\\ Home Page : Articolo : Stampa
1o MEMORIAL MARCEL VAN DEN EYNDE 22 MARZO 2009 - LE VALLETTE - OSTELLATO - FERRARA
Di angelo b. (del 22/03/2009 @ 17:53:03, in PESCA AL COLPO, linkato 1246 volte)

PRIMO MEMORIAL MARCEL VAN DEN EYNDE
L’Oltrarno vince nel ricordo del grande Marcel…
articolo di Angelo Borgatti
 
Il 27 maggio 2008 il mondo della Pesca Sportiva e dell’agonismo ha perso uno dei suoi massimi rappresentanti di tutti i tempi: Marcel van den Eynde.
Il 22 marzo scorso, la ditta Tubertini, legata al campione belga e alla sua famiglia da un antico e solido rapporto di amicizia oltre che da un consolidato rapporto di collaborazione commerciale, ha voluto ricordare Marcel van den Eynde con un Memorial appositamente dedicato a lui.
Palcoscenico della prestigiosa manifestazione i nuovi campi gara di Ostellato Covato e del Po di Volano a Medelana, in provincia di Ferrara.
La manifestazione, in origine riservata alle 50 squadre partecipanti al Trofeo Eccellenza Nord, in seguito alla grandissima richiesta di partecipazione è stata allargata anche ad altre formazioni, fino al raggiungimento della massima capienza prevista per i due campi di gara: ben 93 squadre, quindi, hanno schierato i propri rappresentanti sulle sponde dei due canali, mentre alcune altre decine di richieste non hanno potuto trovare accoglienza da parte dell’organizzazione per la mancanza di posto!!!
Molteplici le ragioni di un così grande successo: innanzi tutto la volontà di esserci per ricordare il grande personaggio che è stato van den Eynde, la possibilità per le partecipanti al Trofeo Elite nord di testare i campi di gara teatro della prima prova del campionato che si sarebbe svolta la domenica successiva, il ricco montepremi messo a disposizione dalla Azienda bolognese ad integrazione della quota delle iscrizioni e, non ultimo, la possibilità per molti di cimentarsi con i rinomati “bremodromi” ferraresi i quali, soprattutto quello di Medelana, non hanno certo deluso le aspettative.
Prima di entrare nella cronaca della gara, credo sia doveroso ricordare che i due campi hanno risposto in maniera egregia, anche se diversa: ad Ostellato il campo gara ha fornito una resa meno omogenea, alternando tratti pescosissimi ad altri, soprattutto nella parte alta del campo gara, decisamente più avari e diseguali; peraltro, l’effetto “dragaggio”, risultante dai recenti lavori di pulizia del fondale del canale, che tanto avevano fatto temere per la pescosità nelle settimane precedenti, probabilmente anche grazie alla tantissime prove effettuate si è fatto sentire molto meno del previsto e sui primi 150/160 posti gara i pesci si sono resi disponibili un po’ per tutti, con l’acuto individuale di Daniele Poli del G.P.O. Tubertini di Bologna che ha fatto fermare l’ago della bilancia a 18.260 grammi. A Covato, oltre alla classica canna ad innesti, impiegata dalla grande maggioranza, almeno nella prima parte della gara, si sono riviste montate diverse, direi molte, canne inglesi. Qualche coraggioso ha voluto tentare l’impostazione solo con questa tecnica sin dall’inizio, pescando più o meno attorno alla metà del canale, e quasi sempre i risultati finali hanno dato loro ragione. A mio avviso, credo non sia difficile prevedere, per il prossimo futuro, che sulle comode e curate sponde di questo campo di gara si vedranno si sempre montate canne ad innesti, ma solo in tre pezzi e molto più corte di tredici metri!
Discorso diverso per Medelana, dove la velocità dell’acqua e la tipologia di pesca sono da roubaisienne pura, classica e bellissima. I pesci sono tanti, generalmente di buona taglia e, soprattutto molto affamati!
La cronaca della pescata dovrei farla fare al buon “Genova”, alias Marco Genovesi, che anche in quest’occasione, dopo i fasti del recente Club Azzurro e di svariate gare minori, si è portato a casa il cartellino del prestigioso “primo assoluto”, non solo di Medelana ma di tutto il Memorial, con oltre 19.000 punti. Probabilmente Marco conosce ormai tutte le breme del Po di Volano, avendole già toccate una per una con mano!
I veri mattatori della giornata, però, sono targati Firenze, almeno come recapito della Società.
Jacopo Falsini, Andrea Fini, Stefano Premoli e Rudy Friggeri, ossia Oltrarno Colmic A, hanno letteralmente stravinto questo “1° Memorial van den Eynde” con una sentenza inappellabile: 4 penalità e tutti gli altri a casa!
La squadra di Collini ha dimostrato di aver capito anche le sfumature di questi campi di gara, e si candida ad essere un cliente scomodissimo per tutti già dalla prima prova dell’Elite della prossima settimana.
Andrea Fini e Stefano Premoli a Medelana hanno fatto molto bene, d’altra parte entrambi anche nel Club Azzurro avevano dimostrato di essere entrati bene nei meccanismi di questo canale, così come Falsini e Friggeri ad Ostellato, dove hanno vinto i rispettivi settori alternando tecnica francese ed inglese con tempismo perfetto.
Dietro ai marziani odierni si collocano due formazioni che conoscono molto bene questi campi di gara: i padroni di casa della Pesca Sport Ferrara (Sarti Lorenzo – Martin Andrea – Bassanese Luca e Della Bartola Mirco) e i bolognesi del G.P.O. Tubertini B (Pezzato Carlo – Bergonzoni Werter – Favalini Riccardo e Savini Paolo), entrambe con 10 penalità e distinte solo dai piazzamenti individuali.
Dopo queste tre, sono state premiate ancora da Glauco Tubertini, in rappresentanza della Azienda al tavolo della premiazione, la squadra A della Lenza Emiliana Tubertini e il Lenza Club Padova Tubertini di capitan Bagarello.
Alla premiazione hanno presenziato, in qualità di ospiti d’onore, due personaggi d’eccezione: la figlia del campione belga, Michel, che continua l’attività produttiva del padre, e Jan van Schendel, campione della Nazionale olandese e dirigente della famosa casa di pasture van den Eynde. Entrambi hanno apprezzato molto il carattere e la buona riuscita della manifestazione ideata dalla Azienda bolognese, ed hanno manifestato la speranza, per la prossima edizione, di estendere la partecipazione anche a prestigiose e titolate rappresentative europee, per onorare ancor su più vasta scala la memoria di Marcel.
In chiusura, ma con il giusto rilievo, va sottolineata la precisa e puntuale opera di organizzazione delle società che si sono accollate l’onere della preparazione e gestione dell’evento: il G.P.O. 2000 Tubertini di Bologna, la Pesca Sport Ferrara e i Garisti Dario di Ferrara, che hanno dispiegato un buon numero di Commissari di sponda sui due campi di gara, ben identificabili dalle pettorine gialle in dotazione. Rapido ed efficiente anche l’operato dei Giudici di Gara della Sezione FIPSAS di Bologna.
 
 articolo di Angelo Borgatti
 
Nella foto la squadra B del G.P.O. classificata terza assoluta.
Con le maglie blu partendo da sinistra: Paolo Savini, Verter Bergonzoni, Riccardo Favalini, Carlo Pezzuto.
A destra con la maglia blu: Glauco Tubertini (titolare dell'omonima azienda e componente del G.P.O.)
Con le maglie nere partendo da sinistra: Jan Van Schendel (più volte componente della nazionale olandese) e Michele Van Den Eynde ( la figlia di Marcel Van Den Eynde )

CLASSIFICA FINALE GENERALE
(prime dieci formazioni)
1
Polisportiva Oltrarno (Colmic)
FI
(A)
4
2
Pesca Sport Ferrara
FE
(A)
10
3
Ass.Sport.Dil.G.P.O(Tubertini)
BO
(B)
10
4
Lenza Emiliana (Tubertini)
BO
(A)
11
5
Lenza Club Padova (Tubertini)
PD
(A)
12
6
Pescatori Padovani (Maver)
PD
(A)
12
7
S.P.S. La Torre (Maver)
RO
(A)
12
8
A.S.D. Città del Rubicone
FO
(A)
12
9
Cannisti Castel Maggiore(Hydra)
BO
(B)
13
10
Ass.Sport.Dil.G.P.O.(Tubertini)
BO
(A)
13