con gli aspetti economici, tradizionali, come la pesca e l'agricoltura e gli altri che come il turismo presentano grandi potenzialità. Ma questo è possibile solo coinvolgendo le comunità locali, i pescatori, gli operatori turistici, le società sportive, le associazioni ambientaliste e con l'impegno delle Amministrazioni locali e di EON. Una rinascita che deve riconsiderare l'inserimento di Piediluco all’interno del parco Fluviale del Nera e la costituzione di un grande Parco interregionale delle acque che da Ferentillo arrivi fino alla confluenza del Nera con il Tevere e comprenda il Velino e la riserva naturale dei laghi reatini”.
 
IL LAGO TRASIMENO SUPERA L’ESAME
La Goletta dei Laghi continua il suo viaggio in Umbria. Prossimo appuntamento a Magione. L'iniziativa sarà l'occasione per confrontarsi sulle enormi potenzialità che nascono da una corretta gestione ambientale, come la raccolta differenziata, la corretta depurazione, la gestione delle risorse idriche, la salvaguardia del paesaggio e degli ecosistemi naturali, la limitazione del consumo di suolo, che sono anche alcuni degli indicatori della Guida Blu che consentono di individuare le località per la migliore vacanza all'insegna della qualità.
 
 
 
 
 
LAGHI DI ALBANO, BOLSENA, BRACCIANO
E' buona la condizione di salute dei laghi del Lazio ma sono diverse le criticità che vanno affrontate subito per proteggere i delicati ecosistemi lacustri. Questa la fotografia scattata dalla sesta edizione della Goletta dei Laghi-Cigno Azzurro, la campagna nazionale di Legambiente per il monitoraggio scientifico delle bacini lacustri, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e per le tappe laziali dell'Assessorato alla Tutela Ambientale della Provincia di Roma, i cui risultati sono stati presentati questa mattina a Roma, durante una conferenza stampa presso la sede della Provincia di Roma, alla quale hanno
partecipato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente; Giorgio Zampetti, coordinatore scientifico e portavoce della Goletta dei Laghi; Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio; Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio; Marco Paolilli, coordinatore rete raccolta COOU e Michele Civita, assessore alla Tutela Ambientale della Provincia Roma.
 
Inquinati tre punti sul Lago di Bolsena, ma attenzione va posta anche sul Lago di Fondi e sul Lago Albano pur se i risultati, in questi casi, sono al di sotto delle soglie di legge. Ecco i quanto emerso dal monitoraggio effettuato dai biologi di Goletta dei laghi sui principali laghi laziali controllando la qualità delle acque e delle coste. In particolare sono risultati inquinati i prelievi sul lungolago in corrispondenza della foce del Fosso
Cimitero a Bolsena, e in località La Grata alla foce del Fosso Cannelle a Gradoli, mentre è fortemente inquinato invece, il punto alla foce del torrente in prossimità del parco giochi sul lungolago di Montefiascone. Ma i campionamenti sono stati eseguiti anche sui laghi di Bracciano, Albano, Nemi, Salto, Turano, Posta Fibreno e Fondi, con risultati sempre al di sotto delle soglie stabilite dalla legge. Anche se in alcuni casi la carica batterica riscontrata nei campioni prelevati è comunque indicativa di scarichi non depurati o corsi d’acqua inquinati che si riversano nello specchio lacustre. Ne è un esempio il prelievo eseguito presso il lago di Fondi in corrispondenza del Fosso San Vito a Monte San Biagio (Lt), in cui la concentrazione di Escherichia coli registrata è stata di 900 ufc/100ml., su un massimo di 1.000 consentito dalla legge, o la spiaggia presso via spiaggia del lago sul lago di Albano a Castel Gandolfo con valori di Enterococchi intestinali di 375 UFC/100ml su un massimo di 500 UFC/100ml stabiliti dalla soglia normativa. Valori che rientrano nei parametri previsti per la balneazione, ma su cui richiamiamo l’attenzione.
 
“Serve grande attenzione per i laghi del Lazio, dove lo stato ecologico è ancora buono ma non possono perdurare nel tempo le criticità dovute a fossi e scarichi, sono necessari interventi definitivi per completare le condotte fognarie circumlacuali e la depurazione -dichiara Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio-. L'inquinamento non può assolutamente riversarsi negli ecosistemi lacustri, che sono troppo delicati e incapaci di autodepurarsi, pena il rischio di accumulo dei nutrienti e la conseguente autrofizzazione e morte della vita nell'ecosistema. Con la Goletta dei Laghi torniamo ad affrontare i diversi punti di criticità, dall’abbassamento dei livelli delle acque, all’abusivismo che deturpa i territori, alla depurazione, con l'intento di chiedere risposte. Servono segnali forti da parte delle istituzioni, delle Province che presiedono le Autorità d'ambito del Servizio Idrico Integrato e decidono con tutti i Sindaci le priorità degli investimenti. Scelte che devono puntare sulla qualità di una risorsa bene comune, ancor di più dopo i referendum che hanno avuto un esito chiarissimo.”
 
Le criticità sul fronte inquinamento vanno messe in relazione allo stato complessivo di salute dei laghi del Lazio, ecc e dei fiumi che vi fanno confluire le acque. Secondo i dati ISPRA 2009, preoccupa ad esempio lo scarso Stato Ecologico (SECA) del fiume Fibreno, nel Comune di Sora (Fr) presso il Lago di Posta Fibreno (livello 4, in una scala da 1 a 5); risultati non buonissimi anche per il fiume Salto di Torano, nel Comune di Borgorose nei pressi del Lago Salto, e per il Marta, nel Comune di Marta presso il Lago di Bolsena, che hanno raggiunto un livello 3.
 
Oltre al tema della salubrità delle acque, quest'anno Legambiente Lazio ha acceso i riflettori anche su diversi altri temi, tra i quali l'accessibilità e la fruibilità dei laghi, da parte di cittadini. Recinzioni e cancelli, qualche stabilimento balneare fuori norma, ma anche ville, club e abusivismo si riscontrano in nove su tredici laghi monitorati (70%) dalla Goletta dei Laghi. Sul Lago di Bracciano (Rm) ci sono diversi tratti inaccessibili, a Martignano (Rm) c'è da pagare, sul Lago Albano (Rm) spuntano cancelli, a Nemi (Rm) le recinzioni sono molteplici, a Posta Fibreno (Fr) c'è una sola passeggiata abbandonata, sul Lago di Fondi (Lt) gli argini sono spesso occupati da capanni di ex cacciatori, sul Lago Lungo (Lt) i parcheggi ostruiscono la fruizione, mentre a Bolsena e Vico (Vt) ci sono alcuni limitati problemi di accessibilità. Solo tre laghi garantiscono piena fruibilità ai cittadini: il lago del Salto e il lago del Turano in provincia di Rieti e il piccolo lago di Canterno (Fr). Una situazione preoccupante che si aggiunge a quella degli accessi al mare, dove nel caso del “Lungomuro di Ostia”, così ribattezzato da Legambiente Lazio, nel 2010 i volontari avevano trovato impedimenti all'accesso nel 60% dei casi monitorati.
 
“Basta con gli accessi negati ai laghi e al mare, con la Goletta dei Laghi torniamo a porre all'attenzione delle istituzioni il tema della libera fruizione delle acque, vanno eliminati subito recinti, muri, che limitano il libero accesso -afferma Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Piuttosto che concessioni ventennali e inverosimili diritti di superficie, servono più controlli, fermando la privatizzazione strisciante dei litorali. I laghi sono importanti quanto poco considerati, vanno conservate e tutelate le molteplici meraviglie naturali e storiche, servono politiche forti sul ciclo delle acque, rifiuti e controllo della pressione turistica. Con le vele della Guida Blu abbiamo voluto lanciare un segnale proprio per far crescere l'attenzione su questi temi, in particolare con le nuove entrate nella classifica sul Lago del Turano e a Bolsena. Per preservare i laghi del Lazio si deve giocare una importante scommessa verso uno sviluppo agricolo e turistico a basso impatto, questi luoghi bellissimi lo meritano davvero.”
Paganico Sabino e Castel di Tora sul Lago del Turano (Ri) sono new entry della Guida Blu di Legambiente e Touring Club, assieme a Capodimonte (Vt) sul Lago di Bolsena, tutte con “due vele”. Nel Lazio sul fronte delle acque dolci quest'anno scende a “3 vele” Anguillara Sabazia (Rm) sul lago di Martignano, e si allinea a Trevignano Romano (Rm), Anguillara Sabazia (Rm) e Bracciano (Rm) per il lago di Bracciano, ma anche a Nemi (Rm) sul lago di Nemi e Montefiascone (Vt) sul Lago di Bolsena. “2 vele” vengono assegnate a Bolsena (Vt) sul lago di Bolsena, Ronciglione (Vt) e Caprarola (Vt) sul lago di Vico, oltre che a Castel Gandolfo (Rm) sul lago di Albano.
 
E per tutelare e valorizzare i laghi costieri del sud pontino, Legambiente con la Goletta dei Laghi ha presentato la proposta dell'istituzione di un monumento naturale per il Lago Lungo e quello di S.Puoto, ma ha anche organizzato una giornata alla scoperta del lago di Bracciano, con una visita guidata al Castello Odescalchi e una visita guidata in battello.
 
BILANCIO FINALE DEL VIAGGIO DELLA GOLETTA DEI LAGHI 2011
41 i punti critici in 6 laghi, l’80% fortemente inquinati. Primo posto per inquinamento al lago di Como con 12 prelievi risultati fuorilegge.
 
Sono 41 i punti critici rilevati dal passaggio della Goletta dei Laghi di Legambiente. Tra questi, 32 sono risultati fortemente inquinati, cioè con una concentrazione di batteri fecali pari almeno al doppio del limite concesso dalla legge. Ancora una volta il maggior numero di campioni risultati fuori legge sono stati prelevati alla foce di fiumi e torrenti, a conferma che i problemi per i laghi sono causati anche dagli scarichi dei comuni dell’entroterra. Durante il suo viaggio, l’associazione ambientalista ha toccato 6 regioni e 10 laghi alla ricerca delle minacce per la salute dei maggiori specchi d’acqua.
 
Sul podio, ancora una volta, i grandi laghi del nord Italia. Conquista anche quest’anno la maglia nera per l’inquinamento il lago di Como, con l’irrisolto deficit di depurazione, che si conferma il bacino lacustre con più criticità rilevate dai tecnici di Legambiente con 12 punti inquinati, in media 1 ogni 14 km di costa. Preoccupante anche la situazione dell’alto lago d’Iseo, con 5 punti critici, mediamente 1 ogni 12 km, su cui continua a pesare la quasi totale assenza di depurazione della Valcamonica. Segue il lago di Garda con 11 punti critici, in media 1 punto critico ogni 15 km e chiude la classifica il lago Maggiore con falle nel sistema di depurazione individuate in 7 punti, 1 ogni 24 km di lungolago. Mentre sono tre i punti critici riscontrati sul tratto italiano del lago di Lugano e sul lago di Bolsena nel Lazio.
 
Il bilancio conclusivo della sesta edizione della Goletta dei Laghi di Legambiente, la campagna nazionale di monitoraggio scientifico dello stato di salute dei maggiori laghi italiani, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e per la tappa laziale con il contributo della Provincia di Roma, assessorato alla tutela ambientale, è stato presentato questa mattina in conferenza stampa a Roma alla presenza del presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza; il portavoce della campagna Giorgio Zampetti; il presidente di Legambiente Lazio Lorenzo Parlati; la direttrice di Legambiente Lazio Cristiana Avenali; l’assessore alla tutela ambientale della Provincia di Roma Michele Civita e il coordinatore della rete di raccolta COOU Marco Paolilli.
 
“Con il passaggio della Goletta dei Laghi vogliamo mettere in luce lo stato di salute dei maggiori bacini lacustri italiani – commento Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente – I Laghi rappresentano ecosistemi fragili e molto sensibili alla qualità del territorio che li circonda. In queste settimane, perciò, abbiamo puntato il dito non solo contro la cattiva depurazione ma abbiamo acceso i riflettori anche sull’eccessivo consumo di suolo, sulla difficoltà di accesso alle spiagge, sul rischio idrogeologico, sulle captazioni eccessive e sulla pesca che sono elementi imprescindibili per l’equilibrio dei bacini lacustri e che spesso rappresentano la vera minaccia per questi ecosistemi. La campagna nazionale di Legambiente è anche l’occasione per promuovere le buone pratiche nella gestione del territorio e le località virtuose che si distinguono per l’investimento nel turismo attento al rispetto dell’ambiente, esperienze raccolte ogni anno nella Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano”.
 
In Umbria, ad esempio, il passaggio della Goletta dei Laghi sui laghi Trasimeno e Piediluco è stato l’occasione per affrontare i problemi legati alla salvaguardia dell’ecosistema, come l’eutrofizzazione, e per promuovere le buone pratiche della gestione del territorio anche attraverso la collaborazione tra amministrazioni.
 
Ma è l’attento controllo delle qualità delle acque, eseguito dai biologi di Legambiente, che ha messo in evidenza punti critici, scarichi inquinanti e depuratori mal funzionanti che ancora minacciano questi splendidi ecosistemi.
Questa situazione è stata riscontrata nonostante, lo scorso anno, sia cambiata la normativa per la tutela delle acque, diventando più permissiva rispetto alla precedente in vigore dal 1982.
 
“Anche quest’anno Legambiente ha deciso di concentrare la sua attenzione sulle criticità che mettono in pericolo le acque dei laghi -ha commentato Giorgio Zampetti, portavoce della campagna di Legambiente e coordinatore scientifico dell'associazione -, segnalando ai cittadini e alle istituzioni le situazioni più a rischio. L’occhio critico della Goletta, nei suoi monitoraggi, ha avuto maggiore attenzione dopo il recepimento dello scorso anno della direttiva europea che ha permesso all’Italia di modificare in modo più permissivo i criteri e i parametri sulla balneazione che erano in vigore dal 1982. Ma non basta cambiare la normativa, il problema dell’inquinamento resta. Dobbiamo sanare in tempi brevi il deficit di depurazione per le acque superficiali del nostro Paese, anche per evitare le sanzioni pesanti minacciate dall’Europa con l’avvio della procedura d’infrazione per non aver rispettato la direttiva sulla tutela delle acque a causa del deficit cronico sulla depurazione”.
 
Anche quest’anno il Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati è stato Main Partner della storica campagna estiva di Legambiente. “La difesa dell’ambiente, e in particolare del mare e dei laghi, rappresenta uno dei capisaldi della nostra azione”, ha spiegato in conferenza Marco Paolilli, coordinatore della rete di raccolta del COOU. L’olio usato è ciò che si recupera alla fine del ciclo di vita dei lubrificanti nei macchinari industriali, ma anche nelle automobili, nelle barche e nei mezzi agricoli di ciascun cittadino. “Se eliminato in modo scorretto – ha continuato Paolilli - questo rifiuto pericoloso può danneggiare l’ambiente in modo gravissimo: 4 chili di olio usato, il cambio di un’auto, se versati in acqua inquinano una superficie grande come un campo di calcio. Con la nostra attività di comunicazione cerchiamo di modificare i comportamenti scorretti di chi crede che piccole quantità di olio lubrificante disperse nell’ambiente provochino poco inquinamento”. Delle 436.000 tonnellate di olio lubrificante che sono state immesse al consumo in Italia nel 2010, il Consorzio ha raccolto 192.000 tonnellate di oli usati, oltre il 95% del potenziale raccoglibile. Nel Lazio il COOU ha recuperato 11.265 tonnellate di olio lubrificante usato: 7.256 nella provincia di Roma, 1.539 a Frosinone, 1.511 a Latina, 724 a Viterbo e 235 a Rieti.
 
 
IL BILANCIO FINALE DELLA GOLETTA DEI LAGHI DI LEGAMBIENTE 2011
Regione, Lago, Tot Punti Critici, Fortemente Inquinati, Inquinati
Lombardia Como 12 11 1
Lombardia - Veneto Garda 11 9 2
Lombardia - Piemonte Maggiore 7 6 1
Lombardia Iseo 5 3 2
Lombardia Lugano 3 2 1
Lazio Bolsena 3 1 2
Totale 41 32 9
Il giudizio di Legambiente viene dato in base ai risultati ottenuti dalle analisi microbiologiche (sono presi come riferimento i valori limite per la balneazione indicati dal Decreto Legislativo del 31 marzo 2010 nell’allegato A) e secondo i seguenti criteri
- INQUINATO Enterococchi intestinali maggiori di 500 ufc/100ml e/o Escherichia Coli maggiore di 1.000 ufc/100ml
- FORTEMENTE INQUINATO Enterococchi intestinali maggiori di 1.000 ufc/100ml e/o Escherichia Coli maggiore di 2.000 ufc/100ml
 
È arrivato anche per voi il momento di diventare protagonisti attivi di questa avventura: segnalateci qualunque situazione che possa mettere a rischio il delicato e prezioso ecosistema lacustre.
 
SOS GOLETTA
Aiutaci a difendere il mare e i laghi dall'inquinamento. Denucia a SOS Goletta le situazioni sospette che possono mettere a rischio la salute delle nostre coste.
 
Se ti capita di individuare tubature che scaricano liquidi o sostanze sospette in mare o nei laghi, se ti imbatti in tratti di mare o di lago dal colore e dall’odore sgradevoli segnalalo tempestivamente a SOS Goletta!
 
Inviaci una breve descrizione della situazione, l’indirizzo e le indicazioni utili per identificare il punto, le foto dello scarico o dell’area inquinata e un recapito telefonico scrivendo a scientifico@legambiente.it , inviando un SMS o MMS al numero 346.007.4114, oppure chiamando lo 06.862681.
 
Le vostre segnalazioni aiuteranno i biologi di Goletta Verde e della Goletta dei Laghi a individuare nuovi punti da controllare, campionare, denunciare alle autorità competenti. Ci aiuterà inoltre a tenere informati i cittadini sul reale stato di salute del nostro mare e dei nostri laghi.
 
Per portare avanti il nostro impegno in difesa del mare e dei laghi dall’inquinamento abbiamo bisogno del contributo di tutti. Anche del tuo!
 
LINK ESTERNO AL SITO DI LEGAMBIENTE.IT
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 20/10/2011 @ 19:39:44, in CURIOSITA', linkato 2136 volte)
PARATA DI STELLE TUBERTINI
Articolo di Angelo Borgatti (Giornalista di: Pesca In, Noi Pescatori, Tubertini High Quality e agonista del G.P.O. Imolese Tubertini)
 
Terminata la grande kermesse dei Giochi Mondiali della Pesca, è tempo di bilanci. E per le donne e gli uomini sponsorizzati Tubertini il bilancio è certamente positivo, anzi strapositivo.
Tanti atleti della Lenza Emiliana Tubertini e di altri sodalizi abbinati al Marchio Tubertini sono saliti sui vari podi dei Campionati Mondiali delle varie categorie, tanto con i Titoli per nazioni che per le medaglie individuali.
Vediamoli nel dettaglio
Per giusto dovere di cavalleria, iniziamo dalle nostre “Canne Rosa”, tra le quali vi erano due atlete Tubertini: Simona Pollastri, della Lenza Emiliana Tubertini, e Veronica Visciglia dei Pescatori Padovani Tubertini.
Per “magic” Simona uno scorcio d’anno felicissimo, con il suo collo ed il suo palmares ornati di due importantissime medaglie: il Tricolore donne (il decimo!!!) ed il Titolo mondiale a squadre (anche questo non certo il primo…).
Entrambe le medaglie sono scaturite da prove disputate a Firenze, sul campo di gara del Terrapieno. A ricordo della grande prova d’orgoglio delle nostre ragazze azzurre e del guizzo finale di Simona, autrice della cattura di una splendida, determinante Carpa, la foto della “magic lady” della Pesca al Colpo italiana con la splendida regina catturata all’inglese con una delle sue fide Quartz 202.
Veronica Visciglia ha disputato un Mondiale difficile, come tutte le nostre ragazze, al cardiopalma fino alla fine, ed ha sempre dato il suo fondamentale contributo, tanto nella difficile pesca alle alborelle del venerdì che con la pesca a roubaisienne, il sabato. Anche per lei il vanto di uno splendido oro a squadre.
Sempre per la Pesca al Colpo, l’apoteosi azzurra di Ostellato ha visto tra i protagonisti altre due stelle della Lenza Emiliana, Ferruccio Gabba ed Umberto Ballabeni, oltre a Moreno Ravaglia del GPO Tubertini di Bologna, Campione Italiano in carica e componente della Squadra Azzurra campione del mondo.
Per “Ferro” anche la soddisfazione della medaglia di bronzo individuale, frutto di due sonanti primi di settore ottenuti con grande sicurezza e determinazione, qualità a cui ci ha abituato Gabbino da sempre. Umberto Ballabeni, sfortunato, si è visto sfuggire negli ultimi cinque minuti della seconda prova, il piacere di bissare il primo di settore conquistato il giorno precedente. Autore dello sgambetto al “grande” di Cinisello Balsamo, già campione del Mondo individuale a Parigi nel 2001, un grande veterano delle rassegne mondiali, il belga Guido Nullens, autore della cattura di una autentica “big carp” proprio sul finire della gara.
Ancora, tra gli Azzurri che hanno vinto una medaglia d’oro, ricordo Piero Palai, dell’APO Tubertini di Firenze, autentica riserva di lusso di quella Nazionale Master che, ancora in Arno a Firenze ma sul campo della Fonderia, ha letteralmente dominato in entrambe le giornate con la più italica delle tecniche, la pesca dell’alborella. Come esordio in Nazionale Master poter appendere la medaglia più bella nella propria bacheca personale direi proprio che non è male, Piero!
Chi invece di Titoli mondiali individuali ne ha la bacheca ben fornita è il formidabile Marco Volpi, il volto della Canna da Natante italiana nel mondo da qualche lustro. Per il livornese della Lenza Emiliana Tubertini Mare, oltre che l’oro a squadre, il quinto alloro mondiale individuale, strameritato e conquistato con tre assoluti consecutivi nelle tre frazioni del Mondiale. Ormai Marco ci ha abituato talmente bene che fa notizia… quando perde!
Per il compagno di Club e di Nazionale Paolo Volpini, Campione Italiano 2011 e pluri medagliato come il concittadino Volpi, la gioia dell’oro a squadre ed il rimpianto del quarto posto individuale, ad un soffio dal podio.
Tra gli esordienti nelle competizioni mondiali anche il neo Campione Italiano di Pesca ai predatori da riva, il moderno Spinning, Arno Hermann. Il giovanissimo campione dell’Angler’s Club Tubertini di Bolzano, cresciuto alla scuola del grande Andrea Ferro, suo compagno di Club e di Nazionale, e del Presidentissimo Luciano Innocenti, ex Azzurro, è un autentico, esplosivo talento naturale. Oltre a svariati Titoli italiani nella categoria Under 22, il ventiquattrenne altoatesino può annoverare nel suo palmares anche le vittorie 2011 del Club Azzurro di specialità, il Titolo italiano individuale seniores, il Titolo mondiale a squadre per nazioni e l’oro individuale in questo Mondiale disputato nella acque del fiume Nera, in Umbria. Il tutto alla sua prima esperienza iridata! Per l’altro grande Azzurro taggato Tubertini, Andrea Ferro, l’amaro in bocca del podio individuale mancato per poco, mitigato dalla soddisfazione dell’oro a squadre ottenuto con un distacco abissale.
 
Articolo di Angelo Borgatti (Giornalista di: Pesca In, Noi Pescatori, Tubertini High Quality e agonista del G.P.O. Imolese Tubertini)
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 14/10/2011 @ 17:49:12, in ITINERARI, linkato 3895 volte)
SPECIALE SPINNING, PESCA IN CANADA
BEATIFUL BRITISH COLUMBIA LA SFIDA AI SALMONIDI 2011
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
in coda all'articolo troverete il collegamento all'album fotografico con 293 foto
Dopo alcuni anni dedicati ai lucci ritorno per salmoni, l'occasione è puntare Vancouver poi Terrace, 1200 km a Nord, per prendere alcuni pesci pregiati nel bacino dello skeena river.
Non puntiamo al numero, ma alla rarità dei pezzi o meglio ad ampliare il tipo di salmonidi catturabili.
A settembre di certo troveremo pochi o nessun King ma i pink in fase terminale, i coho, alcuni sockeye, trote iridee (le rainbow), le gola tagliata, i salmerini (dolly warden) e se avessimo fortuna potremmo trovare il pezzo da 90, ovvero le steelhead.
Il tutto inizia vicino a Roma dove vado ospite dal Doc, il mio vecchio compagno dell'Alaska.
Per iniziare andiamo in un remoto torrentello del reatino, dove per allenarci facciamo decine di iridee nate lì, purtroppo non grandi ma molto belle.
Il torrente sembra facile ma a fine giornata tra il caldo e i passaggi alpinistici sono sfinito e passo sulla spedizione del giorno dopo a grosse trote a fondovalle.
Il viaggio parte con un ritocco all'ultimo minuto, l'agenzia si è dimenticata del volo Vancouver Terrace e relativo ritorno che dobbiamo comprare all'ultimo e non solo questo accadrà.
Però partiamo, Roma Londra, Londra Vancouver, notte in città e la mattina Vancouver Terrace.
Il fuso orario -15 un bello shock, ma baldanzosi arriviamo in tarda mattinata, ci sistemiamo al lodge e andiamo a pesca la barca si fa trovare e via sullo skeena river, un fiume grande un po meno del Po con corrente impressionante.
Qui le barche sono piatte, lunghe 5 metri di alluminio spesso saldate con motori senza elica, idrogetti in grado di correre su pochi cm di acqua come su molti metri d'acqua a velocità notevoli, in grado di attraccare ovunque.
Purtroppo il colore un verde-marrone e i salmoni che pure ci sono non collaborano per nulla, e sarà un pesante cappotto.
Qui incontriamo due ragazzi di Genova che come noi sono a un lodge ben diverso da quello previsto, ma tant'è...
Ci saremmo aspettati da depliant biliardo, sauna, sala per l'attrezzatura da pesca da montare-smontare canne, asciugare i waders, canne, mulinelli tra cui scegliere, esche a volontà.
In realtà siamo in una bella struttura, ovvero un buon ristorante con annesse poche camere, pericolosamente oscure in effetti non c'è un lampadario ma 3 abatjours in 50 metri quadri di stanza con cui leggere, mangiare e riorganizzare l'attrezzatura un incubo.
E le guide che dovevano essere una ogni due pescatori e parlanti un discreto italiano sono si brave ma 1 per 4 pescatori e parlano solo inglese con gran gioia del Doc che per una settimana si far tradurre, a spanne, da noi.
Abbiamo diritto a 35 dollari di cibo a sera, oltre li mettiamo noi che anche qui non combacia con cibo a volontà di grandi chef.
Mattina e pranzo al sacco, con macchina per caffè e te in camera, in pratica frutta mattina e pranzo e cena serale.
La guida sta a chilometri in una villa extralusso, andiamo lì e facciamo la licenza standard.
Dopo il cappotto del primo giorno capiamo che è opportuno avere la licenza per le acque speciali classificate con ovvio sovrapprezzo, non irrilevante, ma siamo in Canada per pescare e paghiamo, in una selva di prezzi, opzioni no kill o con possibilità di tenere un pesce, legati ai singoli fiumi.
Il giorno dopo attacchiamo un fiume classificato, con un nome impossibile del genere genenenadoitz, subito ribattezzato doitz, nome dato dai nativi.
Però bello, basso, acqua trasparente e tante pool in cui si vedono i salmoni.
Sembrano pochi ma montata la canna con i martin 12 e 15 si scatena la battaglia.
Prima di proseguire un'indicazione sull'attrezzatura.
La canna più usata una 8 piedi e 6 (86) , ovvero 2,60 con potenza da 10 grammi a 40, in genere gli europei usano la Loomis HSR 1021S in GL2 mentre io uso una canna realizzata da un amico, grandissimo genio nel campo.
un grezzo mudhole, montato col calcio splittato e componenti in legno di radica ed equivalente alla Loomis, bellissimo anche se ancora da finire ma perfettamente in grado di pescare mancando solo le finiture estetiche.
Il mulinello, o un ottimo 4000 (classe stella o twin power) o un 5000, trecciato da 20 a 40 libbre e come esche gli intramontabili martin da 12 e 15 grammi e forse i 20 avrebbero fatto comodo certi giorni.
Si pesca ad amo singolo senza ardiglione, gli altri usano ami dell1\0, io i 2\0 di Tubertini Owner nati senza ardiglione e la differenza si vede.
Ultimo avviso importante, moschettone con girella da almeno 30 kg di resistenza e chiusura almeno certa, i moschettoni normali sono saltati a tutti.
Io usavo i duo lock con cuscinetto Tubertini e li ho dovuti regalare a fine pescata alla guida che se ne era innamorato
Mai aperti ne rotti.
I locali prediligono gli ondulanti, ma sono battuti con regolarità.. da noi il pesce va cercato e ci mettiamo molta più cura.
 
 
 
 
La pesca.
Primo lancio e prima rottura, il trecciato era leso martin 15 color perla prontamente sostituito con un 15 firetiger (che all'inizio fa sorridere molti, all'inizio solo)
Terzo lancio e trota rainbow sul chilo, qualche lancio e attacco il salmone.
Gli altri , Doc in testa, slamano l'inverosimile a causa degli ami piccoli o inadatti come punta.
Dopo un po le mangiate calano (si arriva a ramponare fili vaganti di salmoni che hanno rotto in certi punti) e via con la barca a cambiare spot risalendo il fiume.
Sacrifico un pesce, dopo aver rifiutato il primo il cuoco in quanto troppo grande, per il pranzo.
Soddisfatti arriviamo a mezzogiorno dove ci imbastiscono lo shore lunch, un fornello a gas, salmone fresco avvolto nellalluminio e un po di riso.
Qui facile fare i cuochi con questi pesci.
Anche nel pomeriggio facciamo un po di pesci misti e la sera si dirotta la jeep al negozio di pesca per cercare ami idonei, gli altri hanno anche perdite di esche, io resterò con un solo martin perso in 6 giorni di pesca.
Per pesce misto si intendono trote da pochi etti al chilo e mezzo, le dolly analoghe e salmoni da 2 a 8 chili.
 
La cena al lodge
Brutta cosa la fame dopo una giornata sul fiume, alcuni trovano interessante un risotto ai funghi, scartando la carne che invece ottima, un minimo di spiegazioni che la si vorrebbe poco cotta ed buona.
Per chi ama le spezie si fornisce ottimo halibut al curry, che io non prendo per il curry che detesto.
Paese rigoroso si bevono alcolici solo sopra i 19 anni compiuti dopo di che si beve e non poco.
 
 
Il ritorno sul doitz
Secondo dei 5 giorni interi, decidiamo di rifare lo stesso fiume stante lintrico di permessi che dobbiamo avere con le guide.
Da molto meno, le abboccate ci sono ma sono più rare, più su di tanto non possiamo salire per un albero di 30 metri caduto di traverso.
Catturo un sockeye e lo dedichiamo al pranzo, con verdure al cartoccio non dopo aver peregrinato su e giù per il fiume.
Stiamo rientrando soddisfatti ma non troppo quando la barca si ferma in un correntone e ci invitano a pescare lì, per oltre quaranta minuti ogni due lanci si aggancia un pesce, salmone, trota o dolly.
Salmoni da diversi chili, trotelle rainbow e gola tagliata e dolly sopra il chilo fanno una fine giornata da sogno, che ci fa tornare felici.
Durante la cena concordiamo che il giorno dopo faremo il Coppper, un fiume mitico per le steelhead con dentro anche qualche salmone.
Il Copper va fatto a piedi, è possibile risalire solo fino a un punto in macchina e da lì ci si va solo in elicottero.
Peccato l'elicottero costi 1000 dollari e rotti.
Le spiegazioni delle guide sono poco rassicuranti, tanto da camminare, fondo pericoloso, le steelhead non certe.
Il tanto da camminare viene quantificato in ben 15 minuti!
Essendo io il più anziano e con problemi a un ginocchio mi chiedono se penso di farcela, dopo 6 ore in un fosso a Roma che paura ho?
Partiamo, sempre presto, in auto
Il primo spot comodo ma il fondo è davvero viscido.
Agganciamo un paio di pesci ma si slamano, non contano i miei ne i nuovi 1\0 gambo lungo dei miei amici.
Poi facciamo lo spot difficile, ben 15 minuti in piano col fresco
Arriviamo in un tratto dove l'acqua va fortissimo, dicono le steelhead siano tutte nei correntoni.
La guida che avrebbe firmato per una steelhead in quattro resta di sasso quando ne escono due a valle.
Io pesco più a monte in un rigiro d'acqua nonostante la guida me lo dia come spot dubbio.
A un certo punto mentre recupero qualcosa cerca di portarmi via la canna di mano, una forza inaspettata anche se so che la steelhead è considerato uno dei due più potenti pesci (l'altro il salmone king), la canna piegata al massimo, a frizione quasi chiusa (tarata sul 30 libbre) il pesce fa un po quel che vuole, salti improvvisi 1 metro e mezzo fuori dall'acqua e so che ho l'amo singolo.
Dopo una bella zuffa viene a galla e un amico va in acqua a prenderla, a occhio sono tra i 6 e gli 8 chili, qualche foto col pesce che si ribella terribilmente e via in acqua.
Ovvio questi giganti sono tutelati integralmente e devono tornare in acqua vivi e vegeti.
Arriva la guida, si complimenta per il pesce preso dove non credeva, arriva vicino il Doc che ha capito che lo spot valido e attacco la seconda a centro piana.
Questa non salta o quasi, delfina a galla e sta al centro della corrente.
durissima, canna che cigola, frizione al limite (se uscisse dalla buca ha 100 metri di rapide e romperebbe), c'è pure un ramo dove sono ma alla fine ne ho ragione
Forse un po più piccola, ma due steelhead in un quarto d'ora da record.
Dopo di che la mia stella si spegne, prender poco o niente, farò più foto ma sono contento.
Il Copper prosegue fino al primo pomeriggio e diventa durissima per le gambe, non tanto per strada e dislivelli ma per il continuo auto, fermarsi, camminare, pescare, camminare, tornare all'auto, fare un po di strada e così via.
E l'auto che è immensa e pure scomodissima, più di 5 metri d'auto con cassone, tre striminziti posti dietro, l'abitacolo alto almeno un metro da terra, qui il predellino serve eccome.
Gli ultimi spot manco li faccio, sono a pezzi.
Cena frugale e poi a letto
Il giorno dopo rifacciamo il copper, piove e spioviggina, mangia poco e male.
Prendo una trota dubbia (rainbow grande o steel head piccola) poi poco o nulla.
A mezzogiorno si mangia un pezzo di salmone salato e affumicato (buono ma stomachevole se ne mangi tanto) e dopo un po causa pioggia battente io e un altro ci rilassiamo a dormire in auto.
Gli altri attaccano e prendono qualche steelhead ma con fatiche notevoli e le più sono perse.
Rientriamo e la sera siamo a cena dalle guide in famiglia.
Troviamo altri 4 ospiti canadesi che stanno da loro e affrontiamo un barbecue splendido, carne ottima, patate, pannocchie, dolce, vino e birra a volontà.
Facciamo due chiacchiere (a questo punto l'inglese è comprensibile e allenato) e visto che piovuto ovunque e tutti i fiumi sono in piena e marroni decidiamo di puntare con due barche verso il fiume meno sporco della regione.
Solita levataccia e via, il fiume dove entra nello skeena fa schifo ma salendo diventa bello.
Peccato per un freddo non male, pioggerellina ghiacciata, barca veloce e usciamo semi ibernati.
Se il doitz era tra le montagne con qualche ghiacciaio questo scorre in una stretta gola sotto ghiacciai altissimi, col ghiaccio perenne e innumerevoli cascate
Complice il livello che scende mangia poco e pure male, io ho spalla e schiena doloranti (e per fortuna che ho una canna da favola, ma sempre lunga) e pesco poco godendomi i panorami.
Il fiume è frequentato da orsi, essendoci decine di impronte, e troviamo su una spiaggia un king morto, per la guida molto piccolo il che vuol dire ben oltre 10 kg per un metro.
L'ultima sera qualcuno assaggia le fettuccine e le trova mangiabili causa fame e freddo suppongo, un piatto simile in Italia sarebbe lanciato sul cuoco.
Io mi accontento di granchi e aragosta.
Poi il giorno dopo il lungo rientro, Terrace Vancouver, da qui a Londra, costretti a un cambio di aeroporto (facile), Roma, pernotto dal Doc e poi ritorno in auto verso Bologna con classica coda sull'A1.
Cosa abbiamo visto
Meno animali che in Alaska, poche aquile e piccole, un paio d'orsi neri piccoli più mamma con piccolo e poco altro, foche viste da lontano che dal mare seguono fin qui i salmoni.
Panorami vari e meravigliosi, non aiutati dal tempo che ci ha sempre fatto avere nuvole bassissime e poco sole e parecchia pioggia
Fiumi bellissimi, trovati per lo più alti e sporchi.
Suggerimenti
Fatto salvo che se vi serve aiuto potete contattarmi di persona vi raccomando di cercare una guida sul posto direttamente e di organizzarvi voi il viaggio aereo.
La mia esperienza di cercare un'agenzia che faccia tutto da qui è fallimentare..
Io mi sono servito in loco (pagando le differenze, spero solo quelle) di
STAN DOLL
Skeena wilderness fishing charters
info@bc-stelhead.com
sul sito trovate pure i numeri di telefono
trovare una guida che parli italiano non dico sia impossibile ma quasi
concordate bene i fiumi, quelli ordinari costano meno (come permessi e come guide), quelli classificati di più come tutto.
Ma andreste come turisti a Roma senza vedere il Colosseo e San Pietro?
Ovvio il viaggio costa e tanto
Per l'attrezzatura
Portatevi canne e mulinelli, direi due di tutto
Dopo le steel head il mio twin power deve andare in revisione.. mulinelli più deboli si sono rotti.
Come esche se li amate ondulanti, ma rende di più e molto il martin nei pesi 12 e 15, colori normali, perla e firetiger
Se vi chiedono l'amo singolo il 2\0 e il 3\0 se esiste della serie st75blm li ho trovati perfetti, se no 1\0 o 2\0 lunghi dritti.
Dopo questo viaggio temo che il prossimo sarà al caldo.
Articolo di Mauro Maccagnani [sipadan]
 
Album fotografico con 293 foto relativo a questo articolo
 
Link utili
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 13/10/2011 @ 20:00:40, in SCRIVONO DI NOI, linkato 1818 volte)
TROFEO DI SERIE A2: QUINTA ED ULTIMA PROVA NEL BRIAN, 09/10/2011
Articolo di Alessandro Scarponi per Match Fishing Italia
Il campionato di serie A 2, edizione 2011, terminato con la disputa della quinta ed ultima prova svoltasi sul canale veneto del Brian.
I romagnoli dell'Amo Santarcangiolese Colmic dopo una lunga cavalcata, sempre da protagonisti, brindano alla vittoria finale grazie alle 56,5 penalità e ai 67,680 kg di pescato complessivo.
Con loro salgono sul podio i ragazzi del River Club Padova Tubertini guidati da uno spettacolare Thomas Busatto, vincitore tra l'altro della classifica individuale, e dei fortissimi bolognesi della GPO Imolese Tubertini.
Invece la quinta ed ultima prova viene vinta da una società, Futura 2000 Colmic di Rovigo, che meglio di altre ha saputo leggere il canale andando a vincere con sole 8 penalità.
Al termine di questo campionato la classifica finale ha emesso le sentenze dei promossi e dei bocciati; infatti coloro che conquistano le prime sei posizioni si aggiudicano il passaporto per disputare l'anno prossimo lEccellenza nord mentre dalla 31 alla 50 si aprono le porte del regionale.
Quella del Brian non è stata una gara facile, tutt'altro, per via delle condizioni di un canale che si fatto trovare al cospetto dei partecipanti con un livello dell'acqua pi basso di mezzo metro rispetto alla domenica precedente.
Inoltre il forte abbassamento della temperatura, passata dai 25 gradi delle ore centrali ai 4 gradi della mattina, ha bloccato la vitalità dei pesci arrivati alle esche dei concorrenti con scarso appetito.
Addirittura si sono verificati dei cappotti anche se va detto che qualche alborella, la si poteva insidiare come pesca alternativa a quella dei carassi e delle scardole.
Alborelle che sono state il tema vincente della Futura 2000 Colmic guidata da Giovanni Rascacci, il quale quando si parla di cannini è sempre una garanzia.
Articolo di Alessandro Scarponi per Match Fishing Italia
CLICCA SULL'ICONA DI EXCEL PER SCARICARE LA CLASSIFICA
 
 
 
 
Titolo
Di Admin G.P.O. (del 11/10/2011 @ 17:47:57, in PESCA IN MARE, linkato 2034 volte)
IL MONDIALE CLUB DA NATANTE 2011 PARLA TUTTO ITALIANO
Dal sito nazionale della F.I.P.S.A.S.
N.B. a fine articolo è presente una mini galleria fotografica pubblicata per gentile concessione di Luciano Benassi della Lenza Emiliana
 
La LENZA EMILIANA TUBERTINI si laurea per la seconda volta Campione del Mondo per Club categoria CANNA DA NATANTE.
Il Campionato Mondiale 2011 si e' svolto nello specchio di mare antistante la località di Martigues nel sud della Francia la scorsa settimana.
I nostri atleti si sono classificati al primo posto in tutte e tre le manche di giornata, totalizzando in quattro pescatori 12 primi di barca.
Per la Società LENZA EMILIANA TUBERTINI un ennesimo successo di club che gli vale il quinto titolo mondiale: infatti nella sua prestigiosa bacheca societaria ha collezionato finora tre titoli sportivi nel settore delle acque interne e due in quello delle gare agonistiche in mare.
Ma la gara ha riservato anche altri allori per l'Italia. Infatti, al secondo e terzo gradino del podio si sono classificate due altre squadre di club italiane: l'ASSONAUTICA ARTICO ANCONA con 9 punti e la LEGA NAVALE GENOVA con 10 punti.
Tredici i Team partecipanti e provenienti da mezzo mondo.
La pesca è stata caratterizzata da un clima abbastanza caldo, il pescato abbondante, circa 3 kg. la media di pescato per ogni concorrente. I pesci sono stati prevalentemente Donzelle e Boghe di taglia media.
Il risultato finale ottenuto dall'Italia ci denota che non c'è stata storia in quanto a bravura agonistica tra le nostre rappresentative e le altre nazioni.
 
CLASSIFICA
 
 

Galleria fotografica da 8 foto pubblicata per gentile concessione di Luciano Benassi della Lenza Emilina Tubertini

 
Titolo
FISHING SHOW 2012 LIBERA LA TUA PASSIONE
FIERA DI BOLOGNA DAL 24 AL 27 FEBBRAIO 2012
Libera la tua passione, lo slogan che contraddistingue l'edizione 2012 del Fishing Show vuole essere anche il motivo di fondo stesso dell'intera manifestazione. Il Salone della pesca sportiva giunge alla sua sesta edizione. Un risultato di longevita' che gli deriva non solo dal valore intrinseco del salone espositivo, ma anche e soprattutto dal fatto che si e' oramai confermata come la kermesse della pesca in Italia. Non solo, ma per formula, contenuti, espositori ed iniziative, sempre piu' ogni anno si respira una atmosfera di internazionalita'. Ne sono testimonianze non solo le presenza di addetti ai lavori e press straniere, ma anche gli appuntamenti istituzionali di carattere internazionale che contraddistinguono da alcuni anni l'appuntamento. Un obbiettivo, quello non dichiarato, ma nei fatti conseguito, far diventare l'evento il momento di sintesi dellintero settore.
Anche per questa edizione del Fishing Show, il Salone della pesca sportiva in Italia, avra' luogo a BolognaFiere. Le date sono dal 24 al 27 febbraio 2012.
La quattro giorni di Bologna che si sviluppera' tutti i giorni dalle 9.00 alle 18.30 ricca di partecipazioni qualificate con la presenza delle aziende piu' rappresentative del settore. Non solo, ma tra dirette ed importate sono di fatto presenti tutte le piu' importanti realta' in campo internazionale.
Molte le conferme e tante le novita' che caratterizzeranno questa edizione. In progressione tutti gli eventi ed iniziative saranno consultabili sul sito della manifestazione.
La manifestazione si svolgera' nella nuova sede del padiglione 36. Unico ingresso da porta Michelino con un padiglione di oltre 12.000mq completamente autonomo. Dunque ingresso a ridosso dei parcheggi all'uscita dell'autostrada e della tangenziale. All'interno del padiglione tutte le attivita' e le vasche dimostrazione. Le sale convegni, i servizi e la logistica, ristoranti e bar. Insomma tutto nello stesso stabile con la possibilita' per i visitatori di accedere facilmente a tutte le iniziative senza mai uscire dal padiglione. Una novita' interessante che render ancora piu' qualificata e gradevole la visita alla fiera.
Il Salone si snoda in un percorso dove e' possibile entrare in contatto diretto con il personale e i prodotti della quasi totalita' delle aziende italiane dedicate, siano esse produttrici o distributrici. Anche per tale ragione rappresenta un'importante occasione di carattere internazionale, perche' e' qui che gli operatori europei trovano tutti gli elementi e le strutture utili ad allacciare e consolidare i loro rapporti non solo commerciali. Del resto di anno in anno sono sempre piu' numerose le presenze internazionali di addetti ai lavori e della stampa specializzata.
Il Fishing Show abbraccia tutte le specialita' e discipline che animano il mondo della pesca sportiva, dalla pesca in mare a quella delle acque interne, non tralasciando nessun aspetto anche delle meno note e visibili. Tali molteplicita' e completezza rendono l'appuntamento con il Salone un'occasione imperdibile per ogni appassionato.
In una fase di grande specializzazione della pesca sportiva, un solo contenitore in grado di dare da sei anni a questa parte paritetica visibilita' a ogni disciplina, costituisce un'occasione unica ed irripetibile per gli appassionati. Si tratta di aspettative che vanno a espletarsi soprattutto nell'offerta e nel lancio di molti prodotti, mettendo a disposizione innovazioni tecniche e tecnologiche che altrimenti gli appassionati avrebbero difficolta' a osservare e reperire. Non solo, ma la possibilita' di partecipare ad iniziative a tutto campo come stage, convegni, dimostrazioni e corsi, non sono un complemento della parte espositiva ma la valorizzazione della stessa.
Ed e' proprio la parte interattiva del salone espositivo che sara' ulteriormente arricchita e sviluppata a favore dei visitatori. Una parte interattiva potente e di grande respiro, permettera' a tutti gli appassionati di passare un'intera giornata all'interno della manifestazione. Un programma che fara', una volta di piu' del Fishing Show un grande ed unico evento oltre che una fiera.

GUARDA LA NOSTRA PRESENTAZIONE FOTOGRAFICA DELLO STAND TUBERTINI AL FISHING SHOW 2011


 

GUARDA LA RACCOLTA FOTOGRAFICA DELLO STAND TUBERTINI AL FISHING SHOW 2011 (140 IMMAGINI)

 
Pagine: 1 2

Benvenuto 
Ci sono 1730 Utenti collegati


Form Object


< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

RICORDATI DI CONDIVIDERE QUESTA PAGINA CON I TUOI MIGLIORI AMICI SU:



Titolo
ARCI PESCA (31)
ATTIVITA' SOCIALI E RICREATIVE (7)
CAMPIONATI MONDIALI (7)
CARPFISHING (29)
CURIOSITA' (20)
DOCUMENTI (9)
EVENTI (24)
FIUMI ITALIANI (2)
GARE AD INVITO (20)
ITINERARI (19)
LEDGERING FEEDER (6)
NEWS G.P.O. (9)
PASTURE e ATTREZZATURA (10)
PERSONAGGI (2)
PESCA A MOSCA (1)
PESCA AL COLPO (73)
PESCA IN FIUME (5)
PESCA IN MARE (6)
REGOLAMENTI (1)
SCRIVONO DI NOI (16)
SPECIE ITTICHE (30)
SPINNING (60)
TECNICHE (5)
TEMATICHE AMBIENTALI (25)
TROTA IN LAGO (12)

Catalogati per mese:
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli articoli piu' cliccati

Titolo

VIDEO GPO CHANNEL IN PRIMO PIANO


 


Titolo
VI PIACCIONO I NOSTRI ARTICOLI?

 NON POSSO STARNE SENZA!
 MOLTISSIMO
 MOLTO
 ABBASTANZA
 COSI' COSI'
 NON MI ESPRIMO
 POCO
 POCHISSIMO
 LI ODIO!





15/11/2018 @ 08:19:19
script eseguito in 139 ms


Ambiente e natura



 

Segnalato da
Web Directory Gratuita

Segnalato da:
www.aggiungisito.it

Googlerank, pagerank di Google

Segnalato su: Aristotele, motore di ricerca Italiano

Click Web

METEO DA 3BMETEO.COM