GIOCHI MONDIALI DELLA PESCA SPORTIVA, CAMPIONATO DEL MONDO FEMMINILE, UN ORO AL CARDIOPALMO - GPO IMOLESE TUBERTINI - LA POLISPORTIVA DELLA PESCA

 
 

Immagine
 CARPFISHING - MANUELE MAZZONI DEL TEAM KAPPOTTO... di Admin G.P.O.
 
"
Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata.

Albert Einstein
"
Seguici: 
Titolo
 
\\ Home Page : Articolo
Titolo
Ricordati di condividere questo articolo prima dei tuoi amici:

 
GIOCHI MONDIALI DELLA PESCA SPORTIVA, CAMPIONATO DEL MONDO FEMMINILE, UN ORO AL CARDIOPALMO
Di Admin G.P.O. (del 15/09/2011 @ 22:31:22, in CAMPIONATI MONDIALI, linkato 2919 volte)
GIOCHI MONDIALI DELLA PESCA SPORTIVA, PESCA AL COLPO, CAMPIONATO DEL MONDO FEMMINILE
UN ORO AL CARDIOPALMO
Articolo di Angelo Borgatti ( Noi Pescatori, Pesca In, Tubertini High Quality)
Venerd 2 settembre 1^ prova:
Le alborelle tradiscono in parte le Azzurre Dopo una sessione di 5 giorni di prove, durante le quali, come mi conferma il C.T. Barbetta, le nostre ragazze hanno provato varie soluzioni tecniche per stabilire la strategia migliore in questo campo gara che, nonostante gli sfarzi del passato (il mitico Mondiale Seniores dell 86 in cui gli inglesi ci batterono sonoramente con le loro cannette da 3.90 e con i loro buffi galleggianti penzoloni e consacrarono al mondo la pesca allinglese o, ancora, la prima, fantastica, edizione dei Giochi Mondiali della Pesca, nel 2000, con ancora i Seniores protagonisti), da qualche anno non viene utilizzato, come gran parte dei campi gara fiorentini, ormai solo un pallido ricordo delluniversit della pesca che erano stati fino agli inizi del nuovo secolo. Questo disuso, connesso alla conclamata carenza di pesci da gara, escludendo le alborelle, hanno posto non pochi dubbi a tutti coloro che hanno dovuto decidere come affrontare tecnicamente questo Mondiale. Paradossalmente, la maggior completezza tecnica delle nostre ragazze, in grado di esprimersi ad alto livello tanto con la roubaisienne che con linglese oltre che avere come patrimonio genetico la pesca delle alborelle, poteva porre maggiori dubbi tattici allo staff tecnico, dal momento che ogni scelta poteva essere percorribile: tanto la pesca difensiva basata sulla quantit (le alborelle), che la ricerca di qualche pesciotto come piccoli channel e carpette da qualche decina di grammi, pescati filo fondo o con un minimo appoggio fuori dalla corona delle erbe fino sotto la punta delle roubaisenne o, ancora, la ricerca delle catture XXl, rappresentate da carpe e siluri da 2 a chili, con la roubaisienne alla massima lunghezza, presentando elastici very strong e lenze adeguate, ben adagiate sul fondo dopo una pasturazione adeguata; ultima alternativa, per noi alla fine determinante, come vedremo, la pesca allinglese a mezzacqua a centro fiume, tecnica conosciutissima dal C.T. Barbetta, dal momento che con essa ha vinto fior di competizioni negli anni novanta. Tutte queste tecniche, se ben eseguite, nella scarsit generale e supportate da una buona dose di fortuna, potevano garantire possibilit di risultato. Le compagini palesemente in grado di non essere minimamente competitive nella pesca alle alborelle, hanno da subito scartato questa ipotesi, semplificandosi, di fatto, la vita. Nella prima prova, comunque, oltre la met delle 17 formazioni presenti hanno aperto anche diverse canne fisse, dalla 2.50 alla 4 metri montate generalmente con lenza medio pesanti da 4x16 a 4x20 per tentare la carta alborella, riservandosi la chance roubaisienne per un secondo tempo. Poche, pochissime le canne inglesi presentate. Le Azzurre schierate dal C.T. Barbetta in questa prima prova sono state: Simona Pollastri, Veronica Visciglia, Silvina Turrini, Milena Camporesi e Franca Tagliaferri. Sesta componente la Squadra Giovanna Pasotti, che rientrava in Nazionale dopo qualche anno. Il sorteggio ha decretato i seguenti abbinamenti: Simona pesca all A6, Franca si colloca sul B2, Silvina mette il panchetto al C11, Veronica D14 mentre Milena esterna di campo con lE17. Questo picchetto condiziona non poco la forlivese, che sente il peso di un posto accreditato di grandi possibilit di catture di taglia e quindi potenzialmente vincente, picchetto che un po la condizioner per buona parte della gara. Come da ordini di scuderia partenza per tutte ad alborelle, a testa bassa come si dice, con canne da 3/3.50. Va detto che questa pesca, qui a Firenze, viene fatta in maniera diciamo non convenzionale, cio con pastura a macchiare poco prima del galleggiante, cercando di fare una nuvola di pesci sui cui margini pescare; in questo caso, invece, la grandissima presenza di alborelle piccolissime e di pseudorasbore (trombette, cebacek, ecc.) che assalgono tutto quello che cade in acqua in maniera famelica ma assai difficili da illamare, crea un disturbo notevolissimo ed un sacco di false mangiate che interrompono continuamente lazione di pesca; per ovviare a ci si procede ad una pasturazione molto corta con pastura morbida da alborelle per attirare in zona i pesci disturbatori, mentre la vera e propria azione di pesca si effettua almeno un metro oltre o anche pi, alimentando continuamente con piccole spruzzate di bigattini sfusi sul galleggiante. In questo modo le alborelle di taglia maggiore sono maggiormente catturabili senza un eccessivo disturbo della minutaglia. Non una pesca velocissima ma occorre comunque una manualit ed un allenamento che non si possono improvvisare in pochi giorni di prove, vista anche la necessit di mantenere alimentate due linee di pasturazione ed anche le nostre, in qualche momento, hanno per forza di cose pagato questo scotto, dal momento che anche in casa nostra, ormai, questa tecnica sempre pi un ricordo. Nel caso delle Azzurre una pi che logica strategia di conserva ci ha un po penalizzato ma la scelta era praticamente obbligata, visto il valore delle nostre ragazze rispetto alla maggioranza delle presenti e la nostra tradizione sul pesce piccolo. Dalle prove fatte sembrava che la cattura di 350/400 pesci per un complessivo tra i 1800 ed i 2000 punti potesse servire a mettersi al riparo dalle catture del pesciolame, che difficilmente garantiva questi rendimenti. Il rischio poteva essere la cattura di un pesce over size ma la loro comparsa era andata via via scemando nel corso della settimana e la speranza di poche apparizioni aveva convinto il C.T. della giustezza della scelta alborella. In realt, nonostante la dedizione e limpegno dimostrati dalle nostre, le alborelle fiorentine hanno risposto meno bene del previsto, dimostrandosi oltremodo ostiche e capricciose. Se a questo aggiungiamo che da quasi subito qualche carpona si fatta vedere, e catturare, ecco che la strada delle nostre ragazze apparsa subito in salita. Nel settore D, picchetto 17, la russa Eremina dopo meno di quindici minuti ha in canna una carpa da oltre 5 chili che cestina molto bene dopo altrettanti minuti di lotta a tutta canna. Durante questo combattimento la volta della russa Timoshkina, allE4, tendere lelastico sotto le sfuriate di una regina di circa 6 chili, che finisce anchessa in nassa sotto gli applausi. Per la squadra russa si sta concretizzando quella prestazione che la porter sul secondo gradino del podio di giornata, per le Azzurre la strada comincia a farsi ripida. La sola Camporesi, esterna di campo e potenzialmente sui pesci di taglia, dopo poco pi di mezzora, riceve lordine di abbandonare le alborelle e concentrarsi sulla pesca a roubaisienne fuori; per le altre avanti ad alborelle e stringere i denti, sperando che non entrino troppi pesci di taglia. Purtroppo fanno la loro comparsa ancora altre carpe di taglia, alcune delle quali catturate, oltre a pesciotti che vanificano in parte il tanto lavoro fatto dalle Azzurre; come detto, le alborelle hanno risposto meno bene del previsto e alla fine ne sono state catturate mediamente circa 300 a testa, con pesi attorno ai 1,500kg. La sola Camporesi trova una carpa di circa 2 kg che la porta al 4 posto di settore, battuta da carpe di taglia maggiore. Per altre arrivano i seguenti piazzamenti: Simona 6^ nel settore di testa in virt di 297 alborelle, Franca Tagliaferri 7^ con 263 pesci, Silvina Turrini 3^ con 305 alborelle ed ha retto molto bene limpatto di pesci non troppo grossi dellolandese Audenaerd e dellinglese figlia darte Emma Pickering; per Veronica Visciglia, 8^ piazza di settore con 290 alborelle. Totale 28 penalit e 5^ piazza di giornata. Escono alla grande dal calderone ardente del Terrapieno le bianche inglesi, che con una condotta pi aggressiva chiudono la manche con sole 19 penalit, davanti alla Russia, seconda con 24 penalit grazie a due stratosferici primi ed un secondo a suon di carpe XXL, allOlanda, terza con 26 punti; quarta e quinta piazza per Germania ed Italia con 28 penalit, seguite da Croazia (30), Romania (43), Spagna (45), Francia (47) e via via le altre fino alla Finlandia, 17^ con 73 penalit complessive. Assoluta di giornata la romena Cristina Malutan con oltre 10.680 punti grazie a due carpe mozzafiato. Certamente il 5 posto finale dopo la prima manche non un risultato da gettare al vento, soprattutto se si considera che tra noi e le russe, ad oggi medaglia dargento, ci sono solo 4 lunghezze di distacco, tuttaltro che incolmabili. Ma sotto il gazebo della puntuale organizzazione capitanata da Remo Cartei e dello Staff federale un po di amaro in bocca certamente c, per tutti.
Sabato 3 settembre 2^ prova: avanti tutta!!!
Il sabato mattina ci presenta una giornata velata, meno luminosa della precedente, quasi che anche il meteo si sia ingrigito dopo il risultato del giorno precedente. In compenso la temperatura rimane bella tosta. Alle 8 le atlete sono gi nei box intente a preparare le attrezzature. Una occhiata veloce sufficiente a capire che oggi la musica sar diversa, almeno in casa Azzurra. Le nostre lasciano completamente chiusi i foderi delle corte canne fisse e sguainano da subito le canne ad innesti, mentre una bella serie di punte prende rapidamente posto sulle rastrelliere. Oggi si va allattacco. Sui volti di Simona, Franca, Veronica, Milena e Silvina la solita espressione gentile ma evidente che dentro sono tese e concentrate; Giovanna come al solito discreta e silenziosa, probabilmente rammaricata di non poter dire la sua in questo Mondiale fiorentino, ma Giampiero la tenuta ancora in panchina e dovr fare diligentemente da sponda a qualche collega. Anche oggi. Giampiero una corda di violino e con il fido vice Ginetto Grigoli corrono veloci avanti ed indietro per aiutare le ragazze e controllarne i preparativi. Il sorteggio oggi ha spedito Milena nel settore A picchetto 8, Franca nel settore B sul posto 6, Simona in un brutto picchetto del settore C, il 5, Silvina al D11 mentre Veronica pescher sullE3. Dopo il solito bombardamento iniziale le canne sono in pesca; pochissime sono partite allalborella, ungheresi, polacche, le ceche e le finlandesi, ma il ritmo piuttosto lento, a causa anche della scarsa dimestichezza con questi pesciolini. Tutti si aspettano che cominci da danza dei grossi elastici sotto la trazione di qualche pescione, apparsi ieri quasi subito. Niente. Le nostre sono tutte chine sulle roubaisienne in attesa di qualche segno; entrano qualche piccolo gatto o carpetta, poca cosa e molto lentamente. La prima ora scivola via e qualcuno comincia a pensare alla beffa del destino: oggi che non facciamo le alborelle i pesci non entrano Allinizio della seconda ora vedere una canna in tiro evento raro. Dopo un poarriva la notizia di una carpa nel settore della Tagliaferri: lolandese Audenaerd, che gi ieri aveva vinto il proprio settore, ed oggi ha in canna una carpona che cava abbastanza bene. Gli risponde quasi allunisono la nostra Tagliaferri, quattro picchetti pi sotto, che con un colpo destro degno di una campionessa, decide di fare qualche modifica ed innesca unorsetto singolo, di traverso come si usa per cacciare i cavedani pi smaliziati. Una fiondatina di mais ed una nuova calata di lenza e il galleggiante tira dritto, liscio liscio, trascinato da un sottomarino risalito per errore dal Tirreno. Il combattimento entusiasmante e terribile, con una cosa che non vuole saperne di farsi vedere e mette alla prova tutta lattrezzatura di Franca oltre che le coronarie del marito, di Giampiero e del pubblico italiano accorso alle spalle dellAzzurra. Occorrer tutta la classe e lesperienza della Tagliaferri, oltre che gran parte della seconda ora di gara, per avere partita vinta su di una regina degna di una sessione di carp fishing. Alla fine una carpa di circa 11 chili far bella mostra di se nella nassa dellitaliana, che per non potr avere la gioia della vittoria di settore, superata di 700 grammi dalla Audenard, che metter in saccoccia unaltra regina xxl e con quella anche il Titolo individuale finale. Pazienza. Ma per Franca e le altre ragazze, tutte impegnate a spigolare pesciotti in attesa della mangiata buona, la rivincita sta per arrivare, attaccata alla cima di una inglese ad azione media. Quella di Simona Pollastri. Magic lady in questo Mondiale non si ancora vista al suo livello: ieri ha diligentemente eseguito il compito assegnato, cercando alborelle per contrastare le esterne del campo gara, lei animale di razza e macchina da pesci; oggi, dopo due ore, sul suo cartello sono segnati due pesci, uno allora! Ha gi provato tutto ma il picchetto avuto in sorte, subito sotto lo scarico delle piscine delle Pavoniere, veramente maledetto. A tre quarti dora dal termine le rimane lultima carta, quella che nessuna ha giocato in tutto il campo gara: linglese. E una pesca difficile, che richiede buona tecnica, precisione e convinzione oltre ad un pizzico di fortuna. Un tempo era la scelta principe, qui al Terrapieno, allora cerano migliaia di grossi carassi che salivano a mezzacqua incontro alle esche dei campioni. Oggi i pesci sono molto pi rari ma ci sono, Simona ne ha presi alcuni durante le prove, generalmente grossi. Ma pochi Il waggler da 22 grammi vola descrivendo una parabola perfetta e si immerge a centro canale, sorreggendo una lenza leggerissima da far fluttuare a mezzacqua; due/tre palle di pastura a spaccare ed una di bigatti in colla. Manca meno di mezzora. Un nuovo lancio, simile al primo, ed altre due/tre palle di pastura che lasciano una discreta macchia. La penna di pavone pitturata di giallo fluorescente sparisce silenziosa; Simona ferra con un largo arco del braccio, morbidamente e il filo rimane l, al centro dl fiume, tesissimo! Dire che alle Cascine sceso il silenzio sembra il passo di un romanzo, ma quello che successo, o forse nessuno di noi presenti sentiva pi altro, se non il sibilo della lenza sugli anelli mentre si srotolava dallantiritorno aperto. La canna veramente un arco, Simona un iceberg; immagino la sua freddezza in questo momento, con il cuore che cala i battiti fin quasi a zero. Ora sono solo lei e la ragazza dallaltra parte del filo, l, 5/6 metri sottacqua, vicino al fondo dl fiume. Venticinque minuti. Nessuno dice nulla. Arriva Giampiero, avvisato da radiosponda; scende silenzioso largine, entra nel box e si ferma, in silenzio, alle spalle di Simona. Lui ha sottomano la situazione di tutte le Azzurre, che stanno tenendo bene con la grande carpa di Franca ma ha bisogno di un guizzo vincente. Il C.T. Azzurro sa benissimo che attaccato a quel filo non c solo un grande pesce ma anche un grande, bellissimo sogno. I 17 punti di Simona potrebbero diventare 1 o 2, fondamentali per eliminare il distacco del giorno precedente e Un combattimento furioso ed elegante con un pesce che non si vuol far vedere, mentre i minuti passano velocissimi. 15, 12, 10. Si avvicina ma ancora forte, potente, si allontana pi volte, assecondata dal braccio e dalla canna di Magic Simo. Lattrezzatura risponde bene, affidabile, Simona la conosce bene e sa dove pu spingersi. 6 minuti. La carpa comincia ridurre il raggio delle sue fughe ma ha ancora grinta da spendere. 4 minuti Il grande guadino scivola in acqua e accoglie lultima scodata di una splendida regina da cinque chili. Simona si lascia andare ad una bella espressione in cadenza modenese e dedica la splendida preda al padre, sulla sponda. Tocco personale di una campionessa assoluta. Alla fine un abbraccio selvaggio con un entusiasta Barbetta ed uno, lunghissimo e commovente, con il Presidente Matteoli, oggi presente anche in veste di Giudice di Gara internazionale. La bilancia registrer un peso complessivo di 5330 grammi che significano 1^ di settore. Per le altre Azzurre piazzamenti altrettanto importanti: Milena porta 11 penalit, Silvina 6, Veronica 5, oltre allo splendido e sfortunato 2 di Franca e della sua over eleven 25 penalit totali, vittoria di giornata, nettissima, davanti alle tedesche che portano 37 punti e alle eterne rivali inglesi, che oggi non si sono ripetute e si sono mangiate tutto il vantaggio di ieri con gli interessi: le 46 penalit odierne le retrocedono al terzo gradino del podio finale, superate anche dalle costanti tedesche per i migliori piazzamenti. A livello individuale il Titolo dellolandese Ingeborg Audenaerd, unica che ha saputo ripetersi nella vittoria di settore, seguita dalla russa Yulia Ignatenko con 3 penalit e dalla tedesca Marjana Driemel, autrice della cattura di una carpa similare a quella della Tagliaferri. E dalle 15.30, ora di esposizione dei risultati ufficiali, stata solo gioia Azzurra Ringraziamenti Prima di concludere un doveroso, grandissimo riconoscimento al lavoro fatto dai ragazzi di Vinicio Berti, Remo Cartei e tutti gli altri, tanti, della FIPSAS di Firenze per averci fatto trovare un campo gara ben allestito ed ordinato. Peccato che la scenografia generale fosse spoglia di quella nota di colore, rappresentato da cartelloni pubblicitari e della manifestazione, che in altre occasioni avevano degnamente celebrato eventi tanto importanti per il nostro Sport. Ma questo non si pu imputare certamente agli amici gigliati. Grande assente della manifestazione il pubblico, veramente esiguo se si escludono gli addetti ai lavori. Per finire una dedica allarticolista storico di Noi Pescatori per le cronache mondiali delle Azzurre, Marco Rosellini, uno dei fondatori della Rivista, che questanno, per importanti motivi personali, non ha potuto fare questa cronaca ed stato maldestramente sostituito dal sottoscritto a pochi giorni dallevento. A Marco il mio personale augurio e quello della Redazione per poterne rileggere al pi presto le cronache puntuali e le acute considerazioni.
GIOCHI MONDIALI DELLA PESCA SPORTIVA PESCA AL COLPO
CAMPIONATO DEL MONDO FEMMINILE
CLASSIFICA FINALE PER NAZIONI
1 Italia 28,0-25,0 53,00
2 Germania 28,0-37,0 65,00
3 Inghilterra 19,0-46,0 65,00
4 Croazia 30,0-37,0 67,00
5 Olanda 26,0-46,5 72,50
6 Ungheria 54,5-24,0 78,50
7 Polonia 50,0-30,0 80,00
8 Spagna 45,0-42,0 87,00
9 Russia 23,5-64,0 87,50
10 Rep. Ceca 59,0-36,0 95,00
11 Romania 43,0-53,0 96,00
12 Francia 47,0-49,0 96,00
13 Portogallo 57,0-55,0 112,00
14 Slovenia 50,0-62,0 112,00
15 Sud Africa 69,0-45,0 114,00
16 Serbia 63,0-58,5 121,50
17 Finlandia 73,0-55,0 128,00
CLASSIFICA FINALE INDIVIDUALE
(Prime cinquanta)
1 Audenaerd Ingeborg Olanda 2,00
2 Ignatenko Yulia Russia 3,00
3 Driemel Marjana Germania 4,00
4 Remenaric Marija Croazia 7,00
5 Pollastri Simona Italia 7,00
6 Bloch Steffi Germania 8,00
7 Gresova Jana Rep. Ceca 8,00
8 Tagliaferri Franca Italia 9,00
9 Locker Wendy Inghilterra 9,00
10 Hawryhuk Isabelle Francia 9,00
11 Gordo Lopez Isabel Spagna 9,00
12 Turrini Silvina Italia 9,00
13 Ispas Veronica Romania 10,00
14 Barna Diana Ungheria 10,00
15 Pickering Emma Inghilterra 11,00
16 Hernet Jasna Slovenia 11,00
17 Gyul nszki Nikolett Ungheria 11,00
18 Balcerek Agnieszka Polonia 11,00
19 Turkovic Marija Croazia 12,00
20 Lubbe Annetjie Sud Africa 12,00
21 Novotna Paulina Rep. Ceca 13,00
22 Dagnall Helen Inghilterra 13,00
23 Wojtas Patrycja Polonia 13,00
24 Visciglia Veronica Italia 13,00
25 Almecija Rodrig Maria Del Car Spagna 13,00
26 Jane Nemetz Germania 14,00
27 Carvalho Teresa Portogallo 14,00
28 Groot Anja Olanda 14,00
29 Sim Samantha Inghilterra 14,00
30 Justa-Kowalska Kamila Polonia 14,00
31 Ivancs Zsuzsanna Ungheria 14,00
32 Mensink Chantal Olanda 14,00
33 ?tajduhar Tatjana Croazia 15,00
34 Camporesi Milena Italia 15,00
35 Timoshkina Tatiana Russia 15,50
36 Stevanovic Bojana Serbia 16,00
37 Radanovic Vesna Croazia 16,00
38 Eremina irina Russia 17,00
39 Liebenberg Adele Sud Africa 17,00
40 Malutan Cristina Romania 18,00
41 Nadan Valerie Francia 18,00
42 Ferreira Virginia Portogallo 18,00
43 Abbott Julie Inghilterra 18,00
44 Kov cs Hajnalka Ungheria 18,50
45 Belt van de Anouk Olanda 19,00
46 Snyman Carol Sud Africa 19,00
47 San Miguel Mart Virginia Spagna 19,00
48 Mateescu Ana Carolina Romania 19,00
49 Ellmer Diana Germania 20,00
50 Mach Elzbieta Polonia 20,00
Articolo di Angelo Borgatti ( Noi Pescatori, Pesca In, Tubertini High Quality)

 

 
I commenti sono disabilitati.

Benvenuto 
Ci sono 1209 Utenti collegati


Form Object


< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             

RICORDATI DI CONDIVIDERE QUESTA PAGINA CON I TUOI MIGLIORI AMICI SU:



Titolo
ARCI PESCA (31)
ATTIVITA' SOCIALI E RICREATIVE (7)
CAMPIONATI MONDIALI (7)
CARPFISHING (29)
CURIOSITA' (20)
DOCUMENTI (9)
EVENTI (24)
FIUMI ITALIANI (2)
GARE AD INVITO (20)
ITINERARI (19)
LEDGERING FEEDER (6)
NEWS G.P.O. (9)
PASTURE e ATTREZZATURA (10)
PERSONAGGI (2)
PESCA A MOSCA (1)
PESCA AL COLPO (73)
PESCA IN FIUME (5)
PESCA IN MARE (6)
REGOLAMENTI (1)
SCRIVONO DI NOI (16)
SPECIE ITTICHE (30)
SPINNING (60)
TECNICHE (5)
TEMATICHE AMBIENTALI (25)
TROTA IN LAGO (12)

Catalogati per mese:
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli articoli piu' cliccati

Titolo

VIDEO GPO CHANNEL IN PRIMO PIANO


 


Titolo
VI PIACCIONO I NOSTRI ARTICOLI?

 NON POSSO STARNE SENZA!
 MOLTISSIMO
 MOLTO
 ABBASTANZA
 COSI' COSI'
 NON MI ESPRIMO
 POCO
 POCHISSIMO
 LI ODIO!





06/04/2020 @ 19:17:40
script eseguito in 140 ms


Ambiente e natura



 

Segnalato da
Web Directory Gratuita

Segnalato da:
www.aggiungisito.it

Googlerank, pagerank di Google

Segnalato su: Aristotele, motore di ricerca Italiano

Click Web

METEO DA 3BMETEO.COM